EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Il linguaggio dei denti
Ottobre 15th, 2019 da Ananda Saraswati


Scritto da Daniele Bartoloni, odontoiatra

bartoloni1

Durante il mio percorso di studio, ho incontrato Michel Caffin, che ha scritto un bellissimo libro, comprensibile anche ai non addetti ai lavori:“Quello che i denti dicono di te”.
Nello scrivere questo libro l’autrice intende far scoprire il linguaggio della bocca soprattutto a quelli che ancora ignorano che i loro denti, per lo più alla loro insaputa, si esprimono. Decodificarne le espressioni è un modo per poter riconoscere se stessi, per accedere a un nuovo stato di coscienza e far luce su una dimensione inconscia che ci spinge ad agire alla cieca.
Quando la dottoressa Caffin si trova davanti un paziente non può che partire da una situazione di disordine, di caos, che può toccare la fonetica, l’occlusione, la respirazione, per esempio come succede nei bambini che respirano scorrettamente con la bocca predisponendosi a posizione dentarie scorrette.
La lingua invece che aderire al palato superiore, se ne sta orizzontale, sprofondata erroneamente tra le arcate durante la deglutizione.
Questi disordini corrispondono ad altrettanti problemi nascosti nell’inconscio.


“Rendere cosciente” dei loro traumi o dei comportamenti dannosi che hanno causato il disturbo, a volte porta dei cambiamenti sia nei pazienti, che non sono più le stesse persone di prima, sia nei loro denti.
L’agopuntura è una medicina completa, pratica, fondata su sistemi metafisici in cui l’agopuntore cerca, prima di tutto, l’origine del male per curare il sintomo; insegna che alcune parti del corpo come la lingua, i piedi, le mani, il volto, le orecchie, gli occhi, sono una cartografia nel corpo umano e che infilando un ago, ad esempio nel mignolo del piede, si può curare una lombalgia; analogamente, infilando un ago in un punto preciso della caviglia, si elimina un certo tipo di paura e di incubo.
Lo studio di queste materie l’ha indotta a riconsiderare i denti sotto una nuova luce: giacché ciascun dente è in relazione con un meridiano di agopuntura, non potrebbe essere una zona riflessa, proprio come gli occhi, i piedi e le mani? Ha potuto verificare le relazioni teorizzate tra il molare inferiore e le vertebre lombari, tra gli incisivi centrali e i reni e la vescica, e in numerosi casi ha potuto costatare la correttezza di queste relazioni o somatopie.
In base a tutti questi dati ha conseguentemente dedotto che se esiste  una correlazione tra gli organi fisici, deve esserci una correlazione anche tra i denti e le logge energetiche, quindi con i meridiani di agopuntura; e se ogni loggia energetica corrisponde ad un sentimento, quindi ad un fattore psichico, dovrebbe essere possibile tracciare una cartografia psico-emotiva dell’individuo basandosi sui suoi denti.
Di solito un dente viene esaminato in base alla morfologia, la posizione e la patologia, ma qui si tratta di risalire da ciò che è visibile ad occhio nudo a qualcosa di invisibile, a quale processo stia all’origine della manifestazione fisica del dente. Il dente è un’articolazione non mobile, con un suo sistema di legamenti che la collegano all’osso alveolare, un osso che compare con il dente, e poi con il dente scompare.
Questo ha un significato sul piano simbolico? Simbolicamente, tutto ciò che si trova all’interno corrisponde all’inconscio: il dente, allora, è il luogo in cui l’inconscio diventa visibile e dunque cosciente.
Sono nozioni apparentemente complesse rappresentate tuttavia da uno schema semplicissimo: una croce, il cui centro è collegato alla bocca, sarà lo schema che useremo per impossessarci delle chiavi delle corrispondenze morfo-psicologiche, e decodificare il significato in ogni dente sul piano emozionale.
Possediamo un asse verticale fisso, immutabile, un asse orizzontale mobile, in permanente squilibrio, nel senso che siamo tutti dei malati, più o meno in buona salute.
La posizione superiore dell’asse verticale detta POLO SUD si riferisce alla testa dell’uomo ed è collegata alla loggia cuore–piccolo intestino. Si riferisce all’elemento FUOCO, all’ESTATE, al colore ROSSO, alla COSCIENZA.
La posizione inferiore, detta POLO NORD, i piedi dell’uomo che poggiano in terra, è in rapporto con la loggia reni-vescica; si riferisce al vissuto ancestrale, all’elemento ACQUA, all’INVERNO, al colore NERO, alla VOLONTA’.
Il braccio orientale dell’asse orizzontale rappresenta la loggia fegato-vescica biliare. Si ricollega alla PRIMAVERA, all’elemento LEGNO, al colore VERDE, all’AGGRES-SIVITA’.   
Ad ovest troviamo la loggia polmone-grosso intestino, il COLORE bianco, l’elemento METALLO, l’AUTUNNO, la TRISTEZZA.
Il punto d’inserzione delle due assi corrisponde alla loggia milza-pancreas/stomaco: è collegato al colore GIALLO, alla RIFLESSIONE, alla MEMORIZZAZIONE, alla fine dell’ESTATE, all’elemento TERRA: la dimensione in cui l’uomo si ristruttura in permanenza, detto anche punto di riferimento interiore. Durante l’anno l’energia circola da una stagione all’altra, e tra due stagioni, vi è un periodo di 18 giorni in cui l’energia ritorna al centro, ossia alla MILZA.
Ogni loggia in agopuntura è dotata di un organo sensoriale di riferimento, e la bocca è l’organo sensoriale di   riferimento della loggia MILZA-PANCREAS-STOMACO.
Ci rimanda alla nozione dell’uomo canale, un canale energetico che corre tra la bocca e l’apparato genitale. Due estremità dotate di una funzione creatrice.
Da un  lato la creazione del verbo, dall’altro, la nascita della Vita.
Nella donna, piacere e dolore sono collegati a questi due poli: il ciclo mestruale e il parto avvengono nel dolore, mentre la bocca è legata al piacere del gusto e, di conseguenza, a una connotazione più sensuale.
La bocca è sempre stata carica di significati, giacché è grazie alla bocca che la fame è saziata e che le forze vitali sono introdotte per rigenerare il corpo, che l’aria penetra nei polmoni. E’ per mezzo della bocca che si esprime il linguaggio, veicolo del nostro sentire. Che sia un sorriso o una smorfia, la bocca svela una parte più intima di noi: allora diventa fondamentale il ruolo dei denti, del sorriso, per la forma, per come sono impiantati e per il rapporto tra essi. I testi della tradizione ebraica dicono che la testa dell’uomo è contenuta nel cielo e nella genesi. Dio separa il mondo divino dal mondo terreno, separa le acque di sopra dalle acque di sotto. L’uomo è il rappresentante del cielo sulla terra e porta in sé tutte le dimensioni dell’universo.
La relazione psico-morfologica dentale è una delle sintesi dell’individuo in cui leggiamo la sua storia e la sua vita presente.
Passa attraverso l’osservazione del dente e della sua forma, della sua posizione in bocca, della sua fisiologia, e del suo stato energetico.
Si tratta di una griglia schematica della bocca che consente una prima definizione dei denti, quadrante per quadrante, riconsiderandoli poi individualmente all’interno di ciascun quadrante, con una definizione propria. E’ possibile tracciare l’asse orizzontale e l’asse verticale corrispondenti alle parti YANG e YIN:
L’asse orizzontale separa l’osso mascellare superiore dal mascellare inferiore, come un confine tra il desiderio e l’universo concreto; l’asse perpendicolare delimita a destra ciò che corrisponde all’emisfero celebrale sinistro (la dimensione analitica, razionale, materiale, concreta). E a sinistra ciò che corrisponde all’emisfero celebrale destro (la dimensione della sensibilità, del desiderio, dell’affettività, della percezione interiore).
Possiamo allora definire i quattro quadranti come segue:
Quadrante superiore destro: aspiro a poter manifestare qualcosa di concreto nel mondo esterno.
Quadrante superiore sinistro: aspiro a esprimere un sentimento che è già dentro di me
Quadrante inferiore destro: attivo nella dimensione concreta la mia aspirazione (l’ambito lavorativo in cui si incarnano le nostre aspirazione)
Quadrante inferiore sinistro: traduco in manifestazione la mia sensibilità
Ci si può allora chiedere perché è stata toccata soltanto la parte destra e per avere una risposta ci sarà di grande aiuto l’analisi dei quattro quadranti. Su ciascuna arcata dentale i denti sono disposti in due paia: quattro incisivi, quattro premolari e quattro molari; ma abbiamo un solo paio di canini e un solo paio di denti del giudizio. Il fatto che i denti procedono per due o per multipli di due ricalca il dualismo in cui viviamo. La dentizione si costituisce come la volta, dove la chiave di volta è rappresentata dai canini, i denti del giudizio fungono da base, da pilastri. I canini compaiono quando l’individuo diventa capace di dare la vita, e i denti del giudizio solo quando avrà integrato tutti i piani della sua trasformazione.
Il corpo è infatti ologramma, e ciò che è visibile in un   dato punto ha altri luoghi di proiezione, in altre parti del corpo, ove è possibile rilevare, per risonanza, un disturbo in senso ascendente o discendente: per esempio un molare inferiore malato può scatenare una sciatica e una sciatica può fare venire un dolore al molare inferiore. Per rilevare queste corrispondenze possiamo procedere con questo tipo di lettura: nella porzione superiore del corpo (il tronco) troviamo corrispondenze che riguardano la posizione di arcata, superiore o inferiore, che va da canino a canino: i canini superiori e inferiori corrispondono alla spalla, a loro volta correlate alla volontà.
Gli incisivi superiori o inferiori sono in relazione sia con la tiroide, ghiandola legata all’integrazione personale, sia con lo stomaco, proposto a digerire gli alimenti ma anche le emozioni e gli stress più indigesti, sia con la vescica, legata a sentirsi minacciati nel proprio spazio   vitale o paura della morte, e patologie come cistite ed enuresi.
Lo stomaco è associato alla dimensione affettiva, questo ci fa constatare la corrispondenza tra le emozioni mal digerite e il dente. I molari corrispondenti alle anche e all’insieme del bacino, i premolari al ginocchio, gli incisivi alle caviglie.
L’estrazione dei quattro denti del giudizio in un colpo solo ha spesso nelle donne ripercussioni sulle mestruazioni, che diventano più dolorose e più abbondanti. Le corrispondenze tra i denti e i meridiani dell’agopuntura possono spiegare alcune manifestazioni patologiche: ad esempio gli incisivi centrali e laterali sono in rapporto con il meridiano rene-vescica e quindi con problemi ginecologici, soprattutto quelli legati all’andamento dell’ovulo e i problemi di enuresi. I canini sono in relazione con il meridiano fegato-vescica biliare; il riferimento qui è alla libido e al funzionamento delle ovaie.
I premolari superiori e i molari inferiori corrispondono al meridiano polmone-grosso intestino e quindi correlati alla perdita di capelli e alla sinusite. I molari superiori e premolari inferiori sono in rapporto con il meridiano milza-pancreas e stomaco: disturbi circolatori e stanchezza. I denti del giudizio corrispondono al meridiano cuore-piccolo intestino, disturbi di origine ghiandolare e muscolare. Se per esempio ci sono contrazioni muscolare o un torcicollo bisogna tener d’occhio i denti del giudizio e fare molta più attenzione durante le terapie e le estrazioni.
E’ vero che quando siamo dal dentista la faccenda assomiglia ad un corpo a corpo: il paziente è sdraiato con la bocca spalancata, pieno di cannule, cotone, che quasi non riesce nemmeno a gridare, a 10 cm dal medico senza poter indietreggiare.
Ma cosa accade al dentista? lui se ne sta emerso nella vostra aurea, nelle emozioni del paziente, e registra, nel proprio inconscio, dato la posizione della bocca aperta, tutto quello che accade dentro di loro. La bocca infatti contiene il nostro vissuto, le nostre esperienze passate e presenti, di solito ben custodite dietro alle labbra chiuse.
“Non aprire la bocca”, “Parla a denti stretti”, sono espressioni correnti che assumono, sul piano dell’inconscio, il loro pieno valore: suggeriscono che l’individuo custodisce segretamente il suo vissuto. Aprir bocca significa mettersi a nudo di fronte al dentista, mostrare quello che avete di più profondo e di più intimo.
Rispetto alla medicina tradizionale, la medicina delfuturo è una medicina olistica; nel momento in cui compare il sintomo, opera una sintesi fra quest’ultimo e il modo di funzionare dell’individuo, nella sua triplice dimensione Corpo-Mente-Anima, tenendo conto che ogni parte del corpo è un’espressione del tutto.
La pratica della medicina energetica richiede un lavoro su stessi, tale da prendere coscienza dei vari tipi di energia che ci animano e ci circondano.
Ci permette di realizzare un equilibrio che passa per l’igiene di vita, per il rispetto delle energie che circolano nel suolo, negli oggetti, negli abiti che portiamo, nel cibo che mangiamo: una medicina che richiede di saper maneggiare bene, nel senso di averne cura, il piano affettivo, perché in assenza di tale equilibrio la nave cola a picco nella tempesta delle emozioni. In base a questi nuovi dati oggi possiamo parlare di una medicina dentaria energetica.
Intervenire su un dente vuol dire agire su un altro organo del corpo, toccare la sfera emozionale, la coscienza, il Sé.
C’è in questa presa di conoscenza la necessità di riflettere bene prima di fare un gesto.

Fonte:www.percorsibiosalute.it

Condividi!

Lascia un commento

XHTML: È possibile utilizzare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira