EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE


   
BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
Cristalloterapia
luglio 15th, 2011 da Ananda Saraswati

Col termine di Cristalloterapia intendiamo l’uso di cristalli, pietre dure, preziose e semipreziose,per combattere sia malesseri quotidiani che squilibri energetici .

COSA SONO I CRISTALLI E LE PIETRE?

Sono l’incontro concreto di quattro elementi della creazione: ARIA, ACQUA, TERRA, FUOCO

Sono individui singoli ed hanno le memorie di tutto il loro vissuto racchiuse in sé.

Cristalli –FORME GEOMETRICHE TRIDIMNESIONALI in qui le molecole, gli atomi e gli ioni, possiedono un ordine regolare ben preciso, assumendo forme diverse, avendo però in comune la Simmetria.

I cristalli, infatti, si formano proprio a partire da un liquido o da un gas che solidifica intorno a germi di condensazione.L’unita tra le varie particelle dei cristalli li fa vibrare in armonia cosmica che può essere usata per guarire o per l’evoluzione spirituale. I Cristalli siano dei potenti ricetrasmettitori di energia, ognuno con proprietà di frequenza diversa a seconda del sistema di cristallizzazione. Vibrando ogni cristallo emana un diverso flusso di energia, che dipende dalla forma e dalla sua struttura molecolare, dalla composizione chimica e anche dal colore: la cristallo-terapia si avvale di queste vibrazioni per riequilibrare il flusso di energia del corpo umano.

Il cristallo ha la  capacità di “riordinare” e riequilibrare secondo la propria struttura, qualsiasi forma di energia gli passi attraverso.

Questo vale tanto per energie normalmente contemplate dalla fisica moderna (pressione, calore, elettricità ecc.) quanto per i centri ed i campi elettromagnetici (AURA) degli esseri umani,

Molti cristalli minerali vengono utilizzati in svariati campi come la medicina, l’elettronica, l’informatica, l’edilizia, l’ottica. Tra le proprietà scoperte, che ne hanno diffusa l’utilizzazione, vi sono: la triboelettricità, forma di elettrizzazione per strofinio;

La pirnelettricità, produzione di elettricità sulla superficie del quarzo causata dal riscaldamento;
la piezoelettricità, carica elettrica prodotta dal quarzo sulla sua superficie quando viene sottoposto a compressione secondo una determinata direzione.

I CRISTALLI DI RUBINO  -NEI LASER PER MICRO-CHIRURGIA.IN DISPOSITIVI A ULTRASUONO,OROLOGI A POLSO ,COME CAPACITATORE”-PER MODIFICARE LA CAPACITA DELL’ENERGIA NEI CIRCUITI ,CONTROLLO DI FREQUENZE RADIO ,COME CONDENSATORE.

Gli strumenti a fibre ottiche sono realizzati con cristalli di Quarzo.

Frammenti di Diamante vengono utilizzati, per l’impiego odontoiatrico.

In informatica il Silicio (artificiale poiché deve essere puro) che è un componente del Quarzo, viene utilizzato per costruire i chip (la base) dei processori.

La misurazione di reperti antichi al Carbonio 14, viene effettuata in contenitori di Quarzo poiché

sono gli unici materiali privi di particelle di Carbonio che possano falsare la rilevazione.

Ingegneri giapponesi hanno posizionato alcune druse di Quarzo con Tormalina nelle stanze dei computer e terminali, non per bellezza, ma per sfruttare la proprietà di protezione dalle radiazioni che hanno questi minerali, salvaguardando la salute degli operatori.

Inoltre, una certa quantità di silicio, come nei computer, lo trasforma in semiconduttore.

Rudolph Steiner, antroposofo contemporaneo, non solo ha più volte fatto cenno alle formazioni cristalline, ma ha anche rilevato che nel corpo umano si trovano cellule esagonali di silicio come nei cristalli di quarzo che, pur non cristallizzando, conservano in tutto e per tutto le stesse caratteristiche. L’interazione è poi favorita dall’acqua, di cui il corpo umano è composto al 70%, quindi l’acqua farà da conduttore di energie.

I cristalli e le gemme non vanno considerati come oggetti magici, o almeno lo sono tanto quanto qualunque altra manifestazione naturale.

LA STORIA


La rinascita della cristalloterapia negli ultimi anni, dimostra una nuova frontiera nella guarigione complementare; ma l’uso dei cristalli e minerali in terapia non è nuovo.

La storia dei cristalli si perde nella notte dei tempi poiché gli antichi popoli utilizzavano le gemme e le pietre per la salute non solo del corpo, ma soprattutto come mezzo per potenziare e sviluppare le energie sottili del corpo stesso e come accumulatori delle energie cosmiche.La civiltà di Atlantide è nota per la sua conoscenza dell’arte della cristalloterapia e nell’uso della potenza energetica di enormi cristalli per l’uso civile e di vita quotidiana.

I rimedi, le essenze omeopatiche dei fiori, sviluppati dagli Atlantidei, erano particolarmente famosi; queste venivano estratte e potenziate usando l’energia dei cristalli!

Egizi, Maya, Celti,Indiani, Tibetani, Sumeri, Assiri ed in quasi tutte le grandi civiltà si riscontrano notizie sull’uso costante di pietre e cristalli che sono state tramandate fino ai giorni nostri da  sconosciuti sciamani o da celebri personaggi come Plinio il Vecchio,  Giorgio Agricola, iVescovi Isidoro di Siviglia e Marbodo di Rennes, Re Alfonso di Castiglia, tanto per citare alcuni nomi famosi.

Le popolazioni indigene dell’America e dell’Australia li hanno usati da tempo immemorabile! Questa gente ha vissuto una vita in sintonia con la natura ed era a conoscenza delle energie curative dei cristalli. Come erano ugualmente coscienti delle proprietà di guarigione del regno delle piante.

Nnell’India antica si consigliava ai Re di far collezione di gemme per proteggersi dagli eventi infausti; i primi lavori di astrologia, datati 400 a.C., svilupparono osservazioni sul potere dei cristalli.

I Maya e gli indiani d’America facevano uso di cristalli sia per la diagnosi che per la cura delle malattie.

Paracelso fu un grande estimatore ed utilizzatore di cristalli, così pure Ildegarda, la giovane suora poi diventata santa che nel Medioevo definì proprietà e caratteristiche dei vari minerali, intuendo per prima la capacità di rifrazione della luce del rubino: partendo da lei siamo arrivati a scoprire il laser.

Anche le religioni hanno sempre utilizzato il simbolismo delle pietre.

Nell’antica Cina la pietra sacra per eccellenza era la giada e ognuna delle sue varietà di colore simbolizzava un pianeta: quella nera si riferiva a Mercurio, quella bianca a Venere, quella rossa a Marte, quella verde a Giove e quella gialla a Saturno.

Nel Vecchio Testamento, le 12 pietre del pettorale del Sommo Sacerdote rappresentavano i dodici figli di Giacobbe e le loro 12 tribù.

Nella tradizione cristiana, le pietre preziose hanno ornato calici, crocifissi e paramenti sacri.

Ancora oggi il vescovo porta un anello di ametista, il cardinale il rubino e il papa lo smeraldo.

Corso di Cristalloterapia

Trattamenti con cristalli

Per contatti:http//nirvaira/contatti

Condividi!

Lascia un commento

XHTML: È possibile utilizzare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

BARRA LATERALE
»
B
A
R
R
A

L
A
T
E
R
A
L
E
«
»  Motore: WP   »  Carrozzeria: Ahren Ahimsa
© Nirvaira