EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Equinozio 2016 – Sole, il suo potere miracoloso
marzo 20th, 2016 da Ananda Saraswati

padre-e-figlio2

Con l’Equinozio di primavera, oggi siamo entrati in un altro ciclo.Mentre la giornata è uguale alla notte cosa che avviene oggi, si creano delle energie particolari che portano una trasformazione profonda della natura esteriore ed interiore. In questo periodo tutto si risveglia alla vita e tende a gioire delle energie profonde della primavera. Anticamente nelle diverse tradizioni spirituali, si affermava che ogni forma di evoluzione ha tre tappe: creazione, mantenimento e dissoluzione, a tutte si aggiunge il momento di apogeo a quelllo che si è creato. L’Equionozio di primavera rappresenta la creazione. Nelle diverse culture del Sud America, degli indiani d’America, Oriente si faceva la danza del Sole, si piantava un albero, cantavano e meditavano , celebravano questo giorno.
In sanscrito il Sole è chiamato, Surya, è importante oggi a connetersi con Surya attraverso la meditazione e chiedere che accenda la luce solare dentro di noi.

Buon inizio a tutti!

Omraam-Mikhaël-Aïvanhov-meditazione-al-mattino

Vediamo in seguito cosa dice O.M.Aivanhov a proposito del sole.
“Dovete sapere che siamo venuti sulla terra per evolvere e che, per migliorarci, nulla è più importante del lavoro su noi stessi. Esso è la base del nostro successo, del nostro avvenire e della nostra felicità; al di fuori di questo non ci si deve attendere nulla…
Poiché ci stiamo occupando del sole, vorrei dire qualche parola… Più volte vi ho detto che ci si dovrebbe preparare per l’alba già la sera prima, non mangiare troppo, non coricarsi troppo tardi, non fare nulla che l’indomani potrebbe crearvi preoccupazioni o turbamenti, ma sistemare tutto in modo tale da essere liberi, col pensiero limpido e il cuore in pace, senza nulla da mettere a posto, da rimpiangere o da rimediare. Ciò è molto importante.
Poi, in questo stato di quiete e di pace, cominciate lentamente, dolcemente a meditare, senza concentrarvi subito intensamente sul sole. Dapprima date un’occhiata al vostro mondo interiore, per verificare in che stato si trovano i suoi abitanti; se c’è frastuono, se ci sono disordini o rivoluzioni, cercate di calmare ed equilibrare il tutto, poiché solo dopo esservi liberati, dopo aver instaurato in voi l’armonia e la pace, potete proiettarvi verso il sole, immaginarlo come un mondo meraviglioso, popolato dalle creature più perfette, dagli esseri più luminosi che vivono nell’intelligenza sublime, nell’amore assoluto, nella purezza assoluta e pensare che lassù regnano un ordine, una cultura e una civiltà tali da superare ogni immaginazione…
Giorni fa, vi dicevo che nel sole esistono città intere, palazzi, montagne… e voi ne siete rimasti stupiti, increduli! “Come, non ha senso! In quel calore, in quel fuoco, come possono vivere degli esseri?” Ma che cosa ne sapete delle possibilità di vita, delle condizioni nelle quali la vita può apparire, mantenersi e svilupparsi? La vita è sparsa ovunque nell’universo; perché non potrebbe esserci anche nel sole? Naturalmente per gli esseri umani le condizioni sono inimmaginabili e, per ora, nessuno mi vorrà credere… Bisognerà indagare sul fatto!
Preparatevi dunque ad andare a verificare e ricordate che ognuno dovrà fare personalmente le proprie indagini. Non bisogna credere agli altri né dare ascolto alle storie. Ci dobbiamo piuttosto equipaggiare per fare un’ascensione fino al sole! “Ma come – direte – nessun aereo e nessun missile potrebbero raggiungerlo”. È vero, ma il Signore ci ha dato tutti gli strumenti, tutti i mezzi necessari, non abbiamo forse il pensiero e l’immaginazione che costituiscono delle possibilità straordinarie? Con il pensiero e con l’immaginazione si va diritti verso il sole.
Se vi dicessi che siete già nel sole senza rendervene conto? Non lo sentite, ma una piccola parte di voi, un elemento molto sottile, già vi dimora. La scienza non è ancora riuscita a studiare realmente l’uomo, non sa ancora tutto ciò che di immenso, di ricco, di vasto e di profondo egli rappresenti. Ciò che si vede di lui, il suo corpo fisico, non è tutto, questo lo sapete già: l’uomo possiede altri corpi di materia sempre più sottile. Vi dicevo la stessa cosa a proposito della terra. La terra non è unicamente la parte che si vede, ma è racchiusa nell’atmosfera che si eleva sino a varie decine di chilometri e che si divide in vari strati, ognuno dei quali ha un suo nome ben preciso.
Quello che la scienza non sa è che in questi strati si trova un’infinità di elementi, di entità e che al di là dell’atmosfera, la terra possiede anche un corpo eterico che non si vede, ma che giunge fino al sole, anzi, lo tocca… Quindi il corpo eterico della terra si fonde con quello del sole; inoltre anche il sole possiede un corpo eterico che si estende oltre la propria sfera, fino alla terra e oltre, fino a includere persino i pianeti più lontani. Ora, dal momento che il sole e la terra si toccano, sono già fusi l’uno nell’altra e dato che l’uomo è creato a immagine dell’universo, possiede qualcosa che si estende verso l’alto e che va molto lontano. Si tratta di emanazioni, di raggi – se volete – che vanno fino al sole…
È così che l’essere umano, considerato nel suo aspetto superiore, sublime, divino, dimora già nel sole senza però esserne cosciente, perché lavora solamente con il cervello, le cui possibilità sono limitate al mondo fisico. Quello che vi sto dicendo vi sembrerà incredibile, poiché siete abituati a concetti troppo limitati per poter capire e accettare una simile filosofia. Queste sono comunque, cari fratelli e sorelle, verità da conoscere e da studiare.
Quando un essere umano comincia a studiare nella scuola divina della Fratellanza Bianca Universale, si sposta progressivamente da una regione limitata della coscienza, unicamente sensoriale e fisica, a una regione superiore, quella della supercoscienza. La regione della supercoscienza è immensa; essa ha migliaia di livelli che si devono percorrere fino a raggiungere la consapevolezza d’essere già abitanti del sole e di esistere già nel sole stesso.
Questa parte di noi, questo essere, questa entità che dimora nel sole è il nostro Sé superiore. Il Sé superiore non abita ancora nel nostro corpo fisico, se così fosse, realizzerebbe veri e propri prodigi; solamente di tanto in tanto si presenta, si manifesta, prende contatto col nostro cervello, ma siccome il cervello non è ancora preparato a sopportarne la frequenza e a vibrare all’unisono con lui, il Sé superiore se ne va.
Tuttavia, Egli lavora sul nostro cervello, lo prepara e il giorno in cui lo renderà capace di ospitarlo, verrà a dimorare in noi. Il nostro Sé superiore non è altro che Dio stesso, una parte di Dio; per questo nei mondi superiori noi siamo Dio, perché nulla esiste al di fuori di Dio. Dio si manifesta attraverso il Creato e le sue creature, noi siamo dunque una Sua particella, non esistiamo separatamente da Lui. La vera illusione e di crederci separati.
Quando i saggi parlano di maya, l’illusione, non si riferiscono al mondo materiale, il mondo non è maya, ma lo è il nostro sé inferiore, perché ci dà l’illusione di esistere come esseri separati dalla Divinità. Il mondo è una realtà, come lo è pure la materia; anche le menzogne e l’inferno sono delle realtà. L’illusione, ve lo ripeto, viene dal nostro sé inferiore che ci spinge sempre a considerarci come degli esseri separati. Finché viviamo su piani troppo bassi, sul piano del nostro sé inferiore, siamo nell’errore, siamo in uno stato d’illusione e non possiamo percepire la vita unica, universale, cioè quell’Essere cosmico che tutto pervade. Il nostro sé inferiore ci impedisce di sentirlo e di comprenderlo.
Ora, il lavoro che facciamo al mattino col sole, grazie alle meditazioni e alle preghiere, ha proprio lo scopo di ristabilire il legame, di costruire un ponte fra il sé inferiore e il Sé superiore che dimora nel sole. Quando il ponte sarà costruito, si renderà possibile la comunicazione e allora ritorneremo verso il nostro Sé superiore che vive accanto a Dio, nella gioia, nella felicità, in una libertà senza limiti. Sì, una parte di noi abita già in Dio, in una condizione di felicità indescrivibile.
Ecco una cosa che dovete capire, miei cari fratelli e sorelle, proprio perché siete stati educati e istruiti sulla base di concetti che nulla hanno in comune con queste verità. Per voi è difficile accettare una simile idea, ma si tratta della più grande verità. Se continuerete a lavorare solo col sé inferiore, con i cinque sensi, con la coscienza della separazione, con la convinzione di essere creature a sé stanti, lontane dalla vita collettiva, dalla vita universale, vivrete sempre nelle illusioni e nel falso, lotterete, vi batterete, soffrirete, ma non troverete mai la pace, perché in questo stato di separazione, è assolutamente impossibile. Finché si pensa e si ragiona egoisticamente, si rimane infelici e tormentati, perché su questa base non si trova la serenità. Se invece si riesce ad abbandonare questa filosofia, se si fanno almeno degli sforzi per uscirne, a poco a poco ci si sentirà compenetrati dalla vita universale, si vivrà nello spazio infinito, nell’eternità.
Ciò sarà talmente straordinario che non ci si renderà conto di che cosa stia succedendo… ma vuole dire ritrovare finalmente la realtà, la vita divina. Migliaia di creature sono vissute in questo stato di coscienza; perché non dovreste riuscire anche voi? È molto semplice, molto facile, miei cari fratelli e sorelle, ma impossibile da realizzarsi finché nutrirete il concetto di separazione, la convinzione di essere creature staccate, estranee l’una all’altra e che potete impunemente far del male, danneggiare, ferire…
Pensando in questo modo, senza esserne coscienti, è a voi stessi che fate del male, perché voi dimorate anche negli altri. Ma questa è una cosa che non potete ancora comprendere. Un giorno, quando comincerete ad avvicinarvi a quel Sé superiore che dimora nel sole, che dimora negli altri pianeti, che dimora nella terra, negli alberi, negli oceani, nelle montagne e anche in tutti gli esseri, quel giorno tutte le sofferenze che infliggerete agli altri saranno le vostre sofferenze; quando farete del male, soffrirete, perché sentirete che quel male l’avete fatto a voi stessi. Sì, vi sto parlando di cose insolite, eccezionali, ma assolutamente vere, conosciute dagli Iniziati da millenni. Tutta questa luce è giunta a me da epoche molto lontane e io ve la trasmetto.
Sappiate d’ora in poi che il sole ci aiuta enormemente nel tentativo di ristabilire il ponte fra noi e il nostro Sé superiore. Senza il suo aiuto, l’uomo vivrà forse ancora migliaia di anni nella filosofia della separazione, senza mai trovare quella pienezza che cerca. L’uomo deve introdurre in sé la filosofia dell’unità universale, quel punto di vista che consiste nel sentirsi uno con il Creatore, uno con tutte le entità luminose, con gli angeli, con gli arcangeli, con le divinità. Grazie a questa filosofia egli brucerà le tappe avvicinandosi rapidamente ed efficacemente alla sorgente…
Ora vi insegnerò un metodo che vi aiuterà. Quando al mattino assistete al levar del sole, pensate di essere già lassù, e dal sole guardatevi laggiù in terra; sdoppiatevi, separatevi dal vostro corpo, divertitevi nel guardarvi e sorridete di voi stessi dicendo: “Oh, poverino! Guardatelo com’è piccolo, com’è buffo! E dire che quello sono io!… Ma lo aiuterò, lo aiuterò!”. E con questo esercizio d’immaginazione, giorno dopo giorno, comincerete a stabilire un ponte… Non si sa quanto tempo richiederà tale costruzione, poiché non si lavora con ferro, calcestruzzo o acciaio, ma con un’altra materia, una materia molto sottile, quella del piano mentale. Siete tutti chiamati a compiere questo lavoro; ci sono fra voi dei candidati per andare fin lassù?…
Una volta arrivati nel sole, immaginate anche di far visita all’Arcangelo che lo governa e di parlargli, immaginate che vi prenda fra le braccia, che vi riveli dei segreti, che vi doni la sua luce e che voi inviate dei raggi di questa luce a quell’essere laggiù, a quell’essere che – per così dire – siete voi, ma che non siete realmente voi. In questo modo, cominciate a sentire una forte espansione della vostra coscienza, una pace celeste; ed è quando ci si trova in questo stato che arrivano delle rivelazioni straordinarie…
Potrete così sviluppare nuove facoltà per comprendere e compenetrare le cose e divenire, poco a poco, un essere eccezionale che esteriormente continua ad assomigliare agli altri ma interiormente, non è più lo stesso, poiché nuove possibilità si sono sviluppate in lui.
In seguito, siccome non ci si può concentrare sempre sullo stesso soggetto, vi insegnerò altri metodi che potrete praticare successivamente e pensare così al sole, ogni giorno, in un modo differente. È tale la varietà di metodi, che non correrete di certo il rischio d’annoiarvi. Non bisogna concentrarsi ogni giorno sullo stesso esercizio. Si potrebbe dire che l’intelletto funziona come lo stomaco. Infatti, esso ha bisogno di variare il tipo di cibo introdotto e se gli si impone tutti i giorni lo stesso alimento, col tempo non potrà più sopportarlo e si ribellerà.
Per il lavoro spirituale bisogna avere esperienza, bisogna conoscere i fattori psicologici, altrimenti è impossibile avanzare! Io sono qui proprio per indicarvi i mezzi e i metodi che faciliteranno il vostro lavoro. Si devono variare i metodi, ma occorre dirigersi sempre nella stessa direzione cioè verso il centro, verso il Creatore, verso la luce, verso la libertà, verso lo splendore…
Queste rivelazioni in merito al vostro Sé superiore, possono apportarvi molta speranza e aumentare il vostro coraggio. Ora non potete più sentirvi come esseri miserabili, insignificanti, smarriti. Il Sé Superiore di ognuno di voi, senza eccezioni, si trova nel sole. L’unica differenza sta nel fatto che alcuni lo troveranno presto e altri più tardi e ciò dipende da numerosi fattori, fra cui lo stato buono o cattivo nel quale si trova il corpo fisico. Coloro che hanno lavorato a lungo per preparare il corpo, il cervello e i polmoni per avvicinarsi a tale verità, arriveranno molto prima alla realizzazione del Sé. Ciò che vi rivelo deve allontanare da voi delusioni, amarezze e scoramenti e deve darvi una speranza assoluta: un giorno giungerete tutti in porto.
Sappiate che otterrete ciò che desiderate; non posso dirvi entro quanto tempo, ma lo otterrete, perché secondo le leggi della natura vivente, l’uomo, alla fine, con la costanza ottiene tutto ciò che desidera. Continuate quindi a desiderare le cose migliori. Colui che desidera la bellezza, per esempio, diventerà bello, espressivo. Colui che ama la potenza, ma una potenza che rigenera, che guarisce, che calma e migliora gli uomini, quella potenza che apporta ovunque armonia, ebbene egli l’otterrà e le creature diranno al suo passaggio: “Signore Iddio, voglio seguirti, voglio venire con Te”. E un altro che avrà desiderato la scienza e l’intelligenza, proietterà luce dappertutto e grazie alle rilevazioni che sarà in grado di dare, condurrà gli altri esseri verso il Creatore. Colui che desidera l’amore, sarà l’incarnazione dell’amore divino, del suo calore, del suo profumo e ovunque passerà, riverserà nei cuori e nelle anime qualcosa di buono, di amorevole e di affettuoso. Colui che ama la purezza ne diventerà una fonte e ovunque intorno a lui farà sparire impurità e brutture. Diventare come un fiume, come una cascata, come un lago, non è meraviglioso?
Allora concentratevi, scegliete la virtù che più vi attrae e lavorate su di essa. Più tardi lavorerete anche sulle altre virtù, perché dobbiamo diventare perfetti come il nostro Padre celeste, dobbiamo diventare esseri di purezza, di luce, d’intelligenza, di bontà, d’amore, di potenza, di bellezza…
Vale perciò la pena di assistere al sorgere del sole per proiettarsi verso l’alto, per elevarsi con tutte le proprie forze, con tutta la propria energia verso un grande ideale… Guardate quali ideali vi propone l’umanità: il denaro, il piacere, la ribellione… Qui invece camminate verso lo splendore, la pienezza, la vera ricchezza…
Ricordate solo una cosa. Ogni mattina, al risveglio, considerate il sole come la cosa più importante, concentratevi su di lui, cercatevi in lui e costruite un ponte…

Omraam Mikhaël Aïvanhov (Le Bonfin, 1° agosto 1967)

Sun-Eyes
La ghiandola pineale è fortemente collegata alla luce solare per questo motivo molte tradizioni consigliano di svegliarsi molto presto e meditare e osservare il sole all’alba. Lo stesso motivo per cui le popolazioni in cui vi è molto sole le donne e gli uomini sviluppano prima ed hanno una maggiore fertilità.

Guardare fisso il Sole è una pratica valida per sviluppare facoltà superumane e per guarire il corpo.
Mai voluto essere in più di un posto alla volta? Esatto, sto parlando di abilità sovrumane che possono essere ottenute da chi segue il protocollo conosciuto come Sun-Gazing, “guardando il sole”, una pratica valida recentemente confermata dalla NASA. Molti sostenitori di questa antica tecnica, usata da molte culture come i Maya, gli Egizi, Atzechi, Tibetiani e Indiani, riportano non solo benefici di guarigionee alle comuni malattie, ma anche l’ottenimento di abilità da super umano come un’avanzata telepatia e l’aver non bisogno di cibo.

Cos’è il Sun Gazing (guardare dritti il sole)?
Sun gazing (anche conosciuto come sun-eating, “mangiando il sole”) è una pratica di introduzione graduale alla luce solare nei tuoi occhi, al più basso momento del giorno per i raggi ultravioletti – alba e tramonto. Chi insegna la pratica parla di svariate regole. Primo, deve essere fatto nelle ore subito dopo l’alba o prima del tramonto per non danneggiare gli occhi. Secondo, essere a piedi nudi, in contatto con la terra – sabbia, sporcizia, fango; e finalmente si può iniziare con i primi 10 secondi del primo giorno, incrementando a intervalli di 10 secondi per i giorni seguenti. Seguendo queste regole si ottiene una procedura sicura, dicono i sostenitori. Nikolai Dolgoruky, ucraino, si fa chiamare un “sun-eater” (mangiatore del sole). Praticante da 12 anni, è stato sostenuto dai raggi solari sin da quando ha cominciato. Altri hanno riportato la perdità del bisogno di cibo dopo appena 9 mesi di pratica (nei quali si esercitavano per un massimo di 44 minuti). Dopo 9 mesi di pratica, si ha bisogno solo di camminare a piedi nudi per 45 minuti al giorno, 6 giorni di fila per incrementare il processo. Sun-gazing è una pratica chiamata anche fenomeno HRM, coniata dopo Hira Ratan Manek, l’uomo che si sottometteva alla NASA per test scentifici, per conferma dei suoi poteri supernaturali come l’abilità di non mangiare ottenuta grazie alla pratica di questa meraviglia. Fondato dalla NASA, una squadra di dottori all’Università della Pennsylvania, osservò Hita 24 ore al giorno, 7 giorni a settimana per 100 giorni. La NASA confermò che era abile a sopravvivere durante le ore solari con occasionalmente solo una piccola quantità di latte o acqua.
Cosa succede al corpo durante il Sun-Gazing?
Durante i primi 3 mesi di pratica, l’energie solari si muovono nei tuoi occhi e ricaricano il tratto dell’ipotalamo, dicono i sostenitori e praticanti. L’ipotalamo è il tratto che dalla retina porta al cervello. Esso poi, si attiva dal rifornimento d’energia ricevuta dal sole. Prima si ha un’esperienza di rilievo della tensione mentale e delle preoccupazioni, il quale la maggior parte delle volte sono ricevute dal cibo che mangiamo. Dal momento che il cibo che mangiamo è l’energia solare, non ci dovremmo neanche più preoccupare della digestione. Sebbene la fame cesserà, è bene continuare a mangiare regolarmente durante il periodo iniziale, fino a che l’appetito sparisce naturalmente. Un altro beneficio è l’essere più confidenti e l’abilità di risolvere problemi più facilmente, poiché si è senza tensioni emotive. Ciascuno di noi ha un minimo di psicosi, ma durante i primi mesi di pratica, è riportato che queste attitudini sono portate a sparire e un senso positivo di gratitudine rimpiazza la vecchia personalità piena di paure. Alla fine dei 3 mesi, il sun-gazing aumenterà a 15 minuti al giorno. I sostenitori dicono che le cattive qualità scompariranno gradualmente e quelle buone rimarranno, spiegando che quelle cattive si sviluppano solo in assenza di sole. Rabbia, paura, gelosia, lussuria – sono per scomparire e rimpiazzate dalla confidenza e dalla “conoscenza spirituale”. A 3-6 mesi, gli studi mostrano che le malattie fisiche iniziano a scomparire. Si dice che quando una persona arriva ai 30 minuti al giorno (dai 10 secondi iniziali), tutti i colori del sole vanno al cervello. I terapeuti del colore attribuiscono la loro guarigione di alcune malattie inondando il corpo e il cervello con il colore particolare che manca – a seconda del disturbo. Per esempio, in malattie del fegato, è il verde quello mancante. I reni hanno bisogno di rosso, e il cuore di giallo. Tutti gli organi rispondono a differenti colori dell’arcobaleno, per questo si raccomanda da sempre una dieta ricca di svariati colori. E’ raccomandato durante un periodo di 3-4 mesi di usare l’autosuggestione per vedere il tuo corpo migliorato dalle malattie. Quest’azione faciliterà il processo. Come si continua il processo, si segnala che dopo 6 mesi, l’energia immagazzinata dalla tecnica non è più utilizzato per riparare il corpo o la mente e può muoversi ora in voi il sostegno ad acquisire abilità più super-umane.
Cosa c’è dietro la guarigione?
Per sette mesi e mezzo di pratica, ora a 35 minuti, il bisogno e desiderio di cibo sta diminuendo. Secondo gli esperti, il cibo non è effettivamente necessario per mantenere il corpo, solo l’energia del sun eating provvede a questa energia. Entro nove mesi, tutto il gusto per il cibo, tra cui aroma, tutti i dolori della fame e voglie scompaiono. Coloro che si addentrano fino a questo punto dicono che riportano un ‘cambiamento’ evidente nel modo in cui il loro cervello si sente. Dopo 9 mesi di guardare il sole – raggiungendo un massimo di 44 minuti – è consigliabile di arrendersi al sole e reindirizzare la vostra attenzione ora alla Terra. Per 6 giorni di fila, uno è quello di camminare a piedi nudi sulla terra, 45 minuti al giorno. Durante questo camminare a piedi nudi, la ghiandola pineale si attiva. I sun-gazer e chi gli scenziati dicono che ogni dito è collegato ad una ghiandola specifica, e grazie al camminare a piedi nudi sulla Terra, si attivano queste ghiandole. L’alluce è pensato per essere allineato con la ghiandola pineale, il secondo dito con la pituitaria, poi l’ipotalamo, talamo e infine la punta mignolo correla alla amigdala. Camminando a piedi nudi, con il sole ormai cadente sulla parte superiore della testa, si crea una sorta di campo magnetico dentro e intorno al corpo che voi e il vostro cervello vi ricaricate. A quanto pare questa parte del camminare a piedi nudi è l’aspetto più importante della pratica. Continuando a camminare sulla Terra, si attiva la magia. La ghiandola pineale si attiva sempre più da questa procedura dei piedi. L’intelletto è detto ad aumentare, insieme con la memoria. La ghiandola pineale è dotato di funzionalità di navigazione e psichiche, cioè la telepatia, la possibilità di volo … che ora stiamo ottenendo da qualche parte! Avete mai pensato al desiderio di avere il vostro corpo in più di un luogo in un momento? Beh, il sun-gazing si dice che sia la chiave magica per tali abilità. Se si può camminare a piedi nudi 45 minuti ogni giorno per un anno – sei d’oro. A quel punto, solo un mantenimento di 3-4 giorni a settimana è necessario per mantenere le capacità che avete acquisito.
Ci sono pericoli?
Medici e professionisti dell’ottica mettono in guardia nel guardare direttamente il sole, dicendo che danneggia la retina. Tuttavia, se fatto correttamente, al momento giusto della giornata guardare il sole, gli studi dimostrano che vi è alcun rischio di danneggiare gli occhi. Coloro che sono stati sun-gazer per molti anni hanno avuto i loro occhi controllati per mostrare nessun danno, anche se si consiglia di avere gli occhi controllati nelle prime settimane di pratica, in modo da poter conoscere di persona gli effetti.
Conclusione
Ricordate, è 10 secondi il primo giorno, all’alba o al tramonto, aggiungendo 10 secondi ai giorni seguenti che ci saranno dopo. Dopo 90 giorni di osservazione cumulativa pari a 44 minuti, si cessa l’osservazione del sole e si avvia il camminare a piedi nudi 45 minuti al giorno per 6 giorni. A questo punto, possiamo immaginare, hey – se hai fatto tutto fino a questo punto, che cosa è un anno di camminare a piedi nudi un’ora al giorno per mantenere il tutto? Dovrete provare e vedere di persona. Se siete veramente interessati ad acquisire le abilità super-umane, confermate da organizzazioni come la NASA, come quelli di cui sopra, rimirare il Sole suona come un percorso abbastanza semplice per l’illuminazione.
Fonte: http://menphis75.com

 

Condividi!

Lascia un commento

XHTML: È possibile utilizzare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira