EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Pensieri di Omraam Mikhaël Aïvanhov
29th Gen, 2018 da Ananda Saraswati

 

« Nella vita, prima o poi sarete vittima di ingiustizie: accuse senza fondamento, giudizi errati da parte di persone che vogliono nuocervi o estromettervi. Sappiatelo, e preparatevi ad affrontare tali situazioni per non lasciare che, quando arriverà il momento, il turbamento, il dispiacere o il desiderio di vendetta prendano il sopravvento. L’unico atteggiamento corretto da avere in questi casi è continuare a lavorare su voi stessi. Ditevi che tutto ciò che è ispirato dal mondo divino rimarrà e un giorno brillerà in tutto il suo splendore, mentre invece i calcoli, gli intrighi e i complotti, anche se per un certo tempo funzionano, sono destinati a fallire.
Lasciate dunque che le persone ingiuste e malvagie sprofondino nella loro palude, se è questo che vogliono: si impoveriranno e si indeboliranno perché ignorano quanto sono terribili le leggi verso chi si è reso servitore della gelosia, della menzogna e dell’odio. La potenza del Cielo è infinita: impercettibilmente, ma instancabilmente, esso lavora, e alla fine tutto si trasforma nel bene per coloro che hanno riposto nella propria vita un ideale di bellezza e di amore per la venuta del Regno di Dio e per la fratellanza nel mondo. »

 

Leggi il resto… »

25 lezioni che cambieranno la tua vita da M. Rumi
14th Gen, 2018 da Ananda Saraswati

“Studiami come più ti piace, non mi conoscerai,
perché io mi differenzio in un centinaio di modi da ciò che ti sembra io sia.
Mettiti nei miei panni per vedere come vedo io,
perché ho scelto di abitare in un luogo che non puoi vedere”
Rumi

 Jalal ad-Din Muhammad Balkhi, noto anche come Rumi, è un poeta persiano, teologo e mistico del 13esimo secolo, che, a mio parere personale, ha scritto alcune delle più belle e più profonde parole che sono mai state scritte. Non crederete a quanta saggezza e a quanto potere ci sia nelle sue parole. E’ incredibile.

1. Smettere di agire così in piccolo . Tu sei l’universo in movimento estasiante.
“Sei nato con un potenziale. Sei nato con la bontà e con la fiducia. Sei nato con ideali e ogni. Sei nato con la grandezza. Sei nato con le ali. Non sei stato concepito per strisciare, quindi non farlo. Hai le ali.  Impara a usarle e volare.”
“Ti siedi qui per giorni dicendo ” questo strano commercio”. Sei tu lo strano commercio. Hai l’energia del Sole in te, ma la tieni annodata alla base della spina dorsale. Sei uno strano tipo di oro che vuole rimanere sciolto nel forno, in modo da non dover diventare denaro”
“Perché dovrei stare in fondo a un pozzo quando ho nella mia mano una corda forte?”
“Diventa cielo. Prendi un’ascia e rompi le pareti della tua prigione. Fuggi”
” Sai che cosa sei? Sei un manoscritto di una lettera divina. Sei uno specchio che riflette un volto nobile. Questo universo non è al di fuori di te. Guarda dentro te stesso, tutto ciò che desideri  è già lì.”

2. Il tuo compito è quello di vivere la vita in un modo che abbia senso per te, non per gli altri
” Inizia un enorme, insensato progetto, come Noè… non fa assolutamente alcuna differenza quello che la gente pensa di te

3. Mai rinunciare a se stessi.
” Quando si attraversa un periodo difficile, quando tutto sembra opporsi a te… quando senti che non potresti sopportare un altro minuto, non mollare! Perché è quello  il momento e il luogo in cui il destino cambierà.”
“Il dolore ti prepara alla gioia. E spazza via con violenza tutto quanto fuori dalla vostra casa, in modo che una nuova gioia riesca a trovare spazio per entrare. Scuote via le foglie gialle dal ramo del tuo cuore, in modo che nuove foglie verdi possano crescere al loro posto. Strappa le radici marce, in modo che nuove radici nascoste al di sotto abbiano spazio per crescere. Qualunque sia il dolore che scuote il tuo cuore, cose di gran lunga migliori prenderanno il suo posto.”
” Danza, quando sei distrutto. Danza, se hai strappato le bende. Danza nel bel mezzo del combattimento. Danza nel tuo sangue. Danza quando sei perfettamente libero.”

4. L’ignoranza è la prigione di Dio
” L’ignoranza è la prigione di Dio. La conoscenza è il palazzo di Dio.”

5. I tesori che puoi trovare al di fuori, non si possono nemmeno confrontare con quelli che puoi trovare dentro di te.
“Vaghi da stanza a stanza alla ricerca di una collana di diamanti che è già intorno al tuo collo.”
“Se ti conoscessi anche solo per un momento, se potessi solo intravedere il tuo volto più bello, forse non sonnecchieresti così profondamente in quella casa di argilla. Perché non entri nella tua casa di gioia e non brilli attraverso ogni fessura! Per te sono i segreti del cercatore del tesoro , e lo sono sempre stati. Non lo sapevi?”
” Tutto l’universo è dentro di te. Chiedi tutto da te stesso”
“Perché sei cosi incantato da questo mondo, quando dentro di te hai una miniera d’oro?”
” Vaghi da villaggio in villaggio sul tuo cavallo, chiedendo a tutti “qualcuno ha visto il mio cavallo?”
” Non bussare a ogni porta come un mendicante. Allunga il tuo braccio verso un’altra porta, al di là di quella strada dove tutti chiedono ” come stai?” e nessuno chiede ” come non stai?”
” C’è una fontana dentro di te , non andare in giro con un secchio vuoto”

6. Quando lasci andare chi sei, diventi chi potresti essere.
“Bussate e vi aprirà la porta Vanish, egli ti farà brillare come la Caduta del sole, e ti farà innalzare al cielo. Diventa nulla, e lui ti trasformerà in tutto”
” Dimentica la sicurezza. Vivi dove temi di vivere. Distruggi la tua reputazione. Sii famoso”
” Non soddisfarti con le storie, di come sono andate le cose con gli altri. Apri il tuo mito”
” Imposta la tua vita in fiamme. Cerca coloro che alimentano le tue fiamme.”
” Sii neve che si scioglie. Lava te stesso di te stesso.”

7. C’è qualcosa che puoi fare meglio di chiunque altro.
” Ognuno è stato creato per qualche lavoro particolare, e il desiderio di quel lavoro è stato messo in ogni cuore.”
” Sii una lampada, o una scialuppa di salvataggio o una scala. Aiuta l’anima di qualcuno a guarire. Cammina a piedi fuori da casa tua come un pastore.”

8. Non è necessario vedere tutta la scala, basta iniziare il primo scalino.
” Dal momento che inizi a camminare su una strada, essa appare.”

9. Quando ti impegni in qualcosa, fallo con tutto il cuore.
” La metà di un cuore non raggiunge la maestosità. Inizi a cercare Dio, ma poi ti fermi per lunghi periodi in luoghi di ristoro meschini.”
” Quando fai le cose dalla tua anima, senti un fiume in movimento dentro di te, una gioia. Quando l’azione proviene da un’altra parte del corpo, la sensazione scompare.”
” Ovunque tu sia, e qualsiasi cosa tu faccia, sii innamorato.”

10. Le cose buone arrivano alla fine, in modo che le cose migliori possano accadere insieme.
” Non piangere. Tutto ciò che viene perso, ritorna sotto un’altra forma.”

11. La ferita è il luogo da dove entra la luce.
“Quello che fa male, ti benedice. L’oscurità è la tua candela.”
” Dove c’è la rovina, c’è speranza per un tesoro.”
” Non allontanarti. Mantieni il tuo sguardo su quel posto fasciato. E’ lì che entra la luce dentro di te”
” ll dolore può essere il giardino della compassione. Se mantieni il tuo cuore aperto a tutto ciò, il dolore può diventare il tuo più grande alleato nella ricerca di amore e saggezza.”
“Continua a rompere il tuo cuore, fin quando non si aprirà”

12. Fai ciò che ami e fallo con amore.
” Lascia che la bellezza che amiamo  sia ciò che facciamo.”
“Lasciati silenziosamente attrarre dalla forza di quello che ami davvero”
” Sii occupato, poi, con quello che ha realmente valore per te e lascia che il ladro prenda qualcos’altro.”

13. Pensa di meno. Senti di più
” La ragione è impotente di fronte all’espressione dell’Amore”
” Metti i pensieri a dormire, non lasciare che gettino ombra sulla luna del tuo cuore. Smettila di pensare”
” Solo con il cuore puoi toccare il cielo.”
” Vi è una candela nel tuo cuore, pronta per essere accesa. C’è un vuoto nella tua anima, pronto per essere riempito. Lo senti, non è vero?”
“Svuotati dalle preoccupazioni. Pensa a chi ha creato il pensiero! Perché stare in prigione quando la porta  è così spalancata?”

14. L’amore vale la pena per tutto.
” Scommetti tutto per amore, se sei un vero essere umano. In caso contrario, lascia questa riunione.”
” Lascia che l’amante sia vergognoso, pazzo, distratto.
“Ho bisogno di un amante che, ogni qual volta si levi, produca finimondi di fuoco da ogni parte del mondo! Voglio un cuore come inferno che soffochi il fuoco dell’inferno sconvolga duecento mari e non rifugga dall’onde! Un Amante che avvolga i cieli come lini attorno alla mano e appenda, come lampadario, il Cero dell’Eternità. Lascia che l’amante sia.”

15. Apprezza sia il bene sia il male nella tua vita.
” Sii grato per chi viene perché ognuno è stato inviato come una guida”
” Se sei irritato per ogni sfregamento, come diventerai lucido?”
” Quando qualcuno batte un tappeto, i colpi non sono contro il tappeto, ma contro ala polvere su di esso.”

16. Cambia il tuo mondo cambiando te stesso.
” Ieri ero intelligente, così ho voluto cambiare il mondo. Oggi sono saggio, così sto cambiando me stesso.”

17. Siamo fatti di Amore e per Amare.
“Siamo nati per amore, l’Amore  è la nostra madre”
” Il tuo compito non è quello di cercare l’amore, ma solo di cercare e trovare tutte le barriere che hai costruito dentro di te contro di esso”
” Attraverso l’amore tutto ciò che è amaro sarà dolce, attraverso l’amore tutto ciò che è di rame diventerà d’oro, tutte le scorie saranno vino, tutto il dolore diventerà una medicina”
” Non ho alcun compagno, ma Amore, senza inizio né fine, senza un’alba. L’Anima chiama da dentro di me: ‘Tu, ignorante della via dell’Amore, mi hai  liberato’.
“Ciò che è falso addolora il cuore, ma la verità porta gioiosa tranquillità”

18. La tua Anima non è di questo mondo, il tuo corpo si.
” Per tutto il giorno ci penso, poi la notte lo dico. Da dove vengo e che cosa dovrei fare? Non ne ho idea. La mia anima proviene da altrove, sono sicuro di questo, e ho intenzione di arrivare lì.”
“Quando morirò, salirò con gli angeli e quello che diventerò non si può immaginare.”

19. A livello di Anima, siamo tutti UNO.
” Tutte le religioni, tutte queste canzoni, sono un’unica cosa. Le differenze sono solo illusioni e vanità. La luce del sole sembra un po’ diversa su questo muro, di quanto non sia su un altro muro, ed è molto diversa ancora da un altro muro, ma è comunque luce.”
” Che cosa devo dire, o Musulmani, io non mi conosco, io non sono né cristiano, né ebreo, né un zoroastriano e né un musulmano.”
“Io non sono né di Oriente né d’Occidente, non esistono confini.”

20. La vostra anima è più preziosa di ogni altra cosa.
“Sai il valore di ogni articolo in vendita, ma se non conosci il valore della tua anima, è tutto una follia.”

21. Scegli il compagno di vita con saggezza.
” Scegli qualcuno che non sta tenendo un punteggio, che non sta cercando di essere più ricco, o che abbia paura di perdere, che non ha il minimo interesse della sua personalità: è libero.”

22. Il vero amore trascende il piano materiale e non si cura se i vostri corpi sono a pezzi, le vostre anime saranno collegate per sempre.
” Gli addii sono solo per coloro che amano con gli occhi. Per chi ama con il cuore e con l’anima, non esiste separazione.”

23. Innalza le tue parole, non la voce.
” Innalza le tue parole, non la voce. E’ la pioggia che cresce i fiori, non il tuono.”

24. Il silenzio è il linguaggio di Dio.
” Il silenzio è il linguaggio di Dio, tutto il resto è misera traduzione.”
” Le parole sono un pretesto. E’ il legame interiore che attira una persona ad un’altra, non le parole.”
“Nel silenzio c’è eloquenza. Smettila di tessere e vedrai come il modello migliora.”

25. Non è sufficiente essere semplicemente vivi.
” Tu pensi di essere vivo, perché respiri? Vergognati, sei vivo in un modo così limitato. Non vivere senza Amore, cosi non ti sentirai morto. Muori per Amore e rimani in vita per sempre.”

Fonte: www.spaziosacro.it

Afforismi e poesie di Rumi
14th Gen, 2018 da Ananda Saraswati

“Veicola luce, vivi la luce, spriggiona la luce SII LUCE.”

Biografia

Gialal al-Din Rumi fu un ulema, teologo musulmano sunnita e poeta mistico di origini persiane. Il suo nome è indicato anche come Jalāl al-Dīn Rūmī o Jalaluddin Rumi. E’ conosciuto come Mevlānā in Turchia e come Mawlānā in Iran e Afghanistan. Fondatore della confraternita sufi dei “dervisci rotanti“, Rumi è considerato il massimo poeta mistico della letteratura persiana.

Nasce il 30 settembre del 1207 in Afghanistan, probabilmente nella regione del Khorasan, a Balkh, da genitori di lingua persiana (secondo altre fonti, però, il suo luogo di nascita sarebbe Wakhsh, nel Tagikistan). Il padre è Baha ud-Din Walad, giurista, mistico e teologo musulmano.

Nel 1217, all’età di otto anni, partendo dal Khorasan Rumi compie, in compagnia della famiglia, il pellegrinaggio alla Mecca, mentre nel 1219 si trasferisce – sempre con il resto della famiglia – nella zona nord-orientale dell’Iran in seguito all’invasione mongola.

Con la famiglia passa, secondo la tradizione, attraverso Neishabur, dove incontra Farid al-Din Attar, vecchio poeta che gli profetizza uno splendido futuro e gli regala un esemplare de “Il libro dei segreti“, il suo poema epico, per poi nominarlo ideale continuatore della sua opera.

Gialal al-Din Rumi, quindi, si stabilisce con i genitori in Asia Minore, a Konya, dove viene introdotto alle scienze teologiche approfittando della fama di predicatore del padre. In seguito alla morte del genitore si avvicina anche alla mistica, diventando – così – una celebre guida spirituale sia per la dottrina che per le prediche. Comincia a radunare attorno a sé un gruppo di studiosi con lo scopo di redigere una teoria di scritti teologici.

Per ben sette anni Rumi rimane in Siria per approfondire lo studio delle scienze giuridiche e teologiche islamiche, tra Damasco e Aleppo. Il suo padrino Sayyid Burhan al-Din Muhaqqiq prende il posto di suo padre, prendendosi cura anche di lui e diventando lo shaykh dei discepoli lasciati da Baha ud-Din Walad.

Intorno al 1241, anno in cui Sayyid si ritira a Kayseri, Rumi lo sostituisce. Tre anni più tardi è protagonista di un incontro che gli cambierà la vita, quello con Shams-i Tabriz, personaggio misterioso che diventa il suo maestro spirituale trasmettendogli i suoi insegnamenti in tema di scienze legali e teologiche islamiche.

Con l’aiuto di Tabriz, esperto della scuola Shafi i, Rumi si dedica a una profonda e prolungata ricerca spirituale in seguito alla quale Tabriz sparisce in circostanze misteriose: un evento che crea scandalo.

Dopo la morte del maestro, Rumi è protagonista di una fase di eccezionale capacità creativa, grazie alla quale compone poesie per una raccolta che contiene qualcosa come 30mila versi.

Pochi anni più tardi egli ha modo di conoscere, nella città di Damasco, il grande mistico islamico Ibn Arabi, uno dei teorizzatori più importanti dell’unità dell’essere. Si dedica, quindi, alla realizzazione delle sue due opere principali: una è “Divan-i Shams-i Tabriz“, il canzoniere che raccoglie odi di vario genere. Mentre l’altra è “Masnavi-yi Manavi“, un lungo poema a rime baciate che da più parti è stato considerato un Corano in lingua persiana, suddiviso in sei quaderni ognuno dei quali anticipato da una prefazione in arabo in prosa.

Gialal al-Din Rumi muore il 17 dicembre del 1273 a Konya, in Turchia. Dopo la sua scomparsa i suoi discepoli faranno riferimento all’ordine Mevlevi, i cui riti sono finalizzati al raggiungimento della meditazione attraverso danze rituali. Quella dei dervisci rotanti è una pratica celebre: essi compiono una danza turbinante come metodo per raggiungere l’estasi mistica.

Leggi il resto… »

Il Potenziale dell’uomo-P.Yogananda
23rd Nov, 2017 da Ananda Saraswati

Maestro dello yoga, Paramhansa Yogananda, dice:

 

«Se copri un’immagine d’oro con un telo nero, potrai dire che l’immagine si è annerita? Certo che no! Sai bene

che, dietro quel velo, l’immagine è ancora dorata. E così sarà quando strapperai il velo nero dell’ignoranza che

ora nasconde la tua anima: contemplerai, ancora una volta, l’immutabile bellezza della tua natura divina».

«Tu sei divino, devi solo averne consapevolezza. Devi guardare dentro di te. Dietro l’onda della tua consapevolezza c’è il mare della presenza di Dio. Rivendica il tuo diritto di nascita divino. Dèstati, e contemplerai la

gloria di Dio».

Il messaggio fondamentale di Yogananda – tutto il suo insegnamento – è, infatti, la “realizzazione del Sé”

Il nostro vero Sé contiene infinite potenzialità e capacità, e ancora di più: è divino. Ognuno di noi, in altre parole, è un essere divino, radioso, libero, pieno di doti, di amore, di gioia, di innata grandezza. In termini biblici, l’essere umano è stato creato «a immagine e somiglianza di Dio».

Yogananda si rivolge a tutte le anime che si sentono pronte a fare il prossimo passo verso la loro vera natura, che è colma di tesori nascosti. Con la sua eterna saggezza, ci insegna a far tacere la voce delle abitudini limitanti, dei dubbi e

delle paure, e ad ascoltare e manifestare in ogni istante della nostra vita il potere della nostra mente e la più profonda – e vera – voce della nostra anima.

Yogananda spesso parla:

Nel nostro CORPO esiste la potenzialità di vivere in piena salute; di sviluppare la forza di

autoguarigione; di esprimere una naturale vitalità, armonia e benessere fisico.

Nella nostra MENTE si nascondono variopinti colori di creatività, di saggezza e comprensione, di gioia incrollabile, nonostante tutte le difficoltà della vita. C’è la capacità di amore incondizionato, di perdono in situazioni estreme, di una pace che nessuno ci può rubare.

A livello dell’ANIMA le nostre potenzialità sono infinite, letteralmente: l’anima, secondo Yogananda, ha la capacità di unirsi all’intero cosmo e alla Coscienza Assoluta, Dio, che ha creato ogni cosa.

Come ci ricorda Yogananda: «Tu sei più forte di tutte le tue tribolazioni … Dio ti ha dato il potere di controllare la tua mente e il tuo corpo, e così essere libero dal dolore e dal dispiacere». Tutti noi soffriamo… ma solo perché non abbiamo ancora risvegliato il nostro potenziale divino.

 Yogananda dice «Svegliati! Riscuotiti dai sogni di piccolezza e realizza l’immensità dentro di te … Ammirerai, senza alcuna distorsione, la tua perfetta abilità di conquistare ogni cosa».

(cit)

Salva

Salva

Salva

Repressesione sessuale, rabbia,legge di risonanza,karma, amore ed altro di Mauro Scardovelli
1st Ott, 2017 da Ananda Saraswati

 

L’Amore tra Shiva e Shakti
5th Set, 2017 da Ananda Saraswati

L’Amore tra Shiva e Shakti è la Realtà.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Semplicità e la Quintessenza.
L’Amore tra Shiva e Shakti è il Risveglio dell’Anima.
L’Amore tra Shiva e Shakti è lo Sbocciare dei fiori.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Vita che celebra se stessa.
L’Amore tra Shiva e Shakti è il Coraggio di fronteggiare e vincere ogni paura.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Legge.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Cura e la Guarigione.
L’Amore tra Shiva e Shakti è l’Energia che acquista Intento e Direzione.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Coscienza che diviene Azione Consapevole.
L’Amore tra Shiva e Shakti è il Risveglio dei Sensi e la Guarigione dei Corpi.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la più profonda Meditazione.
L’Amore tra Shiva e Shakti è il più potente Esorcismo che esista.
L’Amore tra Shiva e Shakti è il Canto più sublime che sia dato sentire e cantare a quegli Spiriti che non mollano, che non recedono di un passo dall’Eterna Fusione Amorosa.
L’Amore tra Shiva e Shakti è il Premio Supremo di chi osa Amare oltre il proprio piccolo orticello di possedimenti e di convinzioni personali.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Piena e Completa Centratura.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Trascendenza dell’umano.
L’Amore tra Shiva e Shakti è il Potere Infinito.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Medicina più Sacra.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Vittoria sull’egoismo, sull’opportunismo e sulla vigliaccheria.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Rivelazione del Sé.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Libertà Suprema.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Danza degli Atomi e delle Galassie.
L’Amore tra Shiva e Shakti è il Motivo stesso per cui tu, io e tutto ciò che è siamo Manifesti.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Morte dell’effimero.
L’Amore tra Shiva e Shakti è il Ritorno a Casa.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Suprema Beatitudine.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Suprema Consapevolezza.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Suprema Gioia.
L’Amore tra Shiva e Shakti è la Suprema Dedizione.
L’Amore tra Shiva e Shakti è l’Intento più Nobile.
L’Amore tra Shiva e Shakti è ciò che davvero Siamo.
L’Amore tra Shiva e Shakti è ciò che Sempre va onorato, ambito, auspicato e augurato, ma Shiva e Shakti non scendono a compromessi con la menzogna, con la paura e con i limiti umani.
Per sentire Dio occorre essere Dio.
Questa è la Via che ho scelto e da cui non indietreggerò mai.
Il resto sono chiacchiere da salotto.

(Hiranya Loka)

Foto: Alex Grey

Io sono Maria Maddalena
1st Set, 2017 da Ananda Saraswati

Dalla prefazione del libro di Anna Maria Bona “Maddalena, l’altra metà di Cristo”.

“L’Entità che io rappresento vive nel Sole spirituale laddove esiste il “Logos Cristico”, e non ha un tempo definibile come voi umani lo concepite. Io sono l’espressione Femminile di Cristo che, in tutti i tempi della vostra storia, ha accompagnato l’energia del Maschile Divino. Cristo ed Io rappresentiamo un’antica sostanza secondo la visione dell’essere androgino da Dio plasmato, perfettamente bilanciato tra la polarità maschile e femminile. Siamo quindi due facce della stessa medaglia.L’energia che si sta esaurendo ora in Terra pone fine ad un tempo troppo caratterizzato nel maschile e fortemente squilibrato. Esso lascerà spazio all’essenza del potere della Dèa, che diventerà strumento per creare un rinnovato stato di coscienza. Nel momento in cui l’energia del Femmininio Divino sarà risvegliata, riconquisterete l’armonia e la saggezza, indispensabili elementi che porteranno linfa vitale per la costruzione del mondo che verrà.Certo vi chiedete, a livello concreto, quale sia il modo per far emergere dentro di voi il femmininio sacro, quando ancora le vostre anime subiscono gli effetti devastanti della separazione, causati da un dominio maschile prevaricante!Vedete, amati, avete dovuto incarnarvi molte volte, attraverso schemi evolutivi, ora maschili, ora femminili per bilanciare ciò che indelebilmente si è impresso nell’anima e che vi ha allontanato dalla coscienza del vostro essere eterno e Divino.

Leggi il resto… »

Yoga Sutra di Patanjali (Samadhi)
1st Ago, 2017 da Ananda Saraswati


 
Parte 1
 
Samadhi: sulle Contemplazioni e Unione
1.1. Ora verrà esposta la disciplina dell’Unione (Yoga).
1.2. Unione è frenare i naturali flussi di pensiero della mente.
1.3. Così il testimone dimora nella sua propria natura.
1.4. In caso contrario, egli si identifica con i flussi di pensiero.
1.5. I flussi di pensiero sono cinque. Possono essere dolorosi o non dolorosi.
1.6. Essi sono: giusta conoscenza, falso sapere, immaginazione, sonno e memoria.
 

Leggi il resto… »

Inizio corso “Un corso in miracoli”
8th Set, 2016 da Ananda Saraswati

un corso in miracoli vasto

“I miracoli, nel senso di fenomeni che non possiamo spiegare, ci circondano da ogni parte: la vita stessa è il miracolo dei miracoli.” – George Bernard Shaw

DIO, ESSENDO AMORE, E’ ANCHE FELICITA’
“La felicità è un attributo dell’amore. Non può essere separata da esso. E non si può provare dove non c’è amore. L’amore non ha limiti, essendo ovunque. E pertanto anche la gioia è ovunque. Tuttavia la mente può negare che sia così, credendo che nell’amore vi siano degli spazi vuoti nei quali può entrare il peccato, portando dolore anziché gioia. Questa strana credenza limita la felicità ridefinendo l’amore come limitato, e introducendo opposizione in ciò che non ha limiti né opposti.

La paura viene dunque associata all’amore, e i suoi risultati divengono retaggio delle menti che pensano che ciò che hanno fatto sia reale. Queste immagini, in verità non reali, testimoniano la paura di Dio, dimenticando che essendo Amore Egli deve essere gioia. Oggi cercheremo nuovamente di portare alla verità questo errore fondamentale, e di insegnare a noi stessi:

Dio, essendo Amore, è anche felicità.

TemerLo è avere paura della gioia.

Inizia oggi i tuoi periodi di pratica con quest’associazione, che corregge la falsa credenza che Dio sia paura. Essa pone anche l’accento sul fatto che la felicità ti appartiene, grazie a ciò che Egli è.

Permetti che questa singola correzione venga posta oggi nella tua mente in ogni ora di veglia. Poi dai il benvenuto a tutta la felicità che porta, man mano che la verità sostituisce la paura, e la gioia diventa ciò che ti aspetti prenda il posto del dolore. Dal momento che Dio è Amore, essa ti verrà data. Sostieni frequentemente questa aspettativa durante il giorno, e placa tutte le tue paure con questa certezza, dolce ed assolutamente vera:

Dio, essendo Amore, è anche felicità.

Ed è la felicità che cerco oggi.

Non posso fallire, perché cerco la verità.”

Tratto da Un corso in miracoli

Il 9 settembre 2016 alle 20 30 al Centro Nirvaira inzia il corso settimanale “Un corso in miracoli”

Per info:3290771388

Salva

Salva

Pensieri di O. Aivanhov
29th Giu, 2016 da Ananda Saraswati

5dsoull

” Gli esseri umani, presi individualmente e isolatamente, sono deboli e senza forza. La loro forza si basa sull’unità, sull’armonia. Perciò pensate il più spesso possibile alla famiglia universale che dovete formare, malgrado le vostre differenze di carattere, di temperamento, di grado evolutivo, di condizione sociale, di attività… Mettete da parte questi dettagli, non sono importanti e non giocano nessun ruolo nella vita spirituale. Rafforzate nel vostro cuore la convinzione che, malgrado le divergenze, siete tutti membri della fratellanza universale, la cui origine non è sulla terra ma nel mondo divino. Nessuna impresa può dare risultati positivi, se gli esseri umani non hanno coscienza di agire non come individui separati, ma come membri di un unico corpo, la cui testa è in alto.”

“Se lasciate per qualche tempo un po’ di cibo in una stanza, presto arriveranno delle bestiole. Se avete lasciato un po’ di miele o di marmellata verranno le mosche o le vespe, se un po’ di formaggio, verranno i topi. Come fanno a sentire da lontano che c’è qualcosa proprio per loro? Basta però ripulire la stanza, perché gli animaletti spariscano. Questi dettagli della vita quotidiana, che tutti conoscete, vi permettono di capire meglio alcuni fenomeni dalla vita psichica. Se qualcuno si sofferma su certi pensieri, su certi desideri o sentimenti, che non sono né luminosi né puri, vedrà immediatamente
giungere le entità che amano le impurità, e che si stabiliranno presso di lui per nutrirsene. Se però si purifica e diventa ragionevole, quelle entità lo abbandoneranno per fare posto agli spiriti luminosi.
Pochissime persone sanno leggere il libro della natura che sta sempre davanti ai loro occhi. Direte che sono solo dei piccoli particolari, è vero, ma le loro applicazioni alla vita psichica sono immense.”
“Perché è importante avere un alto ideale di bellezza, di luce, di purezza, di potenza, d’amore?
Perché questo ideale produce un fenomeno magico:fra noi e il cielo si forma una rete di energie. L’idealemette in azione delle forze nascoste dentro di noi, le sveglia e le attira a sé. Si verifica una specie di polarità fra noi ed il nostro ideale che, non soltanto serve come termine di paragone, di misura, di modello, di campione, ma agisce anche come fattore
magico, mettendo in azione forze della nostra coscienza e del nostro super conscio. L’ideale agisce sul mentale, perché quest’ultimo impari a discernere e a riconoscere ciò che è perfetto; desta e risveglia il calore e l’amore nel cuore, stimola e dinamizza la volontà. Il nostro alto ideale mette, dunque, tutto il nostro essere in consonanza con Dio stesso.”
O. Aivanhov

Salva

Salva

Mahatma Gandhi
19th Mag, 2016 da Ananda Saraswati

unnamed
Mito del pacifismo del ventesimo secolo e formulatore della dottrina della nonviolenza, Gandhi ha condotto il processo di indipendenza dell’India.
Anche se fu l’architetto dell’indipendenza dell’India (1947), Mahatma Gandhi è raramente evocata da quello successo. In primo luogo, perché la figura più stimolante non risiede così tanto in quanto breve come i media, cioè nella sua quasi tre decenni di perseveranza in un attivismo Pacifico basato sulla non-violenza e la forza delle convinzioni. E in secondo luogo, perché i loro obiettivi sempre erano molto più ampi e comprendeva l’abolizione delle caste, giustizia sociale, la trasformazione delle strutture economiche e armonia tra le religioni, si propone che convergevano sull’ideale di un profondo rinnovamento etico e spirituale umano.

Leggi il resto… »

Paramahansa Yogananda
4th Feb, 2016 da Ananda Saraswati

yogananda

 

BIOGRAFIA

Mukunda Lal Ghosh, meglio noto come Paramhansa Yogananda, nasce a Gorakhpur, in India, il 5 gennaio del 1893. Grande Maestro dell’India, guru, filosofo, mistico, è passato alla storia per aver diffuso i propri insegnamenti negli Stati Uniti d’America e, soprattutto, per aver unito la spiritualità occidentale e quella orientale attraverso la disciplina comunemente nota come yoga.

La famiglia a cui appartiene il piccolo Mukunda è di origine bengalese, ed è molto devota, oltre che agiata da un punto di vista economico. Il carisma del futuro predicatore e maestro indiano è evidente sin dai suoi primi anni di vita: la profondità della sua coscienza e una spiritualità non comune ai suoi coetanei, sono i due tratti che lo distinguono in modo particolare. Stando ai racconti, i suoi genitori, discepoli del maestro Lahiri Mahasaya, avrebbero ricevuto proprio dal guru una benedizione, il quale avrebbe detto loro che il piccolo Mukunda, all’epoca ancora in fasce, sarebbe diventato un gran maestro del Kriya Yoga, la sua disciplina spirituale.

Leggi il resto… »

Frasi di Tagore
12th Ott, 2015 da Nirvaira

SULL’AMORE…
16th Gen, 2015 da Ananda Saraswati

amore

“La prima cosa della quale vi preoccupate dopo aver pronunciato le parole «Ti amo» è di domandarvi se ve le sentirete ripetere in risposta. E se ve le sentite ripetere, cominciate allora subito a preoccuparvi del fatto di poter perdere quell’amore appena trovato. E in tal modo tutte le azioni diventano reazioni, una difesa contro la perdita, anche mentre cercate di difendervi contro la perdita di Dio.
Eppure se sapeste Chi Siete, cioè l’essere più meraviglioso mai creato da Dio, non avreste più timore. Perché chi potrebbe respingere una così stupenda magnificenza?
Nemmeno Dio potrebbe trovare pecche in una simile creatura.
Ma non sapete Chi Siete, e vi considerate molto più scadenti. E da dove vi viene la convinzione di essere fino a tal punto meno meravigliosi di quello che siete? Dalle uniche persone in cui credete più che in ogni altro. Da vostra madre e da vostro padre. Sono loro ad amarvi o ad avervi amato più di tutti. Perché dovrebbero mentirvi?
Eppure non vi hanno forse detto che siete troppo di questo e non abbastanza di quello? Leggi il resto… »

“La preghiera che avevo dimenticato”
25th Apr, 2014 da Ananda Saraswati

relajacion-meditacion-yoga-via-pinterest11

Signore, proteggi i nostri dubbi, perché il Dubbio è una maniera di pregare. Esso ci fa crescere, perché ci obbliga a guardare senza paura le tante risposte a una stessa domanda. E affinché ciò sia possibile,

Signore, proteggi le nostre decisioni, perché la Decisione è una maniera di pregare. Dacci il coraggio, dopo il dubbio, di essere capaci di scegliere tra un cammino e l’altro. Che il nostro sì sia sempre un sì, e il nostro no sia sempre un no. Fa’ che una volta scelto il cammino, non guardiamo giammai indietro, né lasciamo che la nostra anima sia rosa dal rimorso. E affinché ciò sia possibile, Leggi il resto… »

GLI YOGA SUTRA DI PATANJALI
12th Dic, 2013 da Ananda Saraswati

YOGA_SUTRA_LI

Gli Yoga Sutra di Patanjali rappresentano il testo base sullo Yoga. Essi risalgono ad un periodo compreso tra il 200 a.C. e il 200 d.C. e costituiscono lo Yoga Integrale, anche definito Ashtanga Yoga (lo yoga degli otto passi: yama, niyama, asana, pranayama, pratyahara, dharana, dhyana e samadhi) o Raja Yoga (lo yoga regale, lo yoga superiore meditativo che corrisponde agli ultimi 4 gradini e postula i 4 gradini precedenti dell’Hatha Yoga).

Si compongono di 195 aforismi (sutra) divisi in 4 capitoli (pada):
Samadhi (Coscienza cosmica)
Sadhana (Pratica spirituale)
Vibhuti (Poteri soprannaturali)
Kaivalya (Liberazione). Leggi il resto… »

Lo scopo della Vita
23rd Nov, 2013 da Ananda Saraswati

69216_4393493719464_353404404_n (1)
Cerchiamo di scoprire dove risiede la felicità, se nelle cose del mondo, come il denaro, gli svaghi, il sesso, la famiglia, o invece nell’interiorità più profonda dell’uomo, nell’anima di ognuno di noi.Anche la felicità ha una storia che bisogna conoscere, un lungo viaggio da raccontare. Vediamo quali sono i momenti più significativi delle sue manifestazioni, al fine di cogliere il senso della nostra vita.Appena fa ingresso nel mondo, il bambino vede la sua gioia tutta racchiusa nell’immagine della madre, la sua unica fonte di felicità è il grembo materno. Non c’è niente che possa procurargli soddisfazione quanto le carezze e i giochi inventati dall’amore dei genitori. Egli ride di cuore e nella sua mente non esiste altro, né gli oggetti dei sensi, né i soldi, né il lavoro, cose per lui inutili e di nessun valore.Trascorre qualche anno e la felicità del bambino cambia direzione, spostandosi sui giocattoli. La madre non è più al centro della sua attenzione, la fonte unica della sua gioia, non lo attrae quanto gli oggetti dei suoi svaghi. Leggi il resto… »
Pensieri di Paramahansa Yogananda
22nd Set, 2013 da Nirvaira

577182_2880893157073_193297276_n
“Vedendo che ogni essere umano è una combinazione di materia e di spirito, i primi pensatori occidentali credettero che esistessero due forze indipendenti: la natura e la mente. Più tardi cominciarono a domandarsi: “Perchè ogni cosa nella natura è organizzata in un modo determinato?
Perchè l’uomo non ha un braccio più lungo dell’altro? Perchè le stelle e i pianeti non si scontrano?
Dovunque noi vediamo ordine e armonia nell’universo”. Essi ne dedussero che mente e materia non potevano essere allo stesso tempo separate e sovrane; un’unica Intelligenza doveva governare il tutto. Questa conclusione condusse naturalmente all’idea che c’è un solo Dio; che è allo stesso tempo la Causa della materia e Intelligenza in essa e dietro di essa. Colui che raggiunge la saggezza ultima realizza che tutto è Spirito in essenza, benchè nascosto nella manifestazione. Se aveste questa percezione, vedreste Dio in tutte le cose. Allora si pone la domanda: come fecero a trovarLo, in principio i ricercatori?
Come primo passo, essi chiusero gli occhi per escludere il contatto immediato col mondo e con la materia allo scopo di concentrarsi più pienamente sul compito di scoprire l’Intelligenza dietro di essa. Si persuasero di non poter vedere la presenza di Dio nella natura attraverso le percezioni ordinarie dei cinque sensi. Così iniziarono a cercare di sentirLo dentro di sè mediante una concentrazione sempre più profonda. Col tempo, scoprirono il modo di escludere dalla loro coscienza tutti i cinque sensi, eliminando temporaneamente del tutto, così, la coscienza della materia. Il mondo interiore dello Spirito cominciò a dischiudersi (nota: “…perchè, ecco, il regno di Dio è dentro di voi” Luca,17,21). A quegli uomini grandi dell’antica India che, infaticabilmente,persistettero in queste ricerche interiori, Dio alla fine si rivelò.”
(Paramahansa Yogananda)

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira