EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Seminario teorico pratico di Psicocibernetica e altre tecniche mentali
3rd Mag, 2017 da Ananda Saraswati

index

Presso Centro yoga, massaggi e terapie alternatve Nirvaira si terrà il seminario di  Psicocibernetica e altre tecniche mentali il 14 maggio alle 17 00.
Tecniche mentali con benefici come:
-eliminare lo stress
-usare il potenziale mentale
– rilassamento e l’abbassamento dei vissuti di ansia;
• il miglioramento della qualità del sonno;

• la capacità di rispondere agli eventi stressanti con azioni positive e di compensazione;

• il miglioramento dei vissuti negativi generati dalla presenza di difetti fisici o di malattie;

• lo sviluppo di un atteggiamento positivo di ricerca di soluzioni ai problemi basato su ll’uso dell’immaginazione creativa come chiave del funzionamento del servo-meccanismo di successo;

• la ristrutturazione dell’immagine di sé e la sua riprogrammazione per il successo e per il benessere;

• il miglioramento dell’accettazione di sé e dell’autostima;

• il riconoscimento anticipato di situazioni di pericolo o di fallimento;

• la destrutturazione di auto-valutazioni negative sbloccando i servo-meccanismi orientati al fallimento e al pessimismo e ricucendo alcune cicatrici emotive;

• il controllo delle emozioni eccessive (timidezza, rabbia, aggressività) che possono causare delle difficoltà nelle relazioni interpersonali o dei problemi di somatizzazioni.

La Psicocibernetica aiuta a programmare cambiamenti positivi in rapporto a numerose abitudini comportamentali, favorendo lo sviluppo di uno stile di vita positivo (alimentazione, attività fisica, relazioni sociali, abitudini lavorative).

Per info e prenotazioni:3290771388

Salva

Salva

Jiddu Krishnamurti, pensieri
11th Giu, 2016 da Ananda Saraswati

risveglio

Non sono un lettore. Ma ho osservato intensamente per tutta la vita.
(Jiddu Krishnamurti)

Responsabilità e serietà

Vedendo tutto ciò, la confusione, la grande infelicità, il senso di enorme malessere, ogni serio indagatore direbbe che è possibile trasformare questa società solo se l’individuo trasforma realmente se stesso, ovvero se si rigenera dalle fondamenta. La responsabilità di questa trasformazione ricade sull’individuo, non sulle masse o sui preti, sui templi o le chiese, ma su ogni essere umano consapevole di questa spaventosa confusione politica, religiosa ed economica.
(Un modo diverso di Vivere)

Quando i vostri interessi provati sono presenti, non ci può essere amore, ma solo il processo di sfruttamento che nasce dalla paura.
(La ricerca della felicità)

La crescita è il fiorire della bontà
(Un modo diverso di vivere)

Il compito dell’educazione consiste proprio nel risvegliare l’individuo
(La ricerca della felicità)

Leggi il resto… »

Pensieri di J.Krishnamurti
30th Mar, 2016 da Ananda Saraswati

da87d26be2627b73ad023d9af21c9d72

Responsabilità e serietà

Vedendo tutto ciò, la confusione, la grande infelicità, il senso di enorme malessere, ogni serio indagatore direbbe che è possibile trasformare questa società solo se l’individuo trasforma realmente se stesso, ovvero se si rigenera dalle fondamenta. La responsabilità di questa trasformazione ricade sull’individuo, non sulle masse o sui preti, sui templi o le chiese, ma su ogni essere umano consapevole di questa spaventosa confusione politica, religiosa ed economica.
(Un modo diverso di Vivere)

Quando i vostri interessi provati sono presenti, non ci può essere amore, ma solo il processo di sfruttamento che nasce dalla paura.
(La ricerca della felicità)

La crescita è il fiorire della bontà
(Un modo diverso di vivere)

Il compito dell’educazione consiste proprio nel risvegliare l’individuo
(La ricerca della felicità)

Leggi il resto… »

Deepak Chopra – Aforismi
22nd Set, 2015 da Ananda Saraswati

11760167_887252127996573_3487895133863087104_n

Non farti imprigionare mai dai ruoli che ti hanno (o che ti sei) dato: figlio, fratello, sorella, maschio o femmina, medico, avvocato, prete. Cerca di essere fedele solo a te stesso.
***
Le coincidenze sono qualcosa di più di un avvenimento divertente. Una coincidenza è un indizio che rivela le intenzioni dello spirito universale, e per questo è colma di significato. Leggi il resto… »

IL CAMMINO DI SHIVA (SHIVAMARGA)
1st Feb, 2015 da Nirvaira Shanti

Nataraja (Dancing form of Lord Shiva)

QUATTRO FINI E UN CAMMINO ACCESSIBILE

Quattro, si dice in India, sono i fini principali dell’esistenza umana: kama, il piacere; artha, l’utile; dharma, la rettitudine; moksha, la liberazione. Tutti gli uomini propenderebbero per uno di questi: i più passivi (shudra, pashu) per il solo piacere; quelli con un po’ più d’iniziativa (vaishya) per l’utile; i nobili (kshatriya) per la rettitudine; i saggi (brahmana) per la liberazione.

Siamo, si dice poi, nel kaliyuga: età oscura, età del ferro, in cui predominano i temperamenti peggiori, la vita umana è più breve, le tentazioni più forti.

È dunque possibile, nonostante ciò, raggiungere la liberazione?

Non rinunciamo subito, ragioniamone un attimo.

Non possiamo confidare eccessivamente nella tradizione: quel che ne comprendiamo non ci è finora servito a molto, e di quel che non abbiamo compreso ignoriamo la natura.

Non possiamo contare neppure sui maestri: c’è in giro troppo oro falso, e non siamo orefici esperti per saggiare l’autenticità di quello che ci passa per le mani.

E infine non possiamo chiedere troppo a noi stessi; non sappiamo quale sia la nostra forza, quali i nostri limiti, quanta tensione possiamo sopportare.

Dobbiamo dunque attenerci a ciò che di volta in volta possiamo constatare direttamente, cercando di essere sinceri con noi stessi ma senza strafare (strafare è infatti un ottimo sistema per non fare).

Non dobbiamo quindi pretendere, perché altri ce lo tramandano o ingiungono, di abbandonare il piacere (kama) e l’utile (artha), bensì dobbiamo, pur godendone, mantenerci nei limiti della rettitudine (dharma), rafforzando contemporaneamente il nostro intento di liberazione (moksha).

Tale posizione ci è accessibile e ci permetterà un certo equilibrio, evitandoci di sopravvalutare o sottovalutare le nostre capacità.

Detto così, sembra semplice; ma quando ci guardiamo intorno (e magari dentro) cosa vediamo? Incapacità di godere, inettitudine a trarre vantaggio, incoscienza etica, fantasticherie di liberazione senza reali possibilità di giungervi.

Perché?

 

Leggi il resto… »

SULL’AMORE…
16th Gen, 2015 da Ananda Saraswati

amore

“La prima cosa della quale vi preoccupate dopo aver pronunciato le parole «Ti amo» è di domandarvi se ve le sentirete ripetere in risposta. E se ve le sentite ripetere, cominciate allora subito a preoccuparvi del fatto di poter perdere quell’amore appena trovato. E in tal modo tutte le azioni diventano reazioni, una difesa contro la perdita, anche mentre cercate di difendervi contro la perdita di Dio.
Eppure se sapeste Chi Siete, cioè l’essere più meraviglioso mai creato da Dio, non avreste più timore. Perché chi potrebbe respingere una così stupenda magnificenza?
Nemmeno Dio potrebbe trovare pecche in una simile creatura.
Ma non sapete Chi Siete, e vi considerate molto più scadenti. E da dove vi viene la convinzione di essere fino a tal punto meno meravigliosi di quello che siete? Dalle uniche persone in cui credete più che in ogni altro. Da vostra madre e da vostro padre. Sono loro ad amarvi o ad avervi amato più di tutti. Perché dovrebbero mentirvi?
Eppure non vi hanno forse detto che siete troppo di questo e non abbastanza di quello? Leggi il resto… »

Presentazione corsi e attività A.P.S Nirvaira- Yoga (armonia per mente, corpo e anima)
21st Set, 2014 da Nirvaira

L’Associazione di Promozione Sociale “Nirvaira” di Vasto (CH) invita tutti coloro che cercano soluzioni concrete ai mali del nostro tempo e sono ancora consapevoli di avere diritto a una vita all’insegna della serenità, dell’integrità, dell’armonia interiore e del benessere psicofisico, sia per sé che per i propri cari, a partecipare alla conferenza introduttiva che si terrà in occasione dell’apertura dei nuovi corsi di Yoga a Vasto (CH) e a San Salvo (CH) e della ripresa delle attività dell’omonimo Centro Yoga, massaggi e terapie alternative.

La conferenza, tenuta dagli insegnanti del Centro Nirvaira, è finalizzata a fornire le prime informazioni essenziali, ed eventuali chiarimenti, su:

  • che cos’è lo Yoga;
  • quali sono i principi alla base della sua incomparabile e dimostrata efficacia;
  • quali e quanti benefici si possono ottenere tramite la conoscenza e l’applicazione pratica di questa scienza millenaria;
  • quali sono le forme di Yoga tradizionale autentico e in cosa differiscono dalle innumerevoli versioni “moderne” in circolazione;
  • come orientarsi verso una forma di Yoga piuttosto che un’altra, in base alle proprie attitudini e preferenze;
  • cosa verrà insegnato nei nostri corsi e come sono strutturati e cadenzati; Leggi il resto… »
Pensieri dai testi sacri
5th Giu, 2014 da Ananda Saraswati

 

meditatie_a2040b82afL’infelicità umana deriva dall’accettazione da parte degli uomini delle più basse condizioni della nostra mente. Con la pratica dello Yoga questo condizionamento può essere superato.

YOGA SUTRA DI PATANJALI

Bisognerebbe ricorrere allo Yoga, che è come il frutto dell’Albero Dispensatore di Desideri. Lo yogi distrugge le malattie con le posizioni, il Karma con il controllo del respiro, ed i disturbi mentali ritirando i sensi dal mondo esteriore. Uno yogi al più alto stato di samadhi non è influenzato dal tempo né da qualsiasi altro fattore.

GORAKSASHA TAKAM

Calma e stabilità del corpo e dei sensi sono conosciuti come Yoga.

KATHA UPANISHAD

  Seduto nella posizione del loto, e divenendo cosciente dei movimenti del Prana e dell’Apana, lo yogi dovrebbe praticare il controllo del respiro e visualizzare lo scorrere dell’energia. Allora la Liberazione diventa raggiungibile.

SHIVA SAMHITA

Una persona dovrebbe divenire libera da abitudini insane e innaturali gradualmente; similmente, bisognerebbe cercare di scoprire sane abitudini naturali. Il modo di ottenere ciò consiste nel sostituire le innaturali con quelle naturali. Se la sostituzione è naturale, l’abitudine non riappare; abitudini sane, acquistate gradualmente, rimangono salde.

CHARAKA SAMHITA

Le sette leggi spirituali del successo Deepak Chopra
27th Nov, 2013 da Ananda Saraswati

index

D.Chopra nel suo meraviglioso libro “Le sette leggi spirituali del successo” (7 laws of success), parla delle leggi spirituali , siamo tutti sotto l’influenza di questi qui.

1. La legge del potenziale puro,
2. La legge del dare e del ricevere,
3. La legge del karma,
4. La legge del minimo sforzo,
5. La legge dell’intenzione e del desiderio,
6. La legge del distacco,
7. La legge del dharma o dello scopo di vita.

Leggi il resto… »

Lo scopo della Vita
23rd Nov, 2013 da Ananda Saraswati

69216_4393493719464_353404404_n (1)
Cerchiamo di scoprire dove risiede la felicità, se nelle cose del mondo, come il denaro, gli svaghi, il sesso, la famiglia, o invece nell’interiorità più profonda dell’uomo, nell’anima di ognuno di noi.Anche la felicità ha una storia che bisogna conoscere, un lungo viaggio da raccontare. Vediamo quali sono i momenti più significativi delle sue manifestazioni, al fine di cogliere il senso della nostra vita.Appena fa ingresso nel mondo, il bambino vede la sua gioia tutta racchiusa nell’immagine della madre, la sua unica fonte di felicità è il grembo materno. Non c’è niente che possa procurargli soddisfazione quanto le carezze e i giochi inventati dall’amore dei genitori. Egli ride di cuore e nella sua mente non esiste altro, né gli oggetti dei sensi, né i soldi, né il lavoro, cose per lui inutili e di nessun valore.Trascorre qualche anno e la felicità del bambino cambia direzione, spostandosi sui giocattoli. La madre non è più al centro della sua attenzione, la fonte unica della sua gioia, non lo attrae quanto gli oggetti dei suoi svaghi. Leggi il resto… »
Chi sono Io? (II parte)
3rd Gen, 2013 da Ananda Saraswati

meditazione vasto(segue dalla prima parte)

16. Qual è la natura del Sé?
Ciò che in verità esiste è solo il Sé. Il mondo, l’anima individuale, e Dio sono apparenze in esso, come l’argento nella madre perla; questi tre appaiono e scompaiono nel medesimo istante.
Il Sé esiste dove non c’è assolutamente un “Io” – pensiero. Ciò viene chiamato “Silenzio”. Il Sé stesso è il mondo; il Sé stesso è l’”Io”; il Sé stesso è Dio; tutto è Siva, il Sé.

17. Non è tutto il lavoro di Dio?
Senza desiderio, determinazione o sforzo, il sole sorge, e nella sua mera presenza, la pietra solare emette fuoco, il loro fiorisce, l’acqua evapora, la gente compie le diverse azioni e poi riposa. Così come alla presenza del magnete l’ago si muove, è grazie alla virtù della presenza di Dio che le anime governate dalle tre funzioni (cosmiche) o dalla quintuplice attività divina compiono le loro azioni e poi riposano, in accordo con i loro rispettivi karma. Dio non ha volontà; nessun karma si attacca a Lui. E’ come per le azioni mondane che non influiscono sul sole, o come i meriti e i demeriti degli altri quattro elementi che non influiscono sullo spazio che pervade tutto.

Leggi il resto… »

Omraam Mikhaël Aïvanhov
1st Giu, 2012 da Ananda Saraswati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Feng Shui
3rd Set, 2011 da Ananda Saraswati

 La tua casa rappresenta il tuo corpo più  grande.
Cresce nel sole e dorme nel silenzio e non è senza  sogni…”
(Kahlil Gibran – Il Profeta)

A volte, quando abbiamo l’impressione che non vi sia alcun cambiamento nella nostra vita e sentiamo di ristagnare nella routine e nella monotonia, nasce spontaneamente in noi una soluzione: cambiamo qualcosa in casa e come conseguenza di questa semplice azione viviamo una trasformazione interiore. Senza un’adeguata conoscenza di alcune regole essenziali non possiamo però sapere se il cambiamento apportato produrrà o meno un effettivo miglioramento nella nostra esistenza, almeno finché i frutti di tale cambiamento non saranno manifesti, ma per allora probabilmente non saremo neanche in grado di trovare la giusta correlazione tra cause ed effetti. Questa è la differenza sostanziale che esiste tra chi conosce e applica e chi semplicemente subisce le leggi naturali dell’Universo, ignorandone l’infallibile perfezione.

Se non disponiamo di un ambiente energeticamente positivo, giacché al giorno d’oggi è estremamente raro trovare uno spazio che sia già perfettamente equilibrato, si può ricorrere agli insegnamenti orientali così da trasformare la propria casa in un luogo in cui rigenerarsi e sentirsi bene. Il Feng Shui ci guida su come far lavorare gli elementi della natura a nostro vantaggio, garantendo un equilibrio armonioso tra noi e ciò che ci circonda.

Il Feng Shui è un’arte antica,  millenaria, ed è ben lungi dall’essere una serie di superstiziose credenze o di tradizioni religiose, come alcuni erroneamente pensano. Così come esiste l’Ikebana in Giappone, esiste il Feng Shui in Cina, ma l’arte di armonizzare il luogo in cui si vive o si lavora si è ormai diffusa pressoché in tutto il mondo.

Che cos’è di fatto il Feng Shui? Queste due parole cinesi che significano “vento” e “acqua”, evidenziano la quintessenza della saggezza orientale, che insegna che alla base di tutto vi sono gli elementi fondamentali della natura. Attraverso un’efficace combinazione nella nostra vita degli elementi costituenti la natura, possiamo raggiungere uno stato di equilibrio e armonia tanto interiore quanto esteriore.

Il Feng Shui Tradizionale è un’antica disciplina cinese che esiste da quasi seimila anni. Si tratta di un sistema basato sull’attenta osservazione delle forze celesti (tempo), delle forze telluriche (spazio interno ed esterno) e della loro interazione. E’ la pratica dell’equilibrio di queste forze.

BA  GUA

Il BA GUA, che significa “otto trigrammi”, è uno strumento del Feng Shui tradizionale, costituito da otto aree attorno al centro, che compongono le nove categorie della vita. Ogni ambiente può essere suddiviso in nove sezioni ognuna delle quali avente un significato simbolico che corrisponde a un’area specifica della nostra esistenza.
I nove settori sono:

  • ricchezza / prosperità
  • fama / riconoscimento
  • matrimonio / relazioni
  • bambini / creatività
  • persone di aiuto / maestri / viaggi
  • carriera / evoluzione nella vita
  • saggezza / educazione
  • famiglia
  • salute

Il Feng Shui ci insegna a sviluppare e armonizzare tutti questi settori e può essere applicato in casa (globalmente e in ogni singolo ambiente), nel giardino, nelle città, nei quartieri, sul posto di lavoro, in ufficio. L’ideale sarebbe poter costruire un ambiente già predisposto in base ai principi del Feng Shui, ma se lo spazio esiste già, se ne può ottenere l’armonizzazione ricorrendo a specifici oggetti in grado di ristabilire l’equilibrio degli elementi (terra, metallo, legno, fuoco, acqua).

I metodi più semplici attraverso cui possiamo applicare il Feng Shui.

Il calore, la ventilazione, l’illuminazione, la colorazione delle pareti, piccole decorazioni interne, fanno tutti parte dell’arte del Feng Shui. Per attivare armoniosamente gli appositi settori si ricorre a: statuette, cristalli, pietre, candele, specchi e fontane.

Consulenze Feng Shui per la casa e l’ufficio secondo la scuola Feng Shui delle “Stelle Volanti” e Scuola della Forma.

Il termine Stelle Volanti proveniente dall’antica saggezza e filosofia cinese, designa un sistema che include i concetti di yin e yang, i cinque elementi, i  trigrammi I Ching, il concetto di tempo, come pure alcuni disegni misteriosi: il diagramma Lo Shu e  il diagramma He Tu.

Questa forma avanzata di Feng Shui analizza l’influenza delle energie mutevoli (Stelle Volanti) combinate con l’ambiente fisico. La scuola delle Stelle Volanti indica ciò che è utile e benefico nel periodo attuale e per quanto tempo resterà tale, in funzione del loro movimento periodico.

Informazioni e contatti

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira