EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Nirvana
gennaio 18th, 2016 da Ananda Saraswati

samadh

“Il raggiungimento del Nirvana mi proiettò all’ improvviso in una condizione al di sopra, senza pensiero e non contaminata da alcun movimento mentale o vitale; non c’era ego, né mondo reale; solo quando “si” guardava attraverso i sensi immobili, qualcosa percepiva o portava sul suo assoluto silenzio un mondo di forme vuote, di ombre materializzate prive di vera sostanza. Non c’era l’Uno e neppure il Molteplice, ma solo e assolutamente Quello, senza forma, senza relazioni, puro, indescrivibile, impensabile, assoluto, tuttavia supremamente reale e unicamente reale. Non si trattava di una realizzazione
mentale né di qualcosa intravisto lassù da qualche parte, non era un’astrazione, era positivo, l’unica realtà positiva (sebbene non fosse un mondo fisico spaziale) che pervadeva, occupava o piuttosto inondava e sommergeva questa sembianza
di mondo fisico, senza lasciar posto o spazio a qualunque realtà che non fosse se stessa, senza permettere in alcun modo ad altro di sembrare reale, positivo o sostanziale.

Non posso dire che nell’esperienza, così come la ebbi, ci sia statoqualcosa di esaltante o di affascinante – l’Ananda (beatitudine) ineffabile lo ebbi anni più tardi – ma ciò che portò fu una Pace inesprimibile, un silenzio stupendo, un’infinita liberazione e libertà. Vissi in quel Nirvana giorno e notteprima che esso cominciasse ad accogliere in sé altre cose o a modificarsi, e il nucleo stesso dell’esperienza,il suo ricordo costante e il suo potere di ritornare rimasero finché alla fine essa cominciò a scomparire in una più grandeSupercoscienza più in alto.

Ma, nel frattempo,una realizzazione veniva ad aggiungersi ad un’altra realizzazione e si fondeva con questa esperienza originale. Presto l’aspetto di un mondo illusorio lasciò il posto ad un aspetto incui l’illusione – l’interpretazione sbagliata da parte della mente e dei sensi dell’esistenza manifestata – non era che un piccolo fenomeno di superficie con un’immensa Realtà divina dietro, una suprema Realtà divina al di sopra, e un’intensa Realtà divina nel cuore di tutte le cose che,all’inizio, mi erano sembrate solo immagini od ombre cinematografiche. E questo non era un reimprigionamento nei sensi, una diminuzione o una caduta dall’esperienza suprema; anzi era come un’elevazione e un ampliamento costanti della Verità; era lo spirito, non i sensi, a vedere gli oggetti, e la Pace, il Silenzio, la libertà nell’Infinità rimanevano sempre, mentre il mondo e tutti i mondi erano solo come un episodio ininterrotto nell’eternità senza tempo del Divino.

Che cos’ è il Nirvana?
Nel Buddhismo ortodosso significa sì disintegrazione, ma non dell’ anima – perché ciò non esiste – bensì di un composto mentale o flusso di associazioni o samskara che scambiamo per noi stessi. Nel Vedanta illusionista significa non
una disintegrazione ma la scomparsa di un sé individuale falso e irreale nell’unico Sé o Brahman; è l’idea e l’esperienza dell’individualità che così scompare e finisce, potremmo dire una falsa luce che si estingue (nirvana) nella vera
Luce. Nell’esperienza spirituale è a volte la perdita di ogni senso d’individualità in una coscienza cosmica illimitata; quello che era l’individuo resta solo come un centro o un canale per il flusso di una coscienza cosmica e di una forza e un’ azione cosmiche. O può essere l’esperienza della perdita dell’individualità in un essere e una coscienza trascendenti in cui scompare tanto il senso del cosmo quanto l’individuo, oppure in una trascendenza che è cosciente dell’azione cosmica e la sostiene. Ma che cosa intendiamo per individuo? Quello che in genere chiamiamo con questo nome è un ego naturale, un espediente con cui la Natura agisce contemporaneamente nella mente e nel corpo. Quest’ego deve estinguersi, altrimenti non è possibile alcuna liberazione completa; ma il sé individuale o anima non è questo ego. L’anima individuale è l’essere individuale che a volte viene descritto come una particella eterna del Divino, ma può anche essere descritto come il Divino stesso che sostiene la propria manifestazione quale Molteplice. Questo è il vero individuo spirituale
che appare nella sua verità completa quando ci sbarazziamo dell’ego e del nostro falso senso separatore dell’individualità e realizziamo la nostra unità con il Divino cosmico e trascendente e con tutti gli esseri.”
Sri Aurbindo
(dalle lettere sullo yoga)

Condividi!

Lascia un commento

XHTML: È possibile utilizzare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira