EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Osho: Raggiungere l’Autenticità
6th Set, 2015 da Ananda Saraswati

262dce33e27567595acf44320cca886210-300x224
Veridicità significa autenticità, essere veri, non essere falsi, non usare maschere. Quale che sia il tuo volto reale, lo mostri… e a qualunque prezzo.

Ricorda, non vuol dire che devi smascherare gli altri. Se sono contenti delle loro bugie, bene, è una loro scelta. Non metterti a smascherare nessuno, perché è questo che la gente pensa. Pensa di dover essere sincera, autentica, e che questo significhi che deve andare a mettere a nudo gli altri. Leggi il resto… »

IL CAMMINO DI SHIVA (SHIVAMARGA)
1st Feb, 2015 da Nirvaira Shanti

Nataraja (Dancing form of Lord Shiva)

QUATTRO FINI E UN CAMMINO ACCESSIBILE

Quattro, si dice in India, sono i fini principali dell’esistenza umana: kama, il piacere; artha, l’utile; dharma, la rettitudine; moksha, la liberazione. Tutti gli uomini propenderebbero per uno di questi: i più passivi (shudra, pashu) per il solo piacere; quelli con un po’ più d’iniziativa (vaishya) per l’utile; i nobili (kshatriya) per la rettitudine; i saggi (brahmana) per la liberazione.

Siamo, si dice poi, nel kaliyuga: età oscura, età del ferro, in cui predominano i temperamenti peggiori, la vita umana è più breve, le tentazioni più forti.

È dunque possibile, nonostante ciò, raggiungere la liberazione?

Non rinunciamo subito, ragioniamone un attimo.

Non possiamo confidare eccessivamente nella tradizione: quel che ne comprendiamo non ci è finora servito a molto, e di quel che non abbiamo compreso ignoriamo la natura.

Non possiamo contare neppure sui maestri: c’è in giro troppo oro falso, e non siamo orefici esperti per saggiare l’autenticità di quello che ci passa per le mani.

E infine non possiamo chiedere troppo a noi stessi; non sappiamo quale sia la nostra forza, quali i nostri limiti, quanta tensione possiamo sopportare.

Dobbiamo dunque attenerci a ciò che di volta in volta possiamo constatare direttamente, cercando di essere sinceri con noi stessi ma senza strafare (strafare è infatti un ottimo sistema per non fare).

Non dobbiamo quindi pretendere, perché altri ce lo tramandano o ingiungono, di abbandonare il piacere (kama) e l’utile (artha), bensì dobbiamo, pur godendone, mantenerci nei limiti della rettitudine (dharma), rafforzando contemporaneamente il nostro intento di liberazione (moksha).

Tale posizione ci è accessibile e ci permetterà un certo equilibrio, evitandoci di sopravvalutare o sottovalutare le nostre capacità.

Detto così, sembra semplice; ma quando ci guardiamo intorno (e magari dentro) cosa vediamo? Incapacità di godere, inettitudine a trarre vantaggio, incoscienza etica, fantasticherie di liberazione senza reali possibilità di giungervi.

Perché?

 

Leggi il resto… »

Il segreto, il potere e l’effetto dell’amore
10th Apr, 2014 da Ananda Saraswati

1978842_491345194324668_5392365490047571273_n

“Questo è lo Spirito dell’Amore Infinito.
Quando riconosciamo di essere Uno con esso, diventiamo così colmi di amore da vedere solo il bene in tutto. E quando comprendiamo di essere una cosa sola con lo Spirito Infinito, allora, capiamo anche di essere una cosa sola l‟uno con l‟altro. Se ce ne renderemo conto, non faremo più male a nessuno e a niente. Scopriremo che siamo tutti parte di un grande corpo e che nessuna parte può venire colpita senza che le altre ne soffrano.
Quando abbracceremo l’unità di tutta la vita, comprendendo che siamo parte di questa Fonte Infinita e che in ognuno c’è la stessa identica vita, allora l’odio e il pregiudizio cesseranno. L’amore crescerà e regnerà supremo. Allora dovunque andremo, con chiunque entreremo in contatto, riconosceremo Dio in ognuno ed ogni cosa. E cercando solo il bene lo troveremo. Ripaga sempre il farlo. Leggi il resto… »

Il teorema vegetariano
12th Gen, 2014 da Ananda Saraswati

Ovvero: quello che mangi ti salva o ti uccide

Risposte in sintesi per falsi problemi

CARNE, PESCE, LATTE, UOVA; AMINOACIDI ESSENZIALI, PROTEINE “NOBILI”, FERRO, CALCIO, OMEGA 3, VITAMINA B12…

cesto-di-frutta-e-verdura[1]

INTRODUZIONE

Questo manualetto vuole essere uno strumento di facile lettura per coloro che vogliono conoscere i principi basilari della cultura vegetariana, rimandando il lettore a più approfondite analisi in ordine alle tematiche affrontate di natura salutistica, antropologica, etica, ambientale, spirituale ecc. Un breve e sintetico compendio di risposte alle più consuete domande che generalmente vengono rivolge agli addetti ai lavori per superare visioni anacronistiche, ancorate a pregiudizi e tradizioni inesatte e spesso dannose per il raggiungimento del benessere integrale dell’individuo, mediante la volontà di suscitare negli interessati un sano senso critico dei fatti e capire che senza eliminare le cause e senza il cambiamento di errati stili di vita non è possibile guarire da nessuna malattia. A tale motivo l’AVA nel proseguire l’opera di diffusione del Vegetarismo ed in particolare del Veganismo, sostenuta dal prof. Armando D’Elia sul solco già tracciato da Aldo Capitini, da Ferdinando Delor e dai grandi uomini di spiritualità e di scienza di ogni tempo e paese, vuole dare alle persone interessate gli strumenti per conservare o recuperare la salute fisica, l’equilibrio mentale e la sfera morale, attraverso stili di vita ed abitudini alimentari conformi alla nostra natura di esseri pacifici e fruttariani e favorire lo sviluppo di una coscienza umana più giusta e solidale, una mentalità di pace e di disponibilità verso il prossimo. La dieta alimentare infatti è in grado di condizionare l’individuo sul piano fisico, mentale e spirituale e incidere in modo determinante sulla felicità personale e sul destino collettivo dei popoli. Da una nuova cultura umana, fondata sulla consapevolezza delle possibilità personali di essere artefici della propria condizione fisica, psichica e spirituale e da una nuova sensibilità umana aperta alla condivisione e al rispetto di ogni essere vivente è possibile porre le basi per un mondo libero dalle malattie, dalla violenza e dal dolore. Leggi il resto… »

Come sostituire il ferro della carne (da linfavitale.com)
3rd Gen, 2013 da Nirvaira

Articolo di George Luis pubblicato su “Linfa Vitale”

Lisa VegetarianaCiao! Oggi parlerò del ferro, un problema non indifferente per chi decide di passare ad una dieta vegetariana. Se per qualsiasi ragione hai deciso di non mangiare più la carne, nella maggior parte dei casi, le prime cose che ti sentirai dire sono queste: “E con il ferro come farai? Soffrirai di anemia!” Se poi rinunci anche alle uova e al formaggio ti diranno “Morirai di fame!” :) , giusto? Parlerò anche degli integratori di ferro e andremo a vedere se conviene assumerli o meno.

Andiamo a vedere come si può fare un po di chiarezza sulla situazione..

Senza dubbio il ferro è una cosa seria, il nostro corpo lo necessità e passare a una dieta vegetariana senza studiarsi bene questa scelta può rivelarsi dannoso per la tua salute. Il problema però è rappresentato anche dallo stile di vita non vegetariano, come i nostri sfizi e tutta la roba raffinata ed elaborata che ingeriamo.

Il mio passaggio ad una dieta vegetariana è stato graduale, ci tengo alla salute e la mia intenzione era quella di trarre il massimo beneficio da questa scelta, non sacrificarmi. Quello che ho scoperto riguardo al ferro è che è classificato in due tipi: Leggi il resto… »

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira