EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Cos’è la Realtà che Vediamo? Fisica e Coscienza – Pier Giorgio Caselli
28th Ago, 2018 da Ananda Saraswati

I Sette Specchi Esseni
22nd Mag, 2018 da Ananda Saraswati

 

Chi sono gli Esseni?

L’origine degli esseni, detti anche nazareni, risale intorno al II secolo a.c.

Era un popolo di contadini,  vegetariani e con una teoria molto interessante su come il comportamento consapevole o inconsapevole di ognuno di noi sia riflesso dalle situazioni e dai modi di essere degli altri nei nostri confronti, era un loro presidio molto importante – è il popolo da cui discende Gesù Cristo e che si presume vivesse vicino a Masada. Gli Esseni erano contadini, frutticoltori e profondi conoscitori delle proprietà delle erbe, dei cristalli e del colore con i quali curavano tutti coloro che richiedevano il loro aiuto, erano medici e guaritori.
Detenevano quindi un’antica conoscenza (forse tramandata da Atlantide) portata in Palestina da Mosè e dal suo popolo (gli esseni) e divulgata successivamente in Europa dagli Egizi. Medici e guaritori, con leggi e tradizioni ortodosse, imponevano a chi desiderava entrare nella loro comunità delle iniziazioni che duravano fino a sette anni.
La loro era una stirpe reale, proveniente da una razza e cultura diversa da quella dei rabbini e farisei del Tempio di Gerusalemme. Convinti vegetariani, il cibo degli Esseni non poteva essere alterato (con la cottura ad esempio); non facevano sacrifici a Dio e dedicavano molto del proprio tempo a ringraziarlo, attraverso le preghiere che rivolgevano anche agli Angeli, a cui erano particolarmente devoti. Si dice che si alzassero all’alba e andassero nei boschi a chiamare le energie angeliche, con le quali si intrattenevano in modo molto naturale. Abbandonate le vanità del mondo, si erano ritirati ad una vita semplice che consentiva di avvicinarsi allo spirito per viverlo nella materia come successivamente Gesù il Cristo  ci ha ampiamente raccomandato. Avevano usanze e osservanze come la proprietà collettiva, eleggevano un capo che attendesse agli interessi di tutti e i cui ordini venivano obbediti, era loro vietato prestare giuramento, controllavano la loro collera e fungevano da canali di pace, portavano armi solo per protezione contro i rapinatori, non avevano schiavi ma si servivano a vicenda e, come conseguenza della proprietà comune, non erano dediti ai commerci. Dopo un totale di tre anni si entrava a far parte del gruppo con un pasto comune, i membri appena unitisi prestavano un giuramento solenne davanti alla comunità che comprendeva l’impegno a praticare la pietà verso la divinità e l’aderenza a principi morali verso l’umanità, per mantenere uno stile di vita puro, di astenersi da attività criminose e immorali, di trasmettere intatte le loro leggi e di preservare il libro degli Esseni e il nome degli Angeli, con questo atto i neofiti assumevano l’impegno di essere totalmente leali e di non rivelare nulla ai profani, neppure se torturati a morte. Gli iniziati dovevano tacere soprattutto sulle dottrine esoteriche dei libri antichi e sui nomi degli angeli, oggetto di speculazione mistico-teologica. L’ammissione era peraltro selettiva. La struttura del gruppo esseno era gerarchica e comprendeva i gradi di postulante, di novizio e di iniziato. Sotto il profilo dottrinale gli Esseni sostenevano l’immortalità dell’anima e professavano un’escatologia di retribuzione per buoni e malvagi. Ammettevano pure la resurrezione, il giudizio finale e la fine del mondo. Tra loro, dice Giuseppe Flavio, vi furono veggenti e profeti.
Si dice che il loro nome abbia una radice ebraica hasidim (“Pii”); altri sostengono che esseni derivi dall’aramaico asya (“medico”). Ciò che di “ufficiale” si sa di loro ci viene tramandato dagli scritti di Plinio il Vecchio, Flavio Giuseppe, Filone Alessandrino e dai Rotoli di Qumran ritrovati intorno al 1947, in una zona desertica a 30 km da Gerusalemme, vicino al mar Morto grazie a una scoperta fortuita da parte di un pastorello di nome Mohammed Adh Dhib (giare contenenti dei rotoli di pelle avvolti in brandelli di tela). Il materiale in larga parte venne rivenduto a un trafficante di nome Kando che a sua volta lo rivendette al governo israeliano. Negli anni seguenti sono stati rinvenuti, in undici grotte della zona, circa 900 rotoli, alcuni ridotti in frammenti altri in discreta condizione di integrità. Ben 200 di essi riguardavano libri o parti di libri dell’antico Testamento. In particolare l’intero rotolo di Isaia, oggi conservato nel Museo detto Scrigno del Libro a Gerusalemme. Vennero ritrovati anche i rotoli con le regole della comunità e tanti altri che permisero di far luce sulla misteriosa comunità essena. Un team di studiosi internazionale presieduto da padre De Vaux, un domenicano residente in Giordania, ma costituito da studiosi anche acattolici ed ebrei cominciò a studiare i reperti sin dalla metà degli anni cinquanta. Lo studio, non sappiamo se volutamente o meno, è stato piuttosto lungo e laborioso.

Leggi il resto… »

Frasi di Osho
9th Mag, 2018 da Ananda Saraswati

La vita in se stessa è una tela vuota; diventa ciò che tu dipingi su di essa. Puoi dipingere infelicità, puoi dipingere estasi. Questa è la tua gloria.

Guardati dalla maggioranza. Se tante persone seguono qualcosa, potrebbe essere una prova sufficiente che è una cosa sbagliata. La verità accade agli individui, non alle masse.

Accetta te stesso così come sei. E questa è la cosa più difficile al mondo, perché va contro la tua formazione, istruzione, cultura.
Fin dall’inizio ti è stato detto come dovresti essere. Nessuno ti ha mai detto che vai bene così come sei.

La vera questione non è se esiste la vita dopo la morte. La vera domanda è se sei vivo prima della morte.

L’uomo libero è come una nuvola bianca. Una nuvola bianca è un mistero; si lascia trasportare dal vento, non resiste, non lotta, e si libra al di sopra di ogni cosa. Tutte le dimensioni e tutte le direzioni le appartengono. Le nuvole bianche non hanno una provenienza precisa e non hanno una meta; il loro semplice essere in questo momento è perfezione.

L’amore è un uccello e ama essere libero. Ha bisogno di tutto il cielo per crescere.

E’ tempo che tu smetta di cercare fuori di te, tutto quello che a tuo avviso potrebbe renderti felice. Guarda in te, torna a casa.

Leggi il resto… »

Henri Bergson sul Risveglio
9th Mag, 2018 da Ananda Saraswati

” Fortunatamente, alcuni nascono con un sistema immunitario #spirituale che prima o poi fa in modo che loro rifiutino di vedere le #illusioni innestate in loro sin dalla nascita attraverso il condizionamento sociale.

Sentono che qualche cosa manca, ed iniziano a cercare delle risposte. La loro innata conoscenza e esperienze esterne anomale mostrano loro un aspetto della realtà di cui gli altri sono all’oscuro, e lì incominciano il loro viaggio nel #risveglio.

Ogni passo di questo viaggio viene fatto seguendo il proprio cuore e non seguendo le folle e scegliendo la conoscenza al posto dell’#ignoranza.”
(Henri Bergson)

Il potere della parola e l’educazione dei figli
22nd Feb, 2018 da Ananda Saraswati

Essere genitore è un arte, non tutti hanno nel dharma(missione personale in sanscrito) di essere genitore. Non basta essere genitore biologico. I figli hanno bisogno di attenzione, amore, apprezzamento e tempo, insegnamento. E’ importante insegnare ai figli come pensare, essere positivi e consapevoli. La parola è magica, Giovanni 1,1-18. ” In principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio.”

In sanscrito Lila significa “gioco divino”. Noi viviamo nel Maya,”illusione cosmica” che è Lila “gioco di Dio.” Ma siccome siamo scintille divine, siamo Co-Creatori della nostra Realtà attraverso :Pensiero Elevato, Fede, Parola Magica, Immaginazione, Intensità, Gratitudine, Concentrazione, Emozione.Tu non sei la maschera che indossi. Ogni giorno, Sii consapevole di come spendi i tuoi minuti della vita.

E’ importante che impariamo noi stessi ed insegnamo ai figli come pensare e come usare la parola.Usare affermazioni al presente, positive.

Se vogliamo che gli adulti della nostra società futura si trattino l’un l’altro con rispetto, dobbiamo crescere i nostri figli in modo che siano gentili e corretti. Solo così i due sessi si rispetteranno a vicenda. Se sei genitore, hai l’opportunità di essere un esempio. Puoi insegnare ai tuoi figli le frasi e gli esercizi con lo specchio. Lavorate insieme, facendo delle affermazioni l’uno per l’altro. Aiutatevi reciprocamente a creare esperienze positive. La famiglia che dedica del tempo alle affermazioni ha una vita meravigliosa. Fai sapere ai tuoi figli quanto contano i loro pensieri, così impareranno che sono parzialmente responsabili di ciò che accade nella loro vita; sono co-creatori, il che conferisce loro il potere di determinare dei cambiamenti. I genitori tendono a reprimere molte emozioni. Solitamente, in tutti i matrimoni ci sono problemi taciuti/non comunicati che non sono stati mai affrontati. I bambini li notano e agiscono manifestandoli. Quelli che chiamiamo i “terribili primi due anni” sono tali quando i bambini iniziamo a riflettere i sentimenti repressi dei genitori. Gli anni dell’adolescenza sono un’escalation di questo schema comportamentale. I genitori hanno la tendenza a incolpare i figli invece che risolvere i propri problemi. Il loro comportamento, invece, potrebbe rispecchiare le tue questioni emotive irrisolte Quando lasci andare il risentimento e concedi il perdono, scopri che i tuoi figli cambiano miracolosamente in meglio.

Nella vita, spesso confondiamo il messaggero con il messaggio e ci perdiamo la lezione. Quando i nostri figli, o gli altri, fanno qualcosa con l’intento di infastidirci, di solito ci arrabbiamo e li biasimiamo.  Quello che non capiamo è che queste persone stanno solo recitando un ruolo nella nostra commedia. Riflettono qualche convinzione o schema o questione repressa dentro di noi. Ci mostrano qualcosa che ora abbiamo la possibilità di liberare. La prossima volta che ti arrabbi sul serio con qualcuno, cerca di fare un passo indietro e chiediti: “Quale lezione devo imparare in questa circostanza? In che modo questo avvenimento mi rimanda a qualcosa della mia infanzia? Qual è lo schema da individuare? Sono disposto a perdonare me stesso e le altre persone coinvolte nell’episodio originario?”. I nostri figli e gli amici spesso ci mostrano aspetti di noi che non vogliamo vedere o affrontare. Adoriamo fuggire dalle nostre lezioni” (L.Hay)

Esempi di affermazioni da usare:”Sono perfettamente sano(a), armonioso(a), raggiante, intelligente, forte, saggio(a), felice, compassionevole, amorevole, volitivo(a).” “La mia Vita è sacra e meravigliosa.”etc

Tratto dal corso per le donne :”IL GIOCO DIVINO DELLA VITA, RIPROGRAMMARE IL SUBCONSCIO, RIPROGRAMMARE LA REALTA”

Salva

Radiestesia
18th Feb, 2018 da Ananda Saraswati

La parola “radioestesia” ha un significato composto. La prima parte deriva dal Latino radius (raggio, sensibilità), la seconda dal greco aestheses (percezione, sensibilità), e si riferisce all’uso di strumenti per captare e misurare energie e vibrazioni.
Radiestesia significa sensibilità al raggio.
La radioestesia o radiestesia è la facoltà del corpo umano di percepire la radiazione elettromagnetica.
Essa permette trovare sorgenti d’acqua, fonti sotterranei di metalli, petrolio, gemme, oggetti nascosti e anomalie della crosta terrestre e / o zone patogene con utensili appositamente preparati in legno, metallo (filo di rame, acciaio, argento). La persona che  la pratica è chiamata operatore radioestesista.
La radioestesia è un fenomeno in cui un sistema vivente (vegetale, animale, umano, ecc) riceve un segnale infoenergetico e reagisce alla decodifica del segnale, attraverso la sensazione o movimento.
Con l’aiuto degli strumenti speciali, possono essere trovate gli organi in squilibrio o con affezioni.La Radioestezia utilizza alcuni indicatori, che misurano le vibrazioni del corpo.
Essa è uno strumento di auto-conoscenza e auto-sviluppo è lo strumento con il quale otteniamo informazioni .
 
Inoltre con uno strumento appostito, il corpo umano può essere studiato per misurare  la salute di vari organi. Di solito, chi usa la radioestesia è un bioenergetico. Secondo la radiestesia tutte le malattie, organi e rimedi hanno una frequenza vibratoria speciale. Possono essere espressi in valori numerici. Probabilmente ti chiedi quanto siano verificabili queste misurazioni. La storia mostra che hanno un’accuratezza molto elevata e dipende sempre dall’esperienza  e capacità dell’operatore.

Leggi il resto… »

Dal Karma al Dharma: Come pulire la spazzatura mentale che ci riempie il cervello!
17th Feb, 2018 da Ananda Saraswati

Genesa Crystal- geometria sacra per purificare, manifestare, equilibrare
17th Feb, 2018 da Ananda Saraswati

“Il Genesa Crystal è la matrice della tua forza vitale ed è direttamente collegato all’energia vitale che si muove in spirali verso tutte le forme di crescita, sviluppo e cambiamento.” ( Dr. Derald Langham )
 
L’idea del Genesa Crystal fu sviluppata negli anni ’50 dal Dr. Derald Langham, un genetista agricolo americano. Egli osservò che il cristallo rifletteva il motivo cellulare di un organismo vitale allo stato embrionale di otto cellule. Secondo Langham la forma dell’embrione umano a otto cellule è un punto di potenziale infinito definito: “un potenziale per l’amore infinito, per la saggezza infinita, per le forme infinite, per l’energia infinita, per il potere infinito, per l’anima, per il tempo eterno, per la velocità infinita, per la fede infinita. Esso contiene tutti i tuoi obiettivi, i tuoi desideri, la tua motivazione, perfino la tua vita stessa”.

Che cos’è il Genesa Crystal?
Genesa Crystal è una struttura geometrica sacra che include ogni geometria che rende possibile la vita e l’universo (i 5 solidi platonici, il fiore della vita, il cubo di Metatron..).

La vita e l’universo hanno le loro fondamenta in geometrie sacre, che si ripetono all’infinito in ogni cosa esistente e dirigono l’energia cosmica divina e vitale in maniera coordinata e a sostegno dell’esistenza, della vita e della prosperità.
Essendo la sua forma perfettamente allineata con la natura, genera un notevole vortice di energia che amplifica le intenzioni di coloro si trovino in sua presenza. Si tratta di una vera antenna che attrae, pulisce e amplifica l’energia. 
Il Genesa Crystal agisce come potente strumento di MANIFESTAZIONE in quanto la sua forma è perfettamente allineata con la natura, generando un vortice di energia di altissima vibrazione e qualità energetica.

Perché si chiama Genesa CRYSTAL?
Chi ha lavorato con cristalli sa che è possibile programmarli, secondo un intento. (Guarigione, Abbondanza, Protezione, Pace..)
Ebbene la stessa cosa è possibile con il Genesa Crystal, soltanto che questa scultura sacra è molto, ma molto più immediata e potente nella sua azione.
Il Genesa Crystal rileva la frequenza dell’intenzione del subconscio e traduce fedelmente in azione manifestante.

E’ in grado di correggere gli effetti nocivi dell’inquinamento elettromagnetico, utile nella meditazione e l’armonizzazione del proprio campo energetico.

Utile nel campo olistico, per casa, giardino, ambienti grandi per riequilibrare le energie, nei giardini per la crescita della piante.

Un Genesa Crystal di aprossimativamente 32 cm di diametro ha un raggio d’azione di quasi 500 mt. e riequilibra un’area di 6 km quadrati.

Come detto sopra, Genesa può essere usata per Manifestare, all’interno di questo orgone si mettono fogli bianchi scritti con la pena nera in stampatello i desideri, gli intenti,  per salute, per l’abbondanza etc. uno alla volta per  1 ora.

Orientamento: Appoggiato sul lato Quadrato, Ricettivo, Femminile, Yin, per tutto ciò che si vuole attrarre.

Per esempio:amore, Salute, abbondanza, fortuna, evoluzione, pace, protezione.

Orientamento: Appoggiato sul lato Triangolare, Espansivo, Emissivo, Maschile, Yang, per tutto ciò che si vuole allontanare, oppure per l’invio di energie ad altri soggetti consenzienti.

Per esempio energia e purificazioni, guarigioni a distanza.

Genesa può essere usata per  caricare e purificare  cristalli, oggetti personali o indumenti, purificare gli ambienti.

I gatti sono attratti, dall’energia di Genesa, amano ricaricarsi lì.

Il Genesa Crystal è nato per aiutare la vegetazione e viene ad esempio utilizzato nei giardini di Findhorn in Scozia. In origine è stato progettato ed utilizzato proprio per rinvigorire coltivazioni e piante. Se vuoi aiutare le piante e gli alberi in giardino a crescere, aumentare la resa delle piante in giardino o fare del bene alle tue piante d’appartamento allora basta che tieni un Genesa Crystal che copre tutta l’area necessaria. Sono stati osservati infatti gli effetti del gelo solo sul lato non esposto al Genesa Crystal, mentre dal lato rivolto verso il cristallo i giardini rimangono verdi. Le piante che diventano luminose e piene di vitalità. Allontanano gli insetti indesiderati che danneggiano gli alberi e le piante. Meno probabilità di gelo nella stagione fredda. Aiuta a Riequilibrare e Riarmonizzare il ciclo energetico naturale terra/cielo. Sono possibili anche altri utilizzi, dedicati ad operatori energetici, che in questa nota non sono tuttavia contemplati.

Puoi scegliere tra:Ciondoli o Pendenti Crystal smaltati o placcati 17,22 o 33mm circa di diametro

Genesa Crystal e Pentasfera da 8-9cm, 16, 20, 32, 64 cm  in alluminio, rame, ottone, acciaio grezza o trattata.

Per ulteriori informazioni su come utilizzare il tuo orgone Genesa Crystal, e per pratica di gruppo, contattaci  

Se ti interessa Genesa Crystal: contattaci  

Foto:discoveryingenesa

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

L’uomo vive nel sonno, Maya,illusione cosmica
14th Feb, 2018 da Ananda Saraswati

La materia non esiste nel modo in cui solitamente noi ce la raffiguriamo; essa esiste, tuttavia, come illusione cosmica. Per liberarsi dell’illusione e necessario conoscere un metodo ben preciso. Non si può curare un drogato in un batter d’occhio. La coscienza materiale si impadronisce dell’uomo attraverso la legge dell’inganno, legge che l’uomo non puo superare se non apprendendo e seguendo la legge opposta, quella della verità.
Lo Spirito è divenuto materia attraverso una serie di processi di materializzazione: la materia dunque procede dallo Spirito e non può essere differente da esso che ne e la causa. La materia e una espressione parziale dello Spirito; e l’Infinito che ha l’apparenza del finito, l’Illimitato che appare limitato. Ma poiché la materia non e che Spirito in una sua ingannevole manifestazione, la materia non esiste di per sé.

Coscienza e materia
All’inizio della creazione lo Spirito, fino allora immanifesto, proiettò due nature: coscienza e materia. Esse sono le sue due espressioni vibratorie. La coscienza è una vibrazione più sottile e la materia e una vibrazione più densa dell’unico Spirito trascendente.
La coscienza è la vibrazione dell’aspetto soggettivo dello Spirito e la materia lo è del suo aspetto oggettivo. Lo Spirito, quale Coscienza Cosmica, è potenzialmente immanente nella materia vibratoria oggettiva e si manifesta soggettivamente, come coscienza presente in tutte le forme create. Questa coscienza raggiunge la sua più alta espressione nella mente umana, con Le sue innumerevoli ramificazioni di pensiero, sentimento, volontà e immaginazione.
La differenza fra materia e Spirito consiste nel diverso ritmo vibratorio: si tratta di una differenza di grado, quindi, e non di sostanza. Questo punto potrà essere chiarito dall’esempio seguente. Benché tutte Le vibrazioni siano qualitativamente uguali, le vibrazioni che vanno dai 16 ai 20.000 cicli al secondo sono abbastanza dense da poter essere percepite dall’udito umano; le vibrazioni al di sotto dei 16 e al di sopra dei 20.000 cicli sono invece generalmente inudibili. Tra le vibrazioni udibili e quelle inudibili non c’è nessuna differenza essenziale, sebbene esista una differenza relativa.
Mediante il potere di maya, l’illusione cosmica, il Creatore fece apparire le manifestazioni della materia talmente distinte e dettagliate, da spingere la mente umana a credere che esse non abbiano alcun rapporto con lo Spirito.

Leggi il resto… »

L’influenza della Luna sulla bellezza, capelli e salute nel 11-esimo giorno lunare
26th Gen, 2018 da Ananda Saraswati

Anticamente le donne  eranno molto più connesse con la natura e la Luna. Usavano con consapevolezza e saggezza la sua influenza  per la:bellezza, salute, coltivazione della terra, concepimento, uso delle piante, cristalli, etc. La Conoscenza aporta Sattva Guna (virtuosità, purezza, luminosità, saggezza), apporta ” Luce” secondo l’Astrologia vedica e lo Yoga Tradizionale. Se usiamo la Conoscenza fluiamo in armonia nell’Universo, la conoscenza serve per uscire dall’ignoranza che crea karma.

Vediamo come possiamo usare l’energia della luna in questo giorno.

Il 27 gennaio, 2018 è 11 -esimo giorno lunare, Luna Crescente nel segno del Toro

Taglio di capelli: in questo giorno lunare avrà un effetto benefico sullo stato di salute, oltre a ridurre la probabilità di risentimento. La luna crescente promette una rapida crescita dei capelli dopo un taglio di capelli in questo giorno. Meglio fare il taglio dopo ore 14 00
Tinta: cambiare il colore dei capelli fa bene a coloro che hanno difficoltà a risolvere i problemi legati al commercio.
Cosa fare con i capelli: i capelli devono essere sistemati perfettamente, in modo che lo scambio energetico non si fermi. L’undicesimo giorno nel calendario lunare è il picco dal punto di vista dell’accumulo di energia, quindi possono manifestarsi esplosioni incontrollabili di emozioni sia positive che negative.

Leggi il resto… »

AGNIHOTRA – La Cerimonia Vedica del Fuoco
25th Gen, 2018 da Ananda Saraswati

Agnihotra Fire

 

Un antico e potente metodo di purificazione ambientale e trasformazione interiore: se guariamo la Terra e il Cielo, Essi guariranno noi.

 

Workshop introduttivo alla cerimonia dell’AGNIHOTRA per la guarigione ambientale e personale, un’agricoltura biologica e una vita sostenibile, inondando l’ambiente di forza vitale e la mente di pace, armonia e vibrazioni alte; a cura degli insegnanti dell’Associazione di Promozione Sociale NIRVAIRA.

 
 

PRESENTAZIONE:

Quella dell’AGNIHOTRA è una breve ma precisa “HOMA” (cerimonia di guarigione mediante il fuoco) di origine vedica, intesa per un uso quotidiano.
Antica saggezza recuperata per guarire la nostra Terra dall’inquinamento grazie a salutari biosfere protettive, la Terapia HOMA – un semplice ed efficace complesso di tecniche ayurvediche – sta guarendo corpi e menti di persone in tutto il mondo, incluse le dipendenze e le malattie cosiddette incurabili. La Terapia HOMA agisce ripristinando nell’ambiente un vitale e salutare stato di equilibrio e come tale è di grande aiuto anche per l’agricoltura biologica.

Leggi il resto… »

Stati di Coscienza
14th Gen, 2018 da Ananda Saraswati

Onde Cerebrali e Coscienza

Le onde cerebrali, come tutte le onde, vengono misurate in due modi. Il primo è la frequenza, o velocità degli impulsi elettrici. La frequenza viene misurata in cicli per secondo (cps o HZ), che vanno da .5cps a 38cps. La seconda è l’ampiezza, o quanto è potente un’onda cerebrale. Le onde cerebrali si dividono in quattro categorie: Beta, Alfa, Theta e Delta. Quando accediamo al sé multidimensionale siamo in grado di utilizzare una combinazione di tutte e quattro.

ONDE BETA

Le onde Beta rappresentano la capacità di elaborare coscientemente i pensieri. Trascorriamo la maggior parte dei momenti di veglia nelle onde Beta, in cui le onde cerebrali pulsano fra i 13 e i 90 cicli per secondo. In questo stato, l’attenzione è focalizzata sul mondo esterno di tutti i giorni. Siamo ampiamente focalizzati sull’attività logica e sequenziale dell’emisfero cerebrale sinistro, perché il cervello è intento nell’elaborazione di innumerevoli informazioni che arrivano attraverso i cinque sensi. Se tutte queste informazioni non fossero messe in un certo ordine, saremmo confusi e sopraffatti. La voce del nostro sé interiore può essere ancora udita debolmente, ma è come cercare di parlare a qualcuno in un aeroporto chiassoso e gremito. Potreste riuscire a sentire, ma è difficile capire quello che viene detto. Le onde Beta contribuiscono alla stimolazione di pensiero e azione. La maggior parte dell’educazione attuale è conformata alle onde beta ed è caratterizzata dal pensiero logico, analitico e intellettuale e dalla comunicazione scritta o verbale. Nella vita quotidiana le onde Beta sono predominanti. Senza di loro non saremmo in grado di funzionare nel mondo esterno.

ONDE ALFALe Onde

Le Onde Alfa hanno la capacità di fare da ponte tra la mente conscia e quella inconscia/superconscia, di avere un vivido immaginario e una consapevolezza rilassata e libera da pregiudizi. Quando ci rilassiamo completamente, scivoliamo nelle onde Alfa, che spaziano dagli 8 ai 12 cps. Le onde Alfa hanno una frequenza più lenta delle Beta, ma hanno un’ampiezza maggiore. Una persona che si prende del tempo per riflettere, meditare o staccare da un’attività, spesso è in uno stato alfa. Quando ci concentriamo intensamente su un pensiero, un’emozione o un’attività, abbiamo meno stimoli a elaborare e il cervello può andare nelle onde Alfa. Con la coscienza delle onde Alfa, non siamo limitati dal tempo e dallo spazio, come invece accade quando siamo nelle Onde Beta. Questo libera l’organizzazione logica e sequenziale dell’emisfero cerebrale sinistro e ci permette di accedere a quello destro più creativo e intuitivo.

L’emisfero destro pensa con immagini e suoni non limitati dal linguaggio umano. A causa di questo, i pensieri, le sensazioni e/o le attività di solito in natura sono creative come danzare, scrivere, guardare una bella commedia o ascoltare musica gradevole. Ora ci sono meno distrazioni ed è più facile udire la voce interiore. È in questo stato che abbiamo i momenti “A-ha”. Molti artisti, scienziati e atleti, consciamente o inconsciamente, vanno a uno stato Alfa per realizzare la loro ispirazione e miglior performance.

Le onde cerebrali Alfa contribuiscono a un problem solving creativo, a un apprendimento accelerato, a un miglioramento dell’umore e a una riduzione dello stress. Introspezioni intuitive, situazioni creative, ispirazione, motivazione e sogni ad occhi aperti caratterizzano le onde Alfa. Queste onde sono rilassate, pur essendo vigili, quindi forniscono un ponte tra le menti conscia, inconscia e/o superconscia.

Leggi il resto… »

Natale e Pasqua nella Tradizione iniziatica
21st Dic, 2017 da Ananda Saraswati


“Le feste del #Natale e della Pasqua traggono origine da   una lunga tradizione iniziatica. La loro collocazione in particolari momenti del ciclo dell’anno, #solstizio d’inverno ed equinozio di primavera, ne esprime con chiarezza cosmico, insegnandoci che l’uomo, per la sua appartenenza all’universo, partecipa intimamente ai processi di gestazione e #risveglio che si manifestano nella natura. Il Natale (la seconda nascita) e la Pasqua (la resurrezione) sono in realtà due modi diversi di presentare la rigenerazione dell’#uomo e il suo ingresso nel #mondo #spirituale.”
O.M.Aivanhov

Medicina Quantistica
15th Dic, 2017 da Ananda Saraswati

Con il termine “medicina quantistica” indichiamo un nuovo tipo di medicina vista con l’ottica della fisica quantistica, che come molti sanno è quella parte della fisica che indaga la realtà nel campo dell’infinitamente piccolo.

L’essere umano è costituito di materia ed energia, indissolubilmente legate fra loro e trasformabili una nell’altra. Inoltre l’energia è anche vibrazione e quindi frequenza, pertanto un corpo materiale non solo possiede energia, ma può anche emettere o assorbire frequenza. Ogni cellula del nostro organismo, tramite il suo DNA che funziona come un trasmettitore–ricevitore, emette e può ricevere segnali frequenziali e tutte le cellule dell’organismo sono in continua e istantanea comunicazione fra di loro e si scambiano messaggi elettromagnetici con precisi effetti biologici.

Tutto questo costituisce un sistema di autoregolazione continua, i cui dati viaggiano in continuazione tra le cellule per mantenere un equilibrio dinamico che si adatta alle modificazioni interne ed esterne e rappresenta equilibrio e salute.

Quando insorge un disturbo nella rete elettromagnetica di controllo e quindi nel sistema di autoregolazione, può insorgere una patologia. La Medicina Quantistica studia l’aspetto energetico-elettromagnetico della fisiologia e interviene su questo piano.

Un aspetto importante dal punto di vista psicologico è il fatto che emozioni come rabbia, gioia, ansia etc. hanno effetti sul nostro corpo, di conseguenza modificano le frequenze che il corpo emette. Tutto ciò può essere rilevato, di conseguenza, tramite il livello frequenziale, si possono indagare anche le emozioni. È importante notare come a livello frequenziale non si faccia distinzione tra fegato, rabbia, il sistema immunitario, o un singolo batterio, l’ansia etc. poiché sono tutte frequenze vibratorie e si distinguono tra loro “solo” per la particolare frequenza, come si può vedere dai campi di applicazione.

Leggi il resto… »

Stargate creati nel DNA attivano connessione con la Ragnatela Cosmica dell’Universo
23rd Ott, 2017 da Ananda Saraswati

L’articolo apparso sul sito web Neuroscienze.net e la scoperta riportata da poco riguardo la scoperta della “ragnatela cosmica” (o rete quantistica composta da gas o gas ionizzati, plasma, energia),  che collega fra loro le galassie, sistemi stellari, pianeti, viene comunemente denominata “Rete Quantistica” ed è stata osservata per la prima volta, grazie alla luce diffusa da un quasar distante che ha illuminato i filamenti. Descritta su Nature, la scoperta si deve a uno studio coordinato dall’astronomo italiano Sebastiano Cantalupo che lavora negli Stati Uniti presso l’università della California a Santa Cruz.

Portali spazio-temporali o Stargate creati nel DNA, attivano una connessione con la Rete Quantistica dell’Universo

Tutto ciò che è stato divulgato ora è la fotocopia o meglio dire, l’impronta delle ricerche che sto conducendo da anni sulle proprietà e le funzioni del DNA correlate nel campo della fisica quantistica.  Sono stato sempre convinto che il DNA rappresenta il vero Sacro Graal, una piccola molecola che se sottoposta a determinati tipi di frequenze, essa si attiva e crea un’apertura o portale dimensionale che prende la forma di una vera Coppa.  Attraverso il DNA possiamo connetterci con la Rete Quantica (energetica) dell’Universo e possiamo diventare un unico organismo vivente, connesso tramite filamenti energetici molto simili alle sinapsi neurali.

Leggi il resto… »

Repressesione sessuale, rabbia,legge di risonanza,karma, amore ed altro di Mauro Scardovelli
1st Ott, 2017 da Ananda Saraswati

 

Io sono Maria Maddalena
1st Set, 2017 da Ananda Saraswati

Dalla prefazione del libro di Anna Maria Bona “Maddalena, l’altra metà di Cristo”.

“L’Entità che io rappresento vive nel Sole spirituale laddove esiste il “Logos Cristico”, e non ha un tempo definibile come voi umani lo concepite. Io sono l’espressione Femminile di Cristo che, in tutti i tempi della vostra storia, ha accompagnato l’energia del Maschile Divino. Cristo ed Io rappresentiamo un’antica sostanza secondo la visione dell’essere androgino da Dio plasmato, perfettamente bilanciato tra la polarità maschile e femminile. Siamo quindi due facce della stessa medaglia.L’energia che si sta esaurendo ora in Terra pone fine ad un tempo troppo caratterizzato nel maschile e fortemente squilibrato. Esso lascerà spazio all’essenza del potere della Dèa, che diventerà strumento per creare un rinnovato stato di coscienza. Nel momento in cui l’energia del Femmininio Divino sarà risvegliata, riconquisterete l’armonia e la saggezza, indispensabili elementi che porteranno linfa vitale per la costruzione del mondo che verrà.Certo vi chiedete, a livello concreto, quale sia il modo per far emergere dentro di voi il femmininio sacro, quando ancora le vostre anime subiscono gli effetti devastanti della separazione, causati da un dominio maschile prevaricante!Vedete, amati, avete dovuto incarnarvi molte volte, attraverso schemi evolutivi, ora maschili, ora femminili per bilanciare ciò che indelebilmente si è impresso nell’anima e che vi ha allontanato dalla coscienza del vostro essere eterno e Divino.

Leggi il resto… »

I MAYA E IL TEMPO NATURALE: IL CODICE DI RITORNO A CASA
18th Lug, 2017 da Ananda Saraswati

Il tempo è un concetto astratto preso dalla misura di eventi che si susseguono. Originalmente veniva calcolato in base agli astri e il calendario più diffuso era quello delle 13 Lune, che considerava cicli di 28 giorni per 13 volte l’anno e che permetteva all’agricoltura di sintonizzarsi e utilizzare al meglio lo sviluppo naturale delle semine e dei raccolti.

Nel 1582, Papa Gregorio XIII introduce il calendario gregoriano, quello che usiamo oggi. Prima di questo, il calendario era quello giuliano, coniato da Giulio Cesare, il quale, a tavolino con suo figlio, aveva scelto la durata dei mesi (12) e dei minuti in un’ora (60), dando il suo nome al mese in cui era nato e quello del figlio a quello successivo (Luglio e Agosto), scegliendo la durata dei giorni a loro piacere, ma in base a ciò che serviva per pagare i conti (calendario significa libro di conti) e per gestire il loro esercito. Durante le conquiste dei villaggi, imponevano il loro calendario a tutti, eliminando quello delle 13 lune. Papa Gregorio XIII aggiunse alcuni giorni all’anno, facendolo diventare di 365 giorni, creando così il nostro modo di misurare il tempo attuale.

 

Il calendario e il metodo di misura del tempo che usiamo oggi, ha una frequenza di 12:60, così viene chiamata per le 12 ore e i 60 minuti. Questa è totalmente sconnessa dai veri cicli del cosmo e ci allontana dal flusso naturale che ha la natura, separandoci da noi stessi che siamo fatti di natura e, volenti o nolenti, siamo sincronizzati con lei in modo sottile.

 

I Maya, sono conosciuti come un popolo molto avanzato ed avevano creato il metodo di misurazione del tempo più preciso del Mondo. Ad oggi, questo metodo rimane il più esatto, con un margine di errore inferiore ai calcoli attuali. I Maya sono anche stati i primi a usare lo 0 che è sempre stata considerata la più grande scoperta degli Arabi, ma in realtà 900 anni prima, era già usato dai Maya come una frequenza molto importante per la loro cultura e per la misurazione del tempo.

 

Usavano più di 20 calendari ed erano stati capaci di misurare esattamente gli allineamenti planetari con Sirio, le Pleiadi e il centro della galassia che avevano identificato come “il Grande Utero” o “La Grande Madre” e chiamato HUNAB KU. Solo recentemente è stato identificato il centro della Galassia e confermato dai fisici, senza ancora sapere esattamente il suo funzionamento.

 

Il Calendario Maya che oggi viene diffuso e usato è quello chiamato TZOLKIN, Sacro Computo, nome coniato successivamente e riscattato da Josè Arguelles, riportando alla luce l’importanza di ritrovare la sincronia con il Tempo Naturale che ci permette di ritrovare anche noi stessi e l’appartenenza alle leggi universali che rendono tutto perfetto e più fluido. Il TZOLKIN è stato unito alle 13 Lune, ricavando un anno completo.

 

L’anno Maya inizia ogni 26 di Luglio quando il Sole, la Terra e Sirio si allineano. Ha una durata di 364 giorni+1,  il 25  Luglio. che viene chiamato “IL GIORNO FUORI DAL TEMPO”, dove si può ricapitolare e tirare le somme di ciò che è successo durante l’anno che se ne va e accogliere così il nuovo che viene. Ogni anno ha un’energia diversa che da una guida, un proposito, una frequenza che ci coinvolge  tutti e che ci permette di evolvere. La frequenza usata è quella di 13:20 che è la naturale, quella che ci riporta in sintonia con noi stessi. Per i Maya il 13 è un numero così sacro che non si poteva dire, quindi dicevano 12+1, poiché il 13 era per loro un codice di ritorno a casa, che hanno usato nel momento in cui hanno scelto di tornarci: 13 sono i toni galattici che definiscono l’energia e 20 sono i Glifi o nahuales che definiscono i tipi energetici considerati.

 

Maya è una stella delle Pleiadi che appartiene alla costellazione del Toro. la conoscenza dei Maya veniva da una connessione speciale che avevano con il Cosmo. Il vero ritorno a casa è quello che ci permette di ritrovare noi stessi, di ricordare chi siamo in quella connessione che abbiamo con gli Universi che abitiamo. Dentro di noi esiste già tutto e va riscoperto, ritrovando quella luce che arde dentro e che possiede molti talenti e doni. L’Anima che abita questo corpo ha con sé molto da dare, quando ricordiamo, stiamo aumentando il peso della nostra ANIMA che si manifesta e guarisce ogni ferita del passato, ritrovando un presente ricco e fiorito.

 

A proposito di fiorire, quest’anno 2017-2018, il 26 di luglio entriamo nella frequenza del Seme Giallo Cristallo, il nuovo anno maya che ci accompagna desidera far fiorire la nuova coscienza  siamo  dunque pronti per seminare il nuovo seme, con i nuovi propositi, il nuovo inizio.

 

Per questo, vi consiglio di fare una lista…il 25 di Luglio quando il tempo non viene calcolato, saremo in uno spazio a-dimensionale, dove fare una lista di ciò che abbiamo imparato, sperimentato, sentito nell’anno che se ne và…e quali nuovi propositi seminare nell’anno che viene…propositi su cui lavorare, da coltivare e far fiorire.

 

La frequenza che sta per entrare ha un tono Cristallo che significa il servizio al Pianeta. Ognuno di noi viene al servizio e lo fa’ prendendosi cura di se stesso, camminando verso una crescita personale, verso la comprensione di se stesso e l’espressione della propria unicità. Questo è il miglior servizio che diamo all’umanità poiché secondo il principio dell’entanglement, ogni cosa che pensiamo, facciamo, sentiamo manda un impulso, un’informazione al resto del Mondo…ogni volta che ci liberiamo stiamo aiutando a liberare l’umanità..quando maturiamo ed evolviamo facciamo lo stesso, stiamo immettendo una nuova informazione che aiuta altre anime a farlo. Prendere coscienza dell’importanza che ha il nostro processo, non solo per noi ma per tutti, è fondamentale!

 

E’ tempo di ricordare e ritornare a fluire con il Cosmo…. siamo fatti di stelle, di atomi che hanno capacità di luce propria, guarire le ferite dell’Anima ci permette di evolvere, liberarci ed essere persone felici…che aiutano altri a fare lo stesso! L’energia è a nostra disposizione, sintonizzarci con lei ci permette di far meno fatica a ritrovarci.

 

In Lak Ech….Io sono Te…. Hala Ken…Tu sei Me… i Maya sapevano già dell’entanglement e che siamo tutti unici ma uniti nel Tutto. La diversità è un grande dono nel tutto.

 

 

Francesca Ollin Vannini

Fonte : https://www.semidiluceblu.it/2017/07/16/i-maya-e-il-tempo-naturale-il-codice-di-ritorno-a-casa-ollin/

Salva

Salva

Salva

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira