EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Rame – proprietà e utilizzi
27th Mar, 2012 da Ananda Saraswati

Il rame, anche se presente in tracce, è un metallo essenziale per la crescita e lo sviluppo del corpo umano. Il rame si trova un po’ ovunque nel corpo. Gioca un ruolo importante all’interno del metabolismo, dalle normali attività cerebrali, nervose e cardiovascolari, al trasporto del ferro, alla protezione delle cellule contro l’ossidazione. Il rame rafforza le ossa e assicura il funzionamento del sistema immunitario. Si ritrova negli enzimi e, una volta assunto attraverso il cibo e l’acqua, viene assorbito dallo stomaco e dal primo tratto intestinale per poi passare nel sangue legandosi ad una proteina, la ceruloplasmina, ed essere infine portato verso il fegato, da dove viene distribuito ai vari organi. Il fegato, che svolge la funzione di regolare il contenuto di rame nel corpo umano attraverso un processo chiamato omeostasi, presenta una delle maggiori concentrazioni di rame nel corpo umano. Il rame interviene nella formazione e nel mantenimento della mielina (lo strato protettivo che copre i neuroni); enzimi a base di rame intervengono nella sintesi dei neurotrasmettitori (messaggeri chimici che permettono le comunicazioni attraverso le cellule nervose). Il rame combatte l’ossidazione cellulare, neutralizza i radicali liberi ed è importante anche per la pelle e lo scheletro perché interviene nella formazione del collagene (proteina principale che si trova nella pelle e nelle ossa). Rafforza le funzionalità del sistema immunitario, del cuore e dei vasi sanguigni, influenza il metabolismo del colesterolo e del glucosio ed é necessario durante la gravidanza e l’allattamento. Il rame è benefico in caso di dolori reumatici e artrite. Contrasta i disordini intestinali e stimola il metabolismo. Attenua stati febbrili e infiammatori, scioglie i crampi. Fortifica il sistema immunitario e ha un’azione disintossicante. Eccellente conduttore di energia. Invia e amplifica pensieri di equilibrio psico-fisico.

Noto come metallo portafortuna è usato per portare energia positiva nell’aura bioenergetica. Interviene sugli stati emotivi, bilanciandoli e agisce sulla capacità di auto-accettazione, importante per il processo di crescita spirituale. Favorisce il rilascio di risentimento e rabbia. Stimola l’attività onirica, sviluppa la fantasia, favorisce il senso dell’estetica e della bellezza. La tradizione lo associa al pianeta Venere e come tale rafforza il senso di giustizia e l’amore verso tutti gli esseri viventi. Ideale per scaricare gli eccessi di tensione su un punto dolente e sovraccarico di energia. Può essere usato tra un chakra e l’altro come conduttore, per il collegamento energetico tra i chakra equilibrandone il flusso. Equilibra le polarità del corpo e agisce in maniera benefica sui chakra.

Le pepite di rame aumentano il desiderio, la sessualità e la vitalità. Queste energie possono essere canalizzate per migliorare la propria crescita personale e aiutare a riconoscere gli ostacoli sul proprio cammino.

Si possono usare due tipi di bracciali in rame:

I. I famosi bracciali in rame magnetici, considerati dai loro costruttori una sorta di panacea universale, in grado di prevenire molte patologie: prevengono e curano i dolori reumatici, artritici e i dolori muscolari in genere. Il bracciale in rame ha proprietà stimolanti su tutto il fisico e sulla psiche e respinge le onde vibrazionali negative.

I consigli che vengono dati riguardo l’uso di questi bracciali sono:

  1. Le due estremità del bracciale non devono mai venire in permanente contatto, altrimenti il circuito attivo verrebbe interrotto.
  2. E’ necessario portare il bracciale notte e giorno.
  3. Il contatto con la pelle può intaccare la parte interna del bracciale a causa dello scambio di energia. Perciò esso va tenuto pulito.
  4. Una leggera traccia di colore verde al polso, nel punto di contatto, è il chiaro segno dell’azione attiva del metallo.
  5. Va periodicamente “scaricato”, passandolo sotto l’acqua corrente e mettendolo sulla terra di un vaso in cui vi sia una pianta. Possiamo indossare anche anelli, orecchini e ciondoli in rame per beneficiare delle sue proprietà.

II. Bracciali in rame che invece devono essere chiusi: portati giorno e notte sono utili per contrastare le onde psicotroniche emesse nell’ambito del progetto HAARP.

Dal punto di vista Feng Shui, è bene tenere sotto il letto una spirale in rame per armonizzare le energie e come protezione sia contro l’inquinamento da onde elettromagnetiche che dai cosiddetti “nodi Hartmann”.

Come ben sanno i radioestesisti i nodi Hartmann sono pericolosi. La teoria del Professor Ernst Hartmann (1915-1992) riguarda delle radiazioni che proverrebbero dal sottosuolo terrestre, poi meglio definito come un reticolo magnetico nocivo per la salute soprattutto nei punti di incrocio delle “maglie”, che avrebbero una dimensione di 2,5 metri per 2 con direzione nord-sud. La pericolosità di questi incroci sarebbe ulteriormente accentuata in presenza di una falda acquifera oppure di materiali ferrosi nel sottosuolo. Dalle dimensioni del quadrante di questo reticolo capite quindi che è molto probabile che un letto matrimoniale sia posizionato sopra uno di questi nodi patogeni,e che dormirci sopra non sarebbe affatto salutare, soprattutto se la struttura del letto è in ferro, materia che amplificherebbe gli effetti nocivi.

Quindi insonnia, mal di testa, dolori articolari, nervosismo, malesseri generali, potrebbero benissimo essere spiegati con il sostare per lungo tempo, magari nelle ore di sonno oppure sul divano o sui luoghi di lavoro (scrivania), in corrispondenza di un nodo patogeno altrimenti chiamato anche “nodo cancro”. Secondo le teorie di Hartmann, se si sosta per lungo tempo sopra un nodo,potrebbe causare il cancro. Le conseguenze dello stazionare sopra un nodo patogeno o nei pressi di una apparecchiatura emanante onde elettromagnetiche (grandi antenne ricetrasmittenti, telefonia,alta tensione, forni a microonde ecc…) sono gli stessii effetti nocivi di questi incroci pericolosi che erano conosciuti anche dagli antichi romani, che provvedevano a edificare i loro templi in modo da evitare nodi pericolosi nei punti nevralgici della costruzione.

Anche le piante se potessero eviterebbero di nascere sopra un nodo di Hartmann e bene che anche le piante da appartamento non siano messe su questi punti (soprattutto se muoiono subito è segno che sono sui nodi Hartamann). Nel mondo animale è possibile notare dei comportamenti che sono collegabili alla rete patogena. I gatti, le formiche, le termiti sono animali che sentono i nodi di Hartmann. Il cane invece è tutto il contrario, non vuole stare su quei nodi, oppure se sta si ammala.

Di qui la necessità di correre ai ripari progettando abitazioni in luoghi non radianti, e, dove vi sia già la costruzione, eseguendo mappature dettagliate della posizione dei nodi di Hartmann più patogeni al fine o di spostare la posizione del letto e della scrivanie al di fuori delle zone a rischio, o di schermare i punti cancro per mezzo di tappetini di sughero e rame (anche se non abbiamo individuato i nodi, è bene avere la spirale di rame sotto il letto).

Il rame può essere usato in casa come abbiamo visto, sul corpo come anelli, bracciali, orecchini, ciondoli e internamente sotto forma di  colloide.

Nodi Hartmann – reticolo pericoloso
23rd Mar, 2012 da Ananda Saraswati

Vitruvio, nel “De Architectura” racconta che prima di edificare una casa o una città i romani lasciavano pascolare sul terreno scelto un gregge di pecore per poi esaminarne le interiora. Oggi si sa che queste pratiche che sanno di magia hanno una base reale. La terra, già immersa in un vasto campo di radiazione naturale, indispensabile per lo svolgersi della vita, produce essa stessa delle radiazioni; se in un luogo queste sono in eccesso, ne risentirà il funzionamento del fegato, che, regolando e filtrando il sangue, è la prima barriera che il corpo oppone ai raggi tellurici.

I RETICOLI GEOMAGNETICI – Il primo che segnalò, nel 1937, al Congresso internazionale della stampa scientifica, la presenza sulla terra di un campo elettromagnetico a struttura reticolare simile a quella dei meridiani e dei paralleli geografici, fu Peyré. Le sue ipotesi vennero riprese e sistematizzate poi da altri ricercatori, in particolare da Ernst Hartmann, dell’università di Heidelberg, considerato uno dei pionieri della geobiologia.

Hartmann parla di rete globale, o rete H, che sarebbe distribuita sull’intera superficie della terra e si innalza attraverso tutta la biosfera facendo supporre un irraggiamento proveniente dall’interno del globo. La maglia, che si restringe verso i poli e si allarga verso l’equatore, è composta da fasce larghe circa venti centimetri: determinare la loro posizione precisa è possibile ma difficile per la relativa instabilità, perché risente dell’influenza dei fattori geofisici e delle perturbazioni elettromagnetiche naturali e artificiali. Le fasce del reticolo hanno effetti negativi, soprattutto nei punti di incrocio, detti nodi H, che sono energeticamente più attivi. Sarebbero veramente nocivi quando coincidono con altre perturbazioni dovute a fonti sia naturali sia artificiali: a rendere più attivo un nodo H è la presenza nel sottosuolo di corsi d’acqua, faglie, masse magnetiche e strutture metalliche.

GABBIE DI FARADAY – I campi elettromagnetici naturali possono essere modificati da campi artificiali. Nelle gabbie metalliche, come ad esempio un edificio costruito in cemento armato, può verificarsi assenza di campo elettrico naturale, fenomeno noto come gabbia di Faraday. Michael Faraday, chimico e fisico inglese, osservò che una qualsiasi struttura metallica a forma di gabbia funge da schermo: i corpi in essa contenuti vengono isolati dall’azione dei campi elettrici esterni, e rimane solo quella dei campi magnetici. La mancanza o le anomale variazioni di campi elettrici portano a stati di indebolimento generale, che arriva in certi casi a essere una vera sick building sindrome. E’ stato infatti dimostrato che il campo elettrico naturale ha un ruolo fondamentale sul mantenimento della polarizzazione cellulare e sull’inibizione dei processi di proliferazione dei microrganismi: in sua assenza l’organismo ha meno difese.

I RIMEDI – Tutte le strutture metalliche modificano le onde elettromagnetiche. E’ meglio non collocare grandi strutture di metallo come librerie nelle camere o anche nei vani sottostanti: la caldaia e l’auto nel garage sotto la camera da letto possono avere un effetto amplificatore. Per neutralizzare gli effetti delle radiazioni telluriche in camera da letto, si può ricorrere a materiali con proprietà schermanti: un rimedio efficace è il filo di rame intrecciato su stuoie e coperte di lana pura, hanno proprietà parzialmente isolanti il legno, il sughero, il bambù e la lana.

LE “ANTENNE” ANIMALI – Oltre a strumenti come il galvanomerto (che misura le correnti elettriche anche deboli) e il geomagnetometro (che registra il magnetismo di origine terrestre), anche l’osservazione del comportamento di animali e vegetali fornisce alcuni indizi. Il cane è un buon rivelatore e ha un’istintiva antipatia per le zone perturbate, mentre il gatto ama le vibrazioni dei raggi tellurici della rete, in particolare i nodi di H e sceglie i luoghi a maggiore sollecitazione. Le api producono una quantità tripla di miele se sono su un nodo di H, termiti e formiche, invece, cercano le zone di più intensa irradiazione per costruirvi le loro dimore.

Anche le piante si mostrano molto sensibili alle zone geopatogene, nelle quali hanno difficoltà di attecchimento e di crescita e subiscono più facilmente le malattie; una zona negativa è resa particolarmente evidente dalle siepi che, nella parte interessata, perdono vigore e ingialliscono. Tra le più sensibili, il capelvenere e il prezzemolo in vaso, che nel luogo sabgliato non si sviluppano. Il cocomero, il sedano e la cipolla non riescono a crescere in zone perturbate.

fonte: uniurb.it

I nodi Hartmann sono chiamati anche “nodi cancro”, le personne che ci dormono sopra, si possono ammalare garvamente, spesso di tumori.Nella Consulenza Feng shui vengono misurati e rilevati i nodi per evitare di dormirci o stare sopra e ammalarsi.

Per consulenza di relevamento dei nodi  contattaci.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira