EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Conferenza di inzio corsi e attività 2017-2018 al Centro Nirvaira
29th Ago, 2017 da Ananda Saraswati

 

A partire dal 4 settembre il Centro Nirvaira apre le iscrizioni ai nuovi corsi di Yoga tradizionale ed alle altre attività destinate agli associati (corsi Shakti per Risveglio e l’armonizzazione del Femminile, corsi di Alchimia Tantrica, corsi per la Rivelazione del Sé, oltre a conferenze, workshops, seminari  e quant’altro).

I corsi di Yoga si terranno a Vasto e San Salvo.

Il 20 settembre, ore 19 00 si terrà presso il Centro Nirvaira Conferenza d’appertura dei corsi Yoga tradizionale e altre attività, ingresso gratuito.

Vi aspettiamo tutti coloro chi hanno interesse e desiderio a prendersi cura del proprio corpo, mente e anima!

A.P.S. Nirvaira

Per info : http://nirvaira.org/contatti/

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Risposta alla domanda posta da un contatto su social “Cosa ne pensi dello yoga con birra?”
8th Feb, 2017 da Ananda Saraswati

Tornando nei social dopo qualche pausa troviamo sempre delle simpatiche sorprese. Stiamo vivendo in un’epoca di grande confusione e degrado da una parte, e di risveglio spirituale da un’altra (è evidente che non siamo usciti ancora dal Kali Yuga).

Yoga significa Unione, con se stessi e con l’Assoluto, e ha lo scopo di risvegliare le nostre coscienze e armonizzare mente, corpo e anima. Ma siccome c’è qualcuno/qualcosa che non desidera che questo avvenga, si inventano proposte “creative” e alla moda tipo: “yoga” e tango, “yoga” e pomodori, “yoga” surf , “yoga” con i conigli, “yoga” in acqua ed altre distorsioni che con lo Yoga autentico c’entrano ben poco, ma essendo spacciate per “yoga”, fanno presa sui più ingenui e sono pubblicizzate come l’ultima moda “spirituale” del momento, a “beneficio” degli instancabili cercatori di “novità” desiderosi di riempire così i propri vuoti esistenziali, ignorando che, soprattutto in questo ambito, non è la “novità” che va cercata, ma la Fonte originaria.

In questo contesto non poteva mancare anche lo “yoga” e birra (che è solo per i principianti supponiamo: se tanto ci dà tanto, nelle fasi avanzate della “disciplina” si passerà a “yoga” e prosecco, “yoga” e vino cotto, “yoga” e whisky e “yoga” e vodka, mano a mano che si eleva lo “spirito”) e domani poi sarà il turno di “yoga” e bistecca, “yoga” e patatine fritte (con e senza ketchup), etc… la creatività in tal senso non manca ai signori della confusione.

I Maestri si rivolteranno nella tomba per tutte le aberrazioni e il degrado a cui certi commercianti di basso livello portano una filosofia e una disciplina di grande efficacia per il Risveglio del’Anima quale è lo Yoga autentico. D’altronde, l’essere umano fuori dalla sua centratura è sempre in cerca di novità, e la New Age è pronta con le sue “proposte” per distogliere le coscienze da un’autentica (ed impegnativa) ricerca interiore e da un Risveglio che non sia solo di facciata: è più facile manipolare chi continua a dormire sognando di essere sveglio.

Tutti questi “yoga” “innovativi” e alla moda, di recente invenzione, servono solo a sviare o “parcheggiare” le coscienze di chi magari sente un richiamo interiore, ma non sa ancora bene in che direzione indirizzarsi. Poi però si continua a consumare psicofarmaci per la depressione, anziché usufruire del potere enorme dello Yoga (senza birra) per armonizzare la mente ed alzare le proprie vibrazioni.

Tutto è vibrazione e risonanza in questo Universo, quindi uno che fa “yoga con la birra” dovrebbe chiedersi con cosa si mette in risonanza. In ogni caso, siamo profondamente dispiaciuti che questa meravigliosa disciplina spirituale venga detrasfigurata e sviata da ciò che realmente è, da ciò che ci è stato donato dal Divino migliaia di anni fa e da ciò che può fare per gli esseri umani.

Come già detto sopra, tutto è Risonanza (e di queste leggi universali di cui lo Yoga tradizionale ci parla da milenni, anche la fisica quantistica ha realizzato la portata, in tempi ben più recenti), per cui ognuno attrae cose, eventi, persone, situazioni, circostanze e stati d’animo sulle cui frequenze di risonanza il suo essere vibra maggiormente.

Prosit!

Salva

Alcune precisazioni da tener presenti circa i trattamenti Reiki
14th Mag, 2015 da Ananda Saraswati

0000y4h7

“Reiki è la saggezza combinata con l’energia
Ci connette alla Luce, ci stimola la crescita,
Ci bilancia dal punto di vista fisico e spirituale
Siamo in grado di guarire le ferite più profonde e possiamo far emergere il potenziale
che non conosciamo del nostro essere.
Reiki è il supporto per la salute ottimale del corpo.
È un veicolo per la nostra verità interiore che ci guida alla felicità, e la felicità non è altro che guarigione! ”
(Sensei Mikao Usui)

Il Reiki Tradizionale Usui è un metodo originario del Giappone, ma diffuso in tutto il mondo, di purificazione ed equilibrio delle energie del corpo umano. La parola giapponese Reiki è composta da due sillabe, REI e KI, che significano rispettivamente “energia universale” e “forza vitale”: in India, questa forza viene chiamata Prana, in Cina Ch’i (o Qi), in Giappone Ki appunto, in Egitto Ka, mentre nella tradizione cristiana è nota come Spirito Santo. Reiki quindi significa Energia Vitale Universale. Il Reiki rappresenta l’Energia Universale di origine Divina.
Il Reiki può essere usato nel trattamento di praticamente tutte le malattie e i disturbi conosciuti. Quando affiancato ad altre terapie naturali e/o allopatiche, ne migliora l’efficacia.
Secondo l’esperienza di chi lo pratica, il Reiki ha l’effetto di migliorare i risultati del trattamento medico globale, agendo in modo da ridurre gli effetti collaterali di eventuali farmaci, ridurre il tempo del trattamento, ridurre o eliminare il dolore, ridurre lo sforzo e contribuire ad aumentare un senso generale di ottimismo, che gioverà alla cura nel suo complesso.
Il Reiki, inoltre, può essere abbinato alla medicina tradizionale come pure ad altre medicine alternative che tengono in considerazione la salute della persona da un punto di vista olistico quali: Omeopatia, Fiori di Bach, Aromaterapia, Aurasoma, Medicina Ayurvedica, Cristalloterapia e Fitoterapia.
Secondo la tradizione fu Mikao Usui, nato in Giappone nel 1865, a sviluppare la pratica del Reiki così come la conosciamo al giorno d’oggi: tale abilità curativa si è manifestata in lui dopo tre settimane di digiuno e meditazione sul Monte Kurama. È bene ricordare e sottolineare quest’aspetto, giacché senza un’adeguata purificazione e preparazione del corpo fisico e delle strutture sottili dell’essere, la ricezione di tale iniziazione direttamente dal Divino non avrebbe potuto aver luogo. Per la stessa ragione, soprattutto prima di effettuare trattamenti su altre persone, i terapeuti e gli operatori Reiki dovrebbero purificare se stessi su tutti i livelli. Leggi il resto… »

IL DIAMANTE DELLA SALUTE
4th Dic, 2014 da Ananda Saraswati

nirvaira shiunghite Shunghite – pietra con proprietà curative

E’ una roccia specifica simile al carbone, il nome è dato dal paesino Shunga in Karelia, è l’unico posto sulla terra dove si trova. E’ un buono conduttore di elettricità e resistenza chimica. Grazie alla sua composizione, ha effetti battericidi. Le sue proprità si conoscono da tre secoli. Nel 17 secolo la regina Marfa Ivanonva essendo malata e perdendo i figli, i paesani le hanno dato acqua con questa pietra, era guarita e ha avuto in seguito anche un figlio.Più tardi si sono scoperte le proprietà utili per fegato, contro l’anemia. Contiene fullerene e tutti gli elementi della tabella di Mendeleev. Attraverso l’interazione con l’uomo la shunghite elimina quello che non serve più e riequilibra gli elementi di cui l’organismo ha bisogno, permettendo l’equilibrio energetico, utile per diverse malattie. Leggi il resto… »

Sensei Mikao Usui – cos’è Reiki
3rd Mar, 2014 da Ananda Saraswati

0000y4h7

“Reiki è la saggezza combinata con l’energia
Ci connette alla Luce, ci stimola la crescita,
Ci bilancia dal punto di vista il fisico e spirituale
Siamo in grado di guarire le ferite più profonde e possiamo far emergere il potenziale
che non conosciamo del nostro essere.
Reiki è il supporto per la salute ottimale del corpo.
E’ un veicolo per la nostra verità interiore che ci guida alla felicità, e la felicità non è altro che guarigione! ”
(Sensei Mikao Usui)

Lo sfidante
20th Set, 2012 da Ananda Saraswati

Un estratto dal libro  e film “Lo sfidante”.

1. Hai mai visto il tuo Avversario?
Miliardi di esseri umani vivono attualmente sulla nostra Terra meravigliosa.

L’Infinito ha donato a ciascuno di essi uno strumento molto potente. Uno strumento quasi sempre sottovalutato, o nella peggiore delle ipotesi non compreso per nulla. Uno strumento che ha permesso e permette agli esseri umani di creare, più o meno consapevolmente e da sempre, ogni cosa che desiderano.

La mente.

Uno strumento molto potente, così potente da richiedere attenzione e consapevolezza nel suo utilizzo. Perchè così come può essere usato per creare capolavori di bellezza ed armonia, esso può essere usato per creare mostri di disarmonia e sofferenza.

La mente degli esseri umani, la nostra mente, è uno strumento straordinariamente potente eppure molto semplice nel suo funzionamento base. Tuttavia, il suo enorme potere, unito alla semplicità con cui può essere gestito e ad una inconsapevolezza delle sue potenzialità, può dare forma, ed alimentare, persino qualcosa che non rientra nei nostri piani. Qualcosa che invece di sostenerci ci deruba di energia. Qualcosa che in questo momento ha sotto il suo potere la stragrande maggioranza degli esseri umani del pianeta.

Lo stato apparentemente normale della mente della maggioranza degli esseri umani al termine del processo di educazione compiuto dai propri predecessori, inteso come una istantanea della sua attività in un qualsiasi istante, è questo: Leggi il resto… »

Massaggio sonoro con campane tibetane
4th Gen, 2012 da Ananda Saraswati

Sappiamo tutti quanto i suoni possano influenzarci: la musica romantica di un film, ad esempio, o la musica classica, ma anche i suoni del mare o degli uccelli nel bosco. Ogni suono ha un effetto profondo sulle nostre emozioni e sulla psiche.

Il massaggio sonoro con le campane è stato utilizzato fin dall’antichità in India e soprattutto sull’Himalaya, nel Tibet, da 5000 anni, per l’armonizzazione psico-fisica.

Le scritture sacre indiane affermano che gli uomini sono stati creati dalla vibrazione/suono, ma anche nella tradizione giudaico-cristiana è noto che “in principio fu il verbo”.

L’origine  esatta e la composizione delle campane tibetane è avvolta nel mistero. Le campane tibetane, utilizzate anche nelle cerimonie e nella meditazione, sono strumenti per la riproduzione del suono originario dell’OM. Una delle loro caratteristiche più preziose è quella di essere formate solitamente da una lega derivante dalla fusione di sette metalli, ciascuno dei quali corrispondente a uno degli antichi sette corpi celesti del nostro sistema solare. Ne esistono diversi tipi, e il loro suono varia in base alla proporzione dei componenti della lega, alla forma e allo spessore. Le loro frequenze di vibrazione misurate in Hz (Hertz) possono essere abbinate alla frequenza di vibrazione di ogni singolo pianeta. E’ stato studiato che durante l’utilizzo della campana, le onde cerebrali si attestano su frequenze che vanno dagli 8 ai 12 Hz, caratteristiche dello stato di veglia ad occhi chiusi. Questi sono i metalli di cui solitamente sono formate ed i corrispondenti corpi celesti:

1.     Oro – Sole

2.     Argento – Luna

3.     Mercurio – Mercurio

4.     Rame – Venere

5.     Ferro – Marte

6.     Stagno – Giove

7.     Piombo – Saturno

La medicina orientale ci insegna che l’essere umano è formato, oltre che dalla parte più densa, materiale, percepibile dai sensi, anche da una parte più sottile, eterea, costituita da onde di energia vibrante. Quando una persona è in buona salute, le sue emanazioni sottili sono armoniose, vibrano alla giusta frequenza e la sua energia scorre liberamente, viceversa, in caso di malattia, la vibrazione è distorta e l’energia sottile manifesta accumuli e blocchi. II massaggio sonoro delle campane tibetane favorisce il ripristino delle corrette frequenze, sciogliendo i blocchi e liberando i ristagni energetici, permettendo così al corpo di ritrovare il suo normale stato di salute.

Nell’era attuale, a causa dello stile di vita innaturale e delle numerose forme di inquinamento ambientale, alla maggior parte di noi accade sovente che i propri corpi fisici e sottili siano “fuori sintonia”, perturbati. La gente soffre di  disturbi fisici (emicranie, dolori articolari, problemi digestivi, disfunzioni organiche, sciatica, problemi di schiena, etc.), mentali ed emozionali (bassa autostima, mancanza di energia, iperattività, ansia, depressione, paure e preoccupazioni, etc.) .

Tramite il massaggio sonoro con le campane tibetane si riscontra il miglioramento dello stato psico-fisico. Grazie alla capacità di indurre rapidamente la persona in uno stato di quiete, la campana tibetana, può essere utilizzata sia per la meditazione che per il massaggio del corpo e l’attivazione ed armonizzazione dei centri energetici.
Il campo sottile del corpo, l’aura bioenergetica, viene purificato e questo ci fa sentire riposati come se ci si togliesse un peso dalle spalle, ottenendo una sensazione di piacevole leggerezza e di chiarezza mentale.

Il massaggio sonoro “influenza” ogni cellula del corpo. Per comprendere in che modo, possiamo ricorrere ad un’analogia:  quando si getta un sasso in un laghetto, si crea nell’acqua una serie di onde concentriche che, estendendosi, mettono in movimento tutta la superficie. Allo stesso modo, quando si fa risuonare una campana tibetana a contatto o vicino al corpo la vibrazione del suono raggiunge ogni cellula tramite l’acqua del nostro corpo. Il nostro corpo è costituito per circa l’80% di acqua e le vaste ed esaurienti ricerche del Dr. Masaru Emoto hanno dimostrato che l’acqua è un eccellente vettore di informazioni. La vibrazione del suono purificatore fluisce nel corpo e agisce favorevolmente sulla struttura e sulla salute delle cellule e degli organi. La cosiddetta malattia è una disarmonia della vibrazione energetica specifica di cellule, tessuti e organi (la cui origine è quasi sempre il pensiero) e il massaggio con il suono ha un effetto benefico su ogni singola cellula vibrante, riportandola al suo stato di armonia e, di conseguenza, al ripristino della sua funzionalità.
La sottile vibrazione può essere diretta con precisione ponendo la campana sopra o vicino ad una zona in tensione del corpo del soggetto. Le campane vengono percosse o fatte vibrare con un movimento circolare lungo il bordo mediante un bastoncino rivestito di feltro. La vibrazione sonora emessa scioglie prima l’energia stagnante e ne favorisce poi l’armonizzazione.

Il suono  porta  a un  rapido, efficace e profondo rilassamento, annulla lo stress, aiuta ad affrontare efficacemente la vita quotidiana e a migliorare la creatività. Nuove energie saranno liberate e durante il trattamento possono apparire immagini o soluzioni per i problemi.

Il massaggio con le campane tibetane influisce su tutte le strutture del nostro essere:

  • Rilassa profondamente i muscoli.
  • Dona chiarezza mentale.
  • Allevia i disturbi fisici tra cui: dolori articolari, sciatica, problemi digestivi, mal di testa, mal di schiena, disfunzioni addominali, cattiva circolazione.
  • Grazie al massaggio, il sistema nervoso si “riempie” di energia positiva e questo ha un benefico effetto su tutti gli altri sistemi (es. digestivo, circolatorio, ghiandolare, linfatico, cardio-vascolare), correlati tra loro.
  • Aumenta l’efficienza funzionale armoniosa di cellule, tessuti e organi.
  • Allevia tensioni e blocchi ed equilibra i chakra (i centri di ricezione/emissione delle energie sottili).
  • Favorisce l’eliminazione delle tossine dal corpo.
  • Aiuta a lasciar andare i modelli negativi presenti o passati, ad esempio di relazioni passate o di dipendenze.
  • Aumenta l’energia e la forza necessarie nella nostra vita quotidiana.
  • Permette il rilascio di disturbi mentali ed emozionali quali: bassa autostima, preoccupazioni, paure, ansia e depressione.
  • Amplifica la fiducia in se stessi, la creatività e il potenziale interiore.
  • Favorisce il raggiungimento di maggiore equilibrio e armonia nella propria vita.
  • Conduce a stati elevati di coscienza.

Il massaggio sonoro con le campane non è utile soltanto alle persone sofferenti; anche le persone sane possono trarne grandi benefici, diventando più calme e migliorando la qualità del proprio sonno. Bambini, ragazzi, donne incinte, anziani, tutti possono usufruire delle vibrazioni benefiche per corpo, mente e anima prodotte dal dolce massaggio con le campane tibetane.

Si può usufruire di singoli trattamenti occasionali/speciali o, per purificare il corpo dai blocchi, ci si può sottoporre ad una serie di trattamenti consecutivi, dall’effetto cumulativo.

 

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira