EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
DIGIUNO DISINTOSSICANTE
30th Lug, 2014 da Ananda Saraswati

imag566es

Mentre il vegan-crudismo è uno stile alimentare stabilmente depurativo e chelante (veleno- disgregante), il digiuno rappresenta una accelerazione depurativa, una specie di sala operatoria senza uso di bisturi. Digiuno igienista significa riposo fisiologico assoluto, con risparmio calorico-energetico, anche se ci sono stati esempi di digiuni effettuati sistematicamente prima di gare sportive importanti e persino casi di gente che in fase di digiuno ha addirittura completato una maratona. Digiuno significa zero cibo, e zero farmaci. Ammesso il respiro ritmato e profondo (finestra aperta per ricambio aria diurno e notturno), ammesso il movimento muscolare a letto, ammessa e obbligatoria l’acqua leggera da bere a sorsi e in continuazione (almeno 2-3 litri al giorno). Leggi il resto… »

Il succo miracoloso
25th Apr, 2014 da Ananda Saraswati

Suc-de-morcovi-si-sfecla-rosie
E’ bene preparare il succo in casa, il succo fresco va tenuto nella ceramica, vetro, non in plastica, nella plastica accellerano il processo dell’ossidazione dei nutrienti.

Il succo fresco di barbabietola, carote e mele per la prima volta è stato usato dai medici cinesi per guarire del cancro ai polmoni centinaia di anni fa.

L’effetto dei 3 ingredienti sono miracolosi, ci da energia, le vitamine, i minerali.
C’è un personaggio celebre, il Mr Seto che ha voluto divulgarla il più possibile, in modo da portare l’attenzione su questa bevanda e in particolare su quanto sia utile a chi soffre di cancro. Leggi il resto… »

“Firma delle Cose”
23rd Apr, 2014 da Ananda Saraswati

index,k

La Signatura Rerorum (Firma delle Cose) è un’antica e profonda saggezza che sta venendo censurata di proposito. Essa afferma che tutti i tipi di frutta e verdura seguono un modello che rispecchia gli organi del corpo umano: a seconda dell’organo, la frutta/verdura corrispondente apporterà significativi benefici.

La scienza moderna conferma che l’antica dottrina della “Firma delle Cose” è sorprendentemente accurata. Perché questa conoscenza fondamentale viene lasciata in sordina?

Le proprietà guaritive e nutritive di qualsiasi frutta e verdura riflettono, e infine rivelano, che la “forma” o “firma” esteriore di frutta e verdura è collegata al corpo umano. Leggi il resto… »

Ribes nigrum:il cortisone naturale e non solo…
29th Mar, 2014 da Ananda Saraswati

images

LA PIANTA

Il ribes è un arbusto che denominiamo comunemente “frutti di bosco”, ne esistono differenti varietà, compreso il bianco, ma è il ribes nigrum (nero) quello che ci interessa.

Arbusto alto fino a 2 metri, con fogliame deciduo e fusti ramosi. La corteccia è liscia, da chiara a rossastra nei fusti giovani, mentre diviene scura negli individui vecchi. Le foglie sono grandi, piane, picciolate, con 3/5 lobi, apice acuto e margine dentato. La pagina inferiore, coperta da un leggero tomento, è ricca di ghiandole giallastre dalle quali emana un caratteristico odore. I fiori appaiono in primavera, raccolti in racemi pendenti, sono pentameri, di colore verde-biancastro, poco appariscenti. I frutti, sono bacche nere globose ricche di semi con all’apice le vestigia del fiore e compaiono in agosto-settembre. Si differenzia molto dal ribes rosso per il colore, l’aroma e sapore e destinazione dei frutti. Le foglie, le gemme e i frutti sono intensamente profumati per la presenza di ghiandole contenenti olii essenziali. Leggi il resto… »

Il teorema vegetariano
12th Gen, 2014 da Ananda Saraswati

Ovvero: quello che mangi ti salva o ti uccide

Risposte in sintesi per falsi problemi

CARNE, PESCE, LATTE, UOVA; AMINOACIDI ESSENZIALI, PROTEINE “NOBILI”, FERRO, CALCIO, OMEGA 3, VITAMINA B12…

cesto-di-frutta-e-verdura[1]

INTRODUZIONE

Questo manualetto vuole essere uno strumento di facile lettura per coloro che vogliono conoscere i principi basilari della cultura vegetariana, rimandando il lettore a più approfondite analisi in ordine alle tematiche affrontate di natura salutistica, antropologica, etica, ambientale, spirituale ecc. Un breve e sintetico compendio di risposte alle più consuete domande che generalmente vengono rivolge agli addetti ai lavori per superare visioni anacronistiche, ancorate a pregiudizi e tradizioni inesatte e spesso dannose per il raggiungimento del benessere integrale dell’individuo, mediante la volontà di suscitare negli interessati un sano senso critico dei fatti e capire che senza eliminare le cause e senza il cambiamento di errati stili di vita non è possibile guarire da nessuna malattia. A tale motivo l’AVA nel proseguire l’opera di diffusione del Vegetarismo ed in particolare del Veganismo, sostenuta dal prof. Armando D’Elia sul solco già tracciato da Aldo Capitini, da Ferdinando Delor e dai grandi uomini di spiritualità e di scienza di ogni tempo e paese, vuole dare alle persone interessate gli strumenti per conservare o recuperare la salute fisica, l’equilibrio mentale e la sfera morale, attraverso stili di vita ed abitudini alimentari conformi alla nostra natura di esseri pacifici e fruttariani e favorire lo sviluppo di una coscienza umana più giusta e solidale, una mentalità di pace e di disponibilità verso il prossimo. La dieta alimentare infatti è in grado di condizionare l’individuo sul piano fisico, mentale e spirituale e incidere in modo determinante sulla felicità personale e sul destino collettivo dei popoli. Da una nuova cultura umana, fondata sulla consapevolezza delle possibilità personali di essere artefici della propria condizione fisica, psichica e spirituale e da una nuova sensibilità umana aperta alla condivisione e al rispetto di ogni essere vivente è possibile porre le basi per un mondo libero dalle malattie, dalla violenza e dal dolore. Leggi il resto… »

Metalli colloidali – schede
3rd Gen, 2014 da Ananda Saraswati

ARGENTO COLLOIDALE

Stimola la digestione e l’assorbimento delle sostanze nutritive. Stimola la secrezione del muco e la troficità delle mucose del tubo digerente. Stimola lo smaltimento dei residui dall’intestino e delle urine dalla vescica. Stimola l’eliminazione dei sali minerali attraverso il sudore. Stimola la memoria e l’immaginazione creativa. Stimola la funzione riproduttiva. Stimola la secrezione del latte materno. Favorisce il sonno. Antivirale e antibatterico (insieme a oro e rame). Antinfiammatorio. Analgesico. Antisettico (è uno dei più antichi metalli utilizzati in medicina come antisettico). Rigenerante della pelle e cicatrizzante. Revitalizzante.

La carenza di argento può determinare: disturbi della digestione e dell’assimilazione, inappetenza, disturbi del sonno, diarrea nervosa, costipazione, irritazione cronica della vescica, metrorragie e dismenorree, menopausa precoce, sterilità, diminuzione della lattazione, mastite cronica, pelle secca, rughe precoci, fanere delle unghie e capelli fragili, ptosi genitale, distonie neurovegetative, pressione alta, labilità psico-emotiva, collassi, ipotermia, emicrania, processi degenerativi, nevrosi, perdita di memoria, apatia.

L’eccedenza di argento, che non si produce mai mediante l’assimilazione del cibo bensì tramite l’ingestione continuata di farmaci contenenti composti di argento (a causa della differenza di dimensioni delle particelle del metallo), può determinare:, colorazione grigia della pelle (argiria), aumento dell’appetito, aumento dell’adiposi, ferite con formazioni cheloidee, disturbi del sonno, infiammazioni ed emorragia mucosa, dolori addominali, pelle infiammata, frequenti infezioni, epistassi, pletora, nevralgie, nevrite, anabolismo biologico. Nella sfera mentale:, sonnambulismo, isteria, eccessi di immaginazione.

Leggi il resto… »

Gli incredibili poteri del succo di sedano
10th Ott, 2013 da Ananda Saraswati

imagbes

Il sedano è uno degli alimenti più idratanti che possiamo aggiungere alla nostra dieta . Il suo succo è molto nutriente, è incredibilmente alcalinizzante, equalizza il PH del corpo, che è vitale per la salute . Nei tempi antichi, era considerato una pianta medicinale ed era usato per trattare una varietà di condizioni. I minerali, le vitamine e le sostanze nutritive sono in perfetta armonia. Le foglie di sedano sono ricche di vitamina A, mentre gli steli sono una fonte eccellente di vitamine B1, B2, B6 e C e densi di potassio, acido folico, calcio, magnesio, ferro, fosforo, sodio e aminoacidi essenziali. Questo cibo eccellente contiene anche importanti concentrazioni di ormoni vegetali e di essenziali molto particolari che danno al sedano il suo caratteristico odore. Questi oli contribuiscono a regolare il sistema nervoso ed hanno effetto calmante. Il sedano è ricco di sodio che è molto diverso dal sale da tavola. Il sale da tavola normale si compone di composti inorganici insolubili che portano allo sviluppo di vene varicose, indurimento delle arterie e altri alimenti e se viene elaborato, tutti i minerali e nutrienti vengono distrutti. Invece, il sodio che è disponibile nel sedano è solubile e organico (vivo), ed è essenziale per il corpo. Il sale organico permette al corpo di utilizzare gli altri nutrienti normalmente assunti. Leggi il resto… »

Ametista
8th Ott, 2013 da Ananda Saraswati

 

Pietra dell’intuizione e dell’ispirazione, l’ametista controlla i cattivi pensieri.
E’ Ametis, bellissima ninfa, inseguita da Bacco ebbro di un’ardente passione, che viene salvata da Diana e trasformata in pietra lucente. Rafforza l’animo di chi la indossa, aiuta a sconfiggere paura e fobie, dona uno spirito allegro e una bella carnagione. L’Ametista appartiene alla famiglia dei quarzi. Le si attribuiscono poteri soprannaturali, é un talismano simbolo di fortuna e forza, protegge dagli attacchi psichici e dalle ubriacature, come suggerisce il nome stesso (in greco “amuthustein” significava “non essere ubriaco”).

Pietra molto potente, protettiva con vibrazione spirituale elevata, è un calmante naturale.

Migliora le attività dell’emisfero destro del cervello, e delle ghiandole pineale e pituitaria.

Pietra energizzante e potente purificatrice del sangue.

Aiuta nei disordini mentali. Purifica e rigenera su tutti i livelli di coscienza.

Trasforma anche una natura inferiore in uno dei più elevati e raffinati aspetti del proprio potenziale divino.

Rimuove le illusioni.

Migliora le abilità fisiche.

Eccellente per meditare.

Dinamizza il “terzo occhio” (ajna chakra).

Esempi di ametista: Leggi il resto… »

10 motivi per bere al mattino acqua calda e limone
20th Ago, 2013 da Ananda Saraswati

lemon-juice

Al mattino appena svegli e a digiuno proviamo a iniziare bevendo una tazza di acqua e limone, elementi semplici ma benefici.
Il succo così acido del limone ha la sua principale proprietà proprio nell’avere nel nostro organismo, un’azione contraria, cioè alcalinizzante. Gli acidi che lo caratterizzano una volta introdotti nell’organismo danno infatti reazione basica, questo perché durante la metabolizzazione l’acido citrico si ossida e i sali che ne derivano danno origine a carbonati e bicarbonati di calcio e potassio che contribuiscono all’alcalinità del sangue. Leggi il resto… »

Fonti di omega 3, 6, 9 nell’allimentazione
28th Mag, 2013 da Ananda Saraswati

omega6

Gli Omega-3 (o PUFA n-3) sono una categoria di acidi grassi essenziali (come gli Omega 6), indispensabili per il corretto funzionamento dell’organismo.[senza fonte] Sono noti soprattutto per la loro presenza nelle membrane cellulari e per il mantenimento della loro integrità.
Fonti di Omega 3 : olio di Cocco,olio di lino, olio di canola, olio di noce, olio di soia, olio di semi di lino, macinati, noci, olio di canapa, l’olio di colza, avocado, noccioline, olive, nocciole, pistacchi, mandorle, noci macadamia, noccioline e pecan sono ottime fonti di grassi monoinsaturi. Questi cibi forniscono anche vitamine, minerali, sostanze fitochimiche e fibre e, se usati con moderazione, sono un ottimo complemento nelle diete vegetariane.

Verdura, frutta e legumi
Semi di soia, Tofu, Latte di soia, Piselli, Legumi.
Vegetali a foglia verde
(broccoli, cavolo, insalata, etc)
Germe d’avena
Germe di grano
Gli acidi grassi omega-6 (chiamati anche n−6 o acidi grassi ω−6) sono una famiglia di acidi grassi polinsaturi di origine vegetale aventi un doppio legame rispetto al carbonio omega, in posizione 6 contando dal fondo dell’acido grasso.
Fonti di Omega 6 : uova, frutta secca, olio di semi di mais,olio di girasole, cartamo, olio di soia, Borragine e l’Oenothera biennis o Primula notturna.
Omega 9
Gli acidi grassi appartenenti alla serie omega nove sono accumunati da una particolare caratteristica biochimica: all’interno delle loro molecole, il primo doppio legame si trova tra il nono ed il decimo atomo di carbonio a partire dal gruppo metilico terminale (omega è l’ultima lettera dell’alfabeto greco).

Fonti di Omega 9: olio d’oliva, mandorle, avocado, olio di sesamo.

E’ difficile essere Vegetariani?
12th Mag, 2013 da Ananda Saraswati

PrimaSezVerdure

Il Dott. Fariselli è presidente dell’associazione AVI, medico chirurgo in oncologia, dirigente medico dell’Istituto Nazionale dei tumori di Milano.
La difficoltà nell’accettare l’alimentazione vegetariana è dato dal fatto che su quasi tutti i libri c’è scritto che è necessario mangiare carne.
La necessità di mangiare carne secondo tali testi deriva dalla presenza di proteine, il Dott. Fariselli ha contestato ciò, in quanto le proteine si possono trovare anche nei vegetali, l’unica cosa che non si trova nei vegetali è la vitamina B12 che può essere addizionata alla dieta.
La carne produce stipsi in quanto apporta grassi saturi che sono i più i dannosi e più difficili da smaltire, invece i grassi insaturi meno dannosi si trovano in pesce e vegetali.
Per i vegetariani anche il pesce è da bandire dalla dieta in quanto contrari alla sofferenza inflitta agli animali come esseri viventi.
Se si considera la bioterapia nutrizionale il canone è l’alimentazione vegetariana con la quale si possono prevenire e persino curare tante malattie.
Ad esempio per l’omotossicologia la carne di suino favorisce le gengiviti ed i processi infiammatori generali.
Altro dato significativo è che nei vegetariani il cancro è meno frequente, “la scienza non può spiegare tutto” afferma il Dott. Fariselli, in questa società in cui la vita media si è allungata, c’è l’inquinamento, e le medicine che non danno sempre grossi risultati, è necessario curare l’alimentazione per curare se stessi. E’ necessario mangiare in modo regolare alternando i cibi, inoltre è meglio mangiare cibi biologici e di stagione, in quanto è maggiore la presenza di vitamine e sali minerali.
Contro il cancro ci vogliono grandi forze di guarigione e una buona fonte di tali forze sono i vegetali.
Anche uno sportivo può essere vegetariano in quanto l’apporto proteico della carne può essere sostituito dalla soia. Inoltre il deposito dei grassi dei vegetariani è sottoforma di granuli di glicogeno più facili da metabolizzare, mentre negli onnivori il deposito di grassi deve essere smaltito dalle lipasi per cui il processo comporta più spreco di energie.

Fonte :www.scienzavegetariana.it

Come sostituire il ferro della carne (da linfavitale.com)
3rd Gen, 2013 da Nirvaira

Articolo di George Luis pubblicato su “Linfa Vitale”

Lisa VegetarianaCiao! Oggi parlerò del ferro, un problema non indifferente per chi decide di passare ad una dieta vegetariana. Se per qualsiasi ragione hai deciso di non mangiare più la carne, nella maggior parte dei casi, le prime cose che ti sentirai dire sono queste: “E con il ferro come farai? Soffrirai di anemia!” Se poi rinunci anche alle uova e al formaggio ti diranno “Morirai di fame!” :) , giusto? Parlerò anche degli integratori di ferro e andremo a vedere se conviene assumerli o meno.

Andiamo a vedere come si può fare un po di chiarezza sulla situazione..

Senza dubbio il ferro è una cosa seria, il nostro corpo lo necessità e passare a una dieta vegetariana senza studiarsi bene questa scelta può rivelarsi dannoso per la tua salute. Il problema però è rappresentato anche dallo stile di vita non vegetariano, come i nostri sfizi e tutta la roba raffinata ed elaborata che ingeriamo.

Il mio passaggio ad una dieta vegetariana è stato graduale, ci tengo alla salute e la mia intenzione era quella di trarre il massimo beneficio da questa scelta, non sacrificarmi. Quello che ho scoperto riguardo al ferro è che è classificato in due tipi: Leggi il resto… »

Antidolorifici: la natura ci soccorre!
19th Nov, 2012 da Ananda Saraswati

Vi sono molte prodotti naturali che possono sostituire l’antidolorifico di sintesi chimica il quale genera molte controindicazioni.

Vorrei pero’ sottolineare che anche le erbe o i prodotti naturali, devono essere prese con le dosi indicate da un esperto, in quanto possono diventare pericolose se assunte senza tutela.

Inoltre, non dimentichiamo che il dolore e’ un campanellino di allarme di un disequilibrio del corpo. E’ bene comprendere la motivazione dell’esistenza del dolore per curare a monte cio’ che lo attiva.

Di seguito, 10 metodi naturali che possono aiutare ad eliminare il dolore:

Curcuma – Essa e’ uno dei più potenti antidolorifici naturali, riconosciuto anche per le sue proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti.

Gli studi scientifici, dimostrano che la curcuma aiuta a ridurre il dolore e l’irritazione nella sindrome dell’intestino irritabile e le sue proprietà anti-infiammatorie contribuiscono ad alleviare il dolore dell’artrite, riducendo l’infiammazione delle articolazioni. Leggi il resto… »

La frutta va mangiata in modo corretto
19th Nov, 2012 da Ananda Saraswati


Tutti pensiamo che mangiare frutta significhi comprarla, sbucciarla, affettarla e portarla alla bocca. Ma non è così semplice e banale. È importante sapere come e quando mangiarla. Qual è dunque il modo corretto di consumare la frutta? La prima regola è di non mangiarla mai a fine pasto, ma sempre a stomaco vuoto. Se voi imparerete a mangiare tanta frutta, e a farlo nel modo corretto, essa giocherà un ruolo basilare nella detossificazione del vostro sistema corporale, e metterà a vostra disposizione una enorme quantità di energia utile a farvi perdere eventuale sovrappeso e a condurre al meglio tutte le altre migliorie corporali.

IL PIÙ IMPORTANTE CIBO UMANO

Se mangi due fette di pane e poi una porzione di frutta, rovini un meccanismo perfetto. La porzione di frutta è pronta per andare direttamente nell’intestino tenue, nel duodeno, ma viene impedita di fare quel percorso e viene trattenuta nello stomaco da quelle fette di pane, per cui l’intero pasto, sia il pane che la frutta, si trasforma in un bolo acido carico di fermentazione, per cui tutto è da considerarsi compromesso e rovinato. Si deve assolutamente mangiare la frutta separatamente o comunque prima dei pasti e non alla fine.

LA GENTE SBAGLIA E POI DÀ PURE COLPA ALLA FRUTTA

Ovvio che poi si ascoltano lamentele in serie, tipo “Ogni volta che mangio l’anguria mi viene da ruttare”, “Se mangio il durian il mio stomaco si gonfia”, “Se consumo una banana mi viene da correre in bagno”, e altre amenità del genere, che mai succederebbero se ci fossero da parte vostra migliori attenzioni. Occorre evitare che la frutta trovi sul suo cammino cibo indigerito e residui putrefattivi di pasti precedenti e di digestioni prolungate oltremisura, mandando se stessa e il resto in putrefazione, e creando gas e rigonfiamenti intestinali. Leggi il resto… »

Quarzo rutilato
16th Set, 2012 da Ananda Saraswati

Qualche accenno su questo cristallo meraviglioso.

E’ un cristallo di quarzo contenente al suo interno filamenti biondo-dorati o rossicci di rutilo, che lo rendono carico elettricamente, si tratta di un quarzo dalle inclusioni, in filamenti dorati, di rutilo, cioè biossido di Titanio.
Anticamente nota come capelvenere, gli si attribuiva la capacità di immagazzinare la luce solare per illuminare la mente umana.
Si raccomanda in particolare come amuleto protettivo per scalatori e alpinisti. Leggi il resto… »

I segreti dell’acqua
14th Set, 2012 da Ananda Saraswati

L’acqua. E’ la più comune sostanza sulla terra. Ci accompagna in ogni instante della nostra vita, ma sappiamo anche quale segreto nasconde questo magnifico elemento?
Da dove è venuta, chi e perché ha donato l’acqua al nostro pianeta? Leggi il resto… »

Chelazione Naturale (e molto altro) con il Coriandolo
12th Ago, 2012 da Ananda Saraswati

Il potere anti-infiammatorio e disintossicante del coriandolo è molto sottovalutato e in larga parte sconosciuto nella odierna cultura occidentale.
Tuttavia chi soffra di patologie infiammatorie croniche come la artrite; di malattie autoimmuni, di cardiopatie, di annebbiamento mentale, di sindrome da colon irritabile e di diverse altre malattie debilitanti, potrebbe trovare in tale erba medicinale una soluzione naturale.

Ricco di fitonutrienti, flavonoidi e fenolici attivi, il coriandolo è stato per lungo tempo utilizzato da molte antiche culture per prevenire i disturbi digestivi. Recenti studi compiuti dal dr. James A. Duke – botanico in pensione del Dipartimento della Agricoltura (USDA) e autore del Manuale CRC delle erbe medicinali – hanno provato le proprietà benefiche del coriandolo sui disturbi di stomaco (fonte).

Il coriandolo contiene due specifici composti noti come acido linoleico e cineolo, i quali possiedono proprietà anti-artritiche e anti-reumatiche. Contiene anche una sostanza nota come dodecenal, la quale è risultata essere ben due volte più potente dello antibiotico gentamicina nel combattere infezioni ed eliminare dal corpo microbi nocivi. Il coriandolo è inoltre un antisettico naturale capace di accelerare i processi di cicatrizzazione, ed è un agente chelante naturale di metalli pesanti dal corpo.

Assumere ogni giorno qualche cucchiaio di pesto a base di coriandolo è un modo eccellente per aiutare l’organismo ad espellere metalli pesanti tossici quali mercurio, arsenico e piombo, che possono accumularsi nei tessuti e altrove a causa della esposizione ambientale e alimentare (fonte). L’aggiunta di succo di coriandolo in clisteri di caffè è un altro ottimo modo per disintossicare il corpo dai metalli pesanti.

Articolo in lingua inglese, pubblicato sul sito Natural News
Link diretto:
http://www.naturalnews.com/035741_heavy_metals_cilantro_detox.html
Traduzione di Anticorpi.info

L’intonazione a 432 hertz, la Scala Aurea e la matematica dell’8
23rd Lug, 2012 da Ananda Saraswati

«La musica è una scienza che deve avere regole certe: queste devono essere estratte da un principio evidente, che non può essere conosciuto senza l’aiuto della matematica. Devo ammettere che, nonostante tutta l’esperienza che ho potuto acquisire con una lunga pratica musicale, è solo con l’aiuto della matematica che le mie idee si sono sistemate, e che la luce ne ha dissipato le oscurità.»

                   Jean Philippe Rameau

Originariamente la musica faceva parte del quadrivium, l’ordinamento didattico in cui le quattro arti liberali dette matematiche, ossia aritmetica, geometria, musica ed astronomia, costituivano il corpus d’istruzione superiore rispetto al trivium, le arti liberali dette retoriche, corrispondenti a grammatica, logica e retorica. La posizione della musica fra le arti del quadrivium rispondeva alla rappresentazione della forma mentis del tempo che vedeva la musica come scienza basata sulle leggi matematiche e fisico-acustiche e generata dall’aritmetica. Ai giorni nostri, invece, la musica è considerata come la regina delle Arti ma questo è dovuto al fatto che essa, sebbene sia parte della Scienza delle vibrazioni, è stata sempre più secretata nello status di Arte, limitandone l’enorme influsso che avrebbe potuto esercitare sull’uomo e sull’ingegneria sociale. Non a caso filosofi come Hegel, Schilling, Schopenhauer o Nietzsche collocano la musica in primo piano nei loro sistemi filosofici.

Storicamente i primi attacchi alla scienza musicale — in cui erano compresi lo studio delle armoniche e delle proporzioni insegnate da giganti del pensiero come Pitagora e Platone — furono perpetrati dalla Chiesa Cattolica Romana. Nonostante la messa al bando dello studio delle armoniche e delle proporzioni Papa Gregorio IX decise di bandire nella cosiddetta musica sacra il tritono — intervallo di quarta aumentata presente nel modo Lidio — definendolo come “Intervallo del Diavolo” o Diabolus in Musica. Purtroppo anche durante l’Illuminismo si continuò a boicottare la musica universalis e scienziati come Galileo, Cartesio e Newton — per coesistere con l’egemonia della Chiesa — pubblicamente non mostrarono alcun interesse riguardo le armoniche e la proporzione aurea e questo antico sapere venne perduto dalle successive generazioni di scienziati fino ai giorni nostri. Di fatto nel mainstream scientifico ufficiale solo ora si ricomincia a parlare dell’importanza delle armoniche e della proporzione aurea, quest’ultima da poco riscoperta dalla scienza per l’importanza che riveste anche nelle dimensioni atomiche (questo trend è condiviso anche dai traders che hanno rispolverato la geometria sacra ed i numeri di Fibonacci per compiere l’analisi dei titoli di Borsa). Leggi il resto… »

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira