EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Curiosando si impara
novembre 3rd, 2017 da Ananda Saraswati

Tavola delle faccende domestiche per i bambini a seconda dell’età

Un aspetto molto importante nell’educazione dei bambini è insegnargli ad assumersi delle responsabilità man man che crescono. Questo non li aiuterà solamente ad essere più disciplinati e ad imparare le regole, bensì contribuirà anche a fargli guadagnare autonomia ed indipendenza. Un modo molto semplice e pratico per inculcargli il senso della responsabilità consiste nel renderli partecipi nelle faccende domestiche.

 

I 5 vantaggi di coinvolgere i bambini
nelle faccende domestiche

Sviluppo delle abilità motorie. Rifare il letto, mettere in ordine i giocattoli, vestirsi e apparecchiare la tavola sono esercizi eccellenti per lo sviluppo dell’equilibrio e della coordinazione motoria dei bambini. Inoltre, sono un buon allenamento per favorire la coordinazione occhio-mano ed il movimento di afferrare e di tenere gli oggetti.

Stimola la capacità di collaborazione. Quando i bambini si sentono partecipi nelle faccende domestiche sentono di fare parte di una squadra. Questa sensazione di appartenere ad un gruppo e di poter collaborare con gli altri membri della famiglia svilupperà la loro capacità di seguire le istruzioni e le loro abilità per lavorare in gruppo.

Stimola la fiducia in sé stessi. Il fatto che i genitori chiedano ai propri figli di partecipare nelle faccende domestiche rappresenta molto per i bambini. I piccoli lo percepiscono come un gran gesto di fiducia e si sentiranno valorizzati dai propri genitori, questo stimolerà la sicurezza in sé stessi e l’autostima.

Potenzia il senso di organizzazione. È stato dimostrato che i bambini che partecipano fin da piccoli nelle faccende domestiche, solitamente, sono più organizzati rispetto a coloro che non le fanno fino a quando sono grandi. Un beneficio che non solo si esprime nell’ambito familiare, bensì si riflette anche nel rendimento scolastico e professionale.

Facilita le sane abitudini. Le abitudini sono molto importanti nella vita dei bambini, in quanto gli permette di organizzarsi meglio e di essere più sicuri. Gli studi affermano che i bambini che aiutano nelle faccende domestiche abitualmente, solitamente hanno un miglior rendimento scolastico perché tendono a sviluppare maggiormente il pensiero logico. Per questo, farci aiutare nei lavori di casa è un modo per insegnargli a creare abitudini salutari.

3 chiavi per coinvolgere i bambini nei lavori domestici

Insegnagli come si fa. Prima di chiedere a tuo figlio di aiutarti in un lavoro domestico è importante che gli spieghi come si fa. In questo modo eviterai al piccolo di sentirsi frustrato per non saper fare ciò che gli stai chiedendo.

Armati di pazienza. Per quanto tuo figlio possa rifare bene il letto è probabile che non lo faccia tanto bene come lo faresti tu, forse perché non presta le dovute attenzioni o, forse, perché non ha ancora sviluppato le abilità che questo compito richiede. In qualsiasi caso è importante non sgridarlo per aver fatto male ciò che gli è stato chiesto, al contrario, dopo aver riconosciuto i suoi sforzi puoi insegnargli a perfezionarsi. Bisogna considerare che anche se il compito non è stato portato a termine tanto bene come pensavi, il bambino ha dato il meglio di sé e criticarlo non farà altro che abbassare la sua autostima.

Adatta le responsabilità alla sua età. Ogni lavoro domestico necessita di abilità che i bambini sviluppano man mano che crescono. Quando sono molto piccoli è probabile che siano pronti per raccogliere e riordinare i propri giocattoli, ma che non lo siano per vestirsi perché ancora non hanno sviluppato capacità di coordinazione. Pertanto, se gli chiedi di fare qualcosa per cui non è ancora pronto, è probabile che finirà per frustrarsi con la conseguenza di perdere la fiducia in sé stesso. Per fa sì che questo non accada, è importante che le attività siano adatte all’età del bimbo.

Tabella delle attività domestiche divisa per età

La seguente tabella di lavori domestici include alcune delle attività per le quali tuo figlio può essere preparato in ogni momento del suo sviluppo. Ovviamente, prima di metterla in pratica dovrai valutare se si adatta al livello di tuo figlio, in quando ogni bambino cresce con un ritmo diverso.

2-3 anni. Già può cominciare a riordinare i propri giocattoli, a mangiare da solo, a buttare le cose nella spazzatura, ad annaffiare le piante ed a portare i suoi vestiti nella propria stanza.

4-5 anni. Può vestirsi da solo, andare in bagno da solo, apparecchiare la tavola, dare da mangiare all’animale domestico e lavare i piatti sotto la supervisione di qualcuno.

6-7 anni. Può rifare il letto, organizzare la sua scrivania, preparare il proprio zaino, passare l’aspirapolvere e spolverare i mobili.

8-9 anni. Può lavarsi da solo, lavare i pavimenti, prendersi cura dell’animale domestico, preparare la colazione o cucinare dei piatti semplici sotto la supervisione di qualcuno.

10-11 anni. Può pulire la propria stanza, portare a spasso il cane, pulire il giardino, stendere la biancheria e prendersi cura di un fratellino.

12+ anni. Può portare fuori la spazzatura, fare la spesa, pulire la cristalleria e cucire un bottone.

Tavola delle faccende domestiche per i bambini a seconda dell’età

Condividi!

Lascia un commento

XHTML: È possibile utilizzare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira